none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

. . . altrimenti in Italia tutto il potere centrale .....
Sei fuori tema. Ma sappiamo per chi parli. . .
. . . non so se sono in tema; ma però partito vuol .....
Quelle sono opinioni contrastanti, il sale della democrazia, .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Nei tuoi occhi languidi
profondi, lucenti
piccolo mio
inestimabile tesoro
vedo il futuro
il tuo
il presente
quello del tuo babbo
il passato
quello .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
Teatro Rossini - Pontasserchio
venerdì 15 gennaio
" Silenzi di Guerra" di Renato Raimo
Prova generale al Rossini

15/1/2016 - 16:38

RENATO RAIMO RACCONTA LA PRIMA GUERRA MONDIALE

 

Raccontare la tragedia della Prima guerra mondiale non è semplice: occorre una grande sensibilità.

Come quella di Renato Raimo, attore e autore pisano, che venerdì 15 gennaio, al teatro "G. Rossini" di Pontasserchio, nella prova generale dell'edizione 2016, ci guiderà per mano alla scoperta di quel tremendo orrore che fu la Grande Guerra.

E lo farà con una storia di forte impegno storico e civile, firmata da tre artisti legati al nostro territorio: la vicenda umana di un professore universitario che, per seguire il figlio partito per la guerra, entra nei tunnel e nelle trincee del primo conflitto mondiale. Protagonista indiscusso il silenzio: quello che precede le urla dell'attacco e le esplosioni. Il silenzio di tutte le parole non dette per la troppa paura. 
Lo spettacolo, "Silenzi di guerra", con inizio alle ore 21.00, sarà arricchito dalla colonna sonora live del maestro Marco Lo Russo.

Si tratta di una anteprima nazionale per il 2016, prima del debutto ufficiale al teatro "G. Verdi" di Pisa il prossimo 27 febbraio.

Il costo del biglietto di ingresso è 13 euro.

Prevendita a partire dalle 17.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri