none_o


Reparto di Oncologia dell’ospedale di Pisa. Davanti all’edificio molti persone in attesa perché l’ingresso è riservato ai soli pazienti oncologici. Ero fortunatamente un accompagnatore e sono rimasto educatamente fuori come tutti gli altri. Devo dire che eravamo tutti con la mascherina, non so se per paura del contagio o per rispetto degli altri ma la situazione era appagante, come quando si vede il rispetto delle regole da parte di tutti i cittadini.

. . . giorni sta prendendo dei punti la Raggi. . . .....
. . . . . . . . . . . . . . . . l'ha capito? La DaD .....
. . . . . . . . . . . . è iniziata i primi giorni .....
. . . la ragione non sta mai da una sola parte ed aggiungo .....
di Bruno Pollacci
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
San Giuliano Terme, 23 ottobre
none_a
Marina di Pisa, 24 ottobre
none_a
Molina di Quosa, 25 ottobre
none_a
Teatro Nuovo Pisa
none_a
San Giuliano Terme, 25 ottobre
none_a
Marina di Pisa, 17 ottobre
none_a
Sabato 17 ottobre al Grand Hotel Duomo
none_a
SAn Giuliano Terme, 18 ottobre
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      BURRACO!

    Proseguono le attività del Circolo cercando di rispettare tutte le misure anti-Covid. Da venerdi 21 riprendono i tornei di Burraco con una serie di importanti misure di sicurezza tra cui la prenotazione obbligatoria per l'assegnazione del tavolo, norme severe per divertirsi in sicurezza.

    Tutte le notizie sulle attività sul sito FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


di Marlo Puccetti
none_a
la ZONE di Pisa
none_a
CSI – Centro Sportivo Italiano-
none_a
Coppa Toscana Juniores sotto la Torre
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Se non si capiva niente prima, come pretendere che si capisca qualcosa oggi?

Qualcuno dice che non intende usare i 40 miliardi del MES, perché in .....
Dal 2000, ogni 27 gennaio è giorno della memoria
Un altro 27 gennaio…

26/1/2016 - 11:16

Un altro 27 gennaio…
Come ogni 27 gennaio, dalla sua istituzione nel 2000, tornano le celebrazioni per il Giorno della Memoria. Una giornata che riporta l’attenzione di tutti noi sulla tragedia della Shoah nel secondo conflitto mondiale.
La memoria, per poter fare da guida al presente ed essere mantenuta viva, ha però bisogno di una cura quotidiana, non è sufficiente la regolare cadenza delle celebrazioni. È necessario continuare a studiare, ad approfondire, a tramandare la testimonianza dei tragici fatti legati allo sterminio degli ebrei e combattere affinché lo slogan nato a Dachau “Mai più!” trovi applicazione continua.
La storia tende a ripetersi, seppure in forme diverse, e il compito di tutti noi è quello di utilizzare la memoria del passato per evitare di compiere gli stessi errori. Parlando della Shoah, ci sono parole che rimbalzano di bocca in bocca (una su tutte è inimmaginabile), ma oggi, con il terrorismo dell’Isis e la tragedia dei migranti, non si può continuare a considerare lo sterminio degli ebrei come qualcosa di “irripetibile”.
Abbiamo il dovere e il compito di coltivare la memoria, nei giorni deputati alle celebrazioni, ma anche in tutti gli altri; nei luoghi lontani come Auschwitz, ma anche in quelli dove viviamo.
Il tempo, ahimé!, non ci aiuta: stiamo vivendo gli ultimi anni de “L’era del testimone”, come l’ha chiamata Annette Wieviorka,  ecco perché è fondamentale che le politiche della memoria si intreccino sempre di più con quelle culturali… per creare quegli anticorpi necessari per la conservazione dei nostri valori fondamentali – e irrinunciabili – di solidarietà, accoglienza, libertà, democrazia, pace!
Ha detto Piero Terracina: “ignorare la memoria delle violenze perpetrate dal nazismo e dal fascismo significa facilitare la giustificazione delle violenze odierne in nome dello ‘stato di emergenza’, della ‘guerra al terrorismo’ o della ‘crisi economica’ e favorire il silenzio e l’indifferenza verso chi oggi chiede asilo e riparo da ingiustizie e discriminazioni”.
 
Coltivare la memoria, serve ad evitare tutto questo!
 

Fonte: Dott. Fabiano Martinelli Consigliere Comunale San Giuliano Terme Responsabile Cultura PD Pisa
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: