none_o

Se la guerra si dovesse decidere in televisione probabilmente sarebbe una guerra infinita, stante le diverse e spesso divergenti opinioni. Su tutto, sulle cause, le strategie, le soluzioni. Ma ogni opinione è di per sé, per definizione, rispettabile, se non presa per interesse personale o strategia politica. Ognuno ha il diritto costituzionale di esprimere la sua evitando sempre di offendere gli altri.

La saluto affettuosamente senza improperi…non mi .....
. . . . . . . . . . . . . . . tu sia indottrinato .....
. . . . trovatene uno bono, ne hai immensamente bisogno. .....
Apprezzo l’impegno, ma il risultato è scarso, .....


Quando la poesia chiama bisogna rispondere.

(di Nadia Chiaverini)


Credo che nascondere o modificare il proprio corpo che invecchia, faccia parte di un agire - imparato - che non vuole farci accedere con agio alla saggezza dell'invecchiamento.


Quando ero bambina aspettavo con entusiasmo la seconda domenica di maggio perché era la festa della mamma e coincideva con quella del paese di Migliarino dove vivevo con la mia famiglia.

di Umberto Mosso (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
Giovanni Frullano eletto segretario all’unanimità
none_a
Sinistra Civica Ecologista–Sinistra Italiana–Europa Verde Verdi
none_a
L'opinione di LILLY CAMOLESE
none_a
dal web (a cura di BB, red VdS)
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
MIgliarino-Vecchiano calcio
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Sentirsi come zolla di terra appena arata e accogliere i semi portati dal vento per sperare sempre in nuove messi.
Ho apprezzato moltissimo che qualcuno abbia sentito il bisogno di far conoscere la scritta di un probabile spacciatore-tossicodipendente poeta presso la .....
Gruppo di San Rossore
Ai Parchi chi ci pensa?

21/2/2016 - 10:58

AI PARCHI CHI CI PENSA?


Le cronache specialmente regionali e locali sono zeppe di notizie che riguardano i nostri parchi e le altre aree protette. In diversi casi buone o quasi  ma nella maggior parte dei casi confuse o decisamente pessime. Si va dalle trivelle alla mancanza di risorse, da organi gestionali in attesa anche da anni di potersi insediare e funzionare a tutti gli effetti alla mancanza di piani di gestione a cui ora viene a mancare anche il Corpo Forestale dello Stato ma pure le province che avevano assunto un ruolo importante specie in alcune regioni. Negli ultimi tempi si sono aggiunte inoltre anche cervellotiche sortite per far fuori  lupi, ungulati e altra fauna mentre quella ittica non se la vede tanto meglio specie con l’inquinamento. Eppure stando ad una serie di recenti dati con significativi riconoscimenti  internazionali sono proprio le nostre aree protette a risultare le più premiate da un turismo ecosostenibile a conferma che i parchi non solo non sono un peso, un costo insopportabile ma un buon investimento per l’ambiente e il paese. A dimostrazione peraltro di quanto abbia ragione la Corte dei Conti quando denuncia i danni della spending review che anziché gli sprechi ha tagliato gli investimenti anche a sostegno dell’ambiente parchi compresi.
A fronte di questa traballante situazione in cui è sempre più difficile se non impossibile capire quale è la situazione dei parchi e soprattutto il loro futuro sul piano nazionale non si registra alcunchè. Eppure abbiamo alle spalle l’EXPO, l’Enciclica di Bergoglio e gli accordi di Parigi. Per i parchi rimane buio pesto se non vogliamo considerare risposta politica il solito ennesimo annuncio che presto al senato porteranno in sala operatoria la legge 394 intubata  dal 2011.
Tra le buone notizie vi è senz’altro il recentissimo intervento di Palazzo Chigi sul piano casa ligure che viola la legge sul paesaggio. Ora però si dovrebbe fare altrettanto anche per  quegli interventi o rinvii che violano la legge 394 che è ancora in vigore anche se in troppi lo hanno dimenticato.
Finora infatti da Roma solo Mattarella ha ricordato che  i parchi del nostro paese devono tornare senza trucchi e inganni nell’agenda politico-istituzionale del governo.
Che sia difficile lo sappiamo se anche in regioni come la Toscana duriamo così tanta fatica a trovare il binario giusto. E’ sicuramente più difficile cambiare le cose a Roma se anche qui o come anche in altre regioni con solide tradizioni stentiamo tanto a decollare. La sveglia deve suonare per tutti.
Renzo Moschini

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri