none_o

Se sul campo la guerra continua con le solite nefandezze sui nostri media nazionali appare sbiadita, superata da altri e più urgenti problemi, vecchi come il Covid e nuovi come la recente crisi politica. Oramai è un sottofondo e tranne per il pericolo Zaporizhzhia i nuovi morti e le nuove devastazioni attirano sempre meno l’attenzione dei media nazionali. Come i media anche la nostra psiche si adatta.

Angori Massimiliano
none_a
Massimiliano Angori
none_a
Massimiliano Angori
none_a
. . . era da pubblicare la presa per i fondelli fatta .....
Uno degli scambi di post più interessanti degli ultimi .....
Essere candidati non vuol dire essere eletti. Quest'anno .....
CHE VUOL DIRE: BRAVO BRUNO!
. . . . . . . . . . . .....


"Fra gli alberi" Opera pittorica di Patrizia Falconetti

di Matteo Renzi (a cura di BB, red VdS)
none_a
di Umberto Mosso (a cura di BB, red VdS)
none_a
di Renzo Moschini (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
di Renato Brunetta ministro
none_a
Coordinamento regionale Forza Italia Toscana
none_a
Incontrati per caso…
di Valdo Mori
none_a
POSTE ITALIANE
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Io, Medico (dr. Pardini e altri)
none_a
Vicopisano
none_a
"Cinema Sotto le Stelle" a Calci
none_a
BUTI
none_a
ANIMALI CELESTI
teatro d’arte civile
none_a
COMITATO PER LA DIFESA DI COLTANO (PARCO MSRM)
none_a
Capita che ci si perde in tempi lontani, dove niente fiorisce spontaneamente.
Ma la vita vive lo stesso
In zone diverse, con ritmi diversi.
Avevo .....
ASSEMBLEA PUBBLICA ASBUC DEL 21 LUGLIO 2022
Ricordiamo che il 21 Luglio 2022 alle ore 20, 30 presso la Sala Consiliare del Comune di Vecchiano, sita .....
none_o
Il Tempo Imperfetto
Le Madamadorè

20/12/2015 - 12:11

C’è  il tempo presente, il tempo futuro e il futuro anteriore, il passato prossimo e quello remoto, i trapassati e si sa, tutto (è) indicativo. E nel nostro tempo imperfetto perfino la coniugazione porta difetto, rimane qualcosa di non detto, sospeso nell'aria come un dispetto?
 
Io lavoravo (Ex. Art. 1 della Costituzione Italiana)
Io manifestavo (Fino a quando qualcuno ha usato l'imperativo “Caricate)
Io avevo (Doveri e Diritti: i primi sono aumentati i secondi stanno sparendo - dal vangelo secondo Gerundio)
Io mangiavo (azione attiva, sostituita dall'azione passiva, #iovengomangiato)
Io studiavo (alla scuola pubblica, resisterà?)
Io credevo (nella giustizia, nella verità, nella parità)
Io votavo (su una scheda elettorale, ora mi fanno fare il televoto)
 
Io ero...una coscienza, singolarmente si ha una coscienza, collettivamente si è coscienza. La coscienza collettiva, su scala sempre più grande: famiglia, paese, città, regione e così via, fino ad arrivare alla coscienza collettiva di uno stato e poi a quella di tutti gli stati messi insieme, per obiettivi comuni, per tutele crescenti per tutti. Ma come? Se mentre qualcuno pensa, con una sigla da spot pubblicitario “COP21”, di cambiare il declino del pianeta, parlando di “lotta al cambiamento climatico”, quando invece  la lotta è da farsi contro di noi, contro le nostre abitudini, i nostri modi di vivere, di stra-produrre, di stra-consumare; altri si inventano una stupida guerra, sfoderando forze e arsenali, dichiarazioni e pugni di ferro...come??? Dov'è la coscienza di ognuno, quando nella morte, il discrimine lo fa la latitudine? Dove è quando passiamo oltre, scavalchiamo, chi  ci tende una mano?

Dov'è finita l'energia di quel lontano novembre del 1989 quando veniva buttato giù un muro? se ora sorgono muri e fili spinati ...un tempo passato senza imparare, da capo si deve ricominciare? abbattere i muri per tornare a cantare. Dov'è finita la memoria di quel che abbiamo passato e quindi imparato? Non possiamo assuefarci, anestetizzare l'anima per non sentire più il dolore, la vista per non vedere più l'orrore…dov’è finita la capacità di indignarci? Quella capacità che poi che fa agire, che ci trasforma in militanti, in persone capaci di contrastare modelli di vita ingannevoli, il degrado morale, culturale e politico che ci circonda.
E non credo proprio che sia la crisi economica ad aver generato/alimentato questo diffuso senso di indifferenza e impermeabilità, questa apatia e poca propensione alla discussione e alla contrapposizione. Al buio tutti i gatti sono bigi, dice un vecchio adagio, ecco non so quando abbiamo iniziato, ma noi abbiamo iniziato a spengere le luci, piano piano, poco per volta, abbiamo cominciato ad abbassare la conflittualità tra le diverse parti politiche, abbiamo cominciato a dire che la destra e la sinistra sono categorie del passato che non interpretano più il presente, abbiamo cominciato a costruire un mondo dove tutto è diventato molto uguale…chi insegnerà alle nuove generazioni la capacità di critica, di reazione, il valore dell’indignazione, del resistere?
Ma in tutto questo poi, nei fiumi di parole che scorrono ogni giorno sulle tv, sui giornali, sul web, qualcosa mi sfugge, c'è sempre una fretta strisciante nel dire, quasi come a non voler far capire. Notizie, informazioni, immagini che vengono lasciate scorrere ad alta pressione, tanto da non dare tempo ad alcuna riflessione, rimane come unica via, il tasto Off, in ognuno di noi, liberalmente arbitrato: lo schiacci, spegni e da lì puoi cominciare a riflettere.
Il tempo imperfetto cos'è? È quello di oggi, di ieri e di domani purtroppo e non importa se coniugazione e attualità fanno grammaticalmente a scozzi.
Nella settimana in cui si celebra una nascita, il tempo privilegiato è quello del futuro, un futuro che però stiamo negando a generazioni di giovani e rendendo difficile a quelle dei meno giovani, e chi nasce ora o non è ancora giovane che futuro avrà?
 
Della notte dei tempi ci han detto una fiaba
che in mezzo al deserto, qualcuno vagava
in cerca di un posto, un giaciglio perfetto
per far nascere il bimbo che ci avrebbe protetto
bussaron alle porte, ma nessun gli apriva
si sa, eran stranieri e poveri in canna
e si adattarono ad una capanna
col freddo e col gelo restarono vicini
scaldati soltanto da un bue e un asinello
i protettori del bambinello
In questo Presente, negli anni 2000
migliaia di gente si trovano in fila,
nel mezzo al deserto, nel mezzo alle guerre
che li fanno fuggire dalle loro terre
cercano forse per i loro figli,
una vita di pace e tanti giacigli
ed un futuro che non vada perso
anche se fosse un Futuro Imperfetto
 
 

 

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

20/12/2015 - 13:34

AUTORE:
XXXL

...lo trovo come gli aranci di mezzo sapore, non sono da buttare perché armai li hai comprati al mercato, ma nemmeno da consigliare ad amici ed ai giovani cittadini per un "futuro più dolce".
...per gli: io ero, io votavo...non provo nemmeno a contestualizzarli/contestarli, sarebbe tempo perso!