none_o


Evento davvero memorabile a san Giuliano Terme il 25 luglio a partire dalle ore 18, all'interno del Fuori Festival di Montepisano Art Festival 2024, manifestazione che coinvolge i Comuni del Lungomonte pisano, da Buti a Vecchiano."L'idea è nata a partire dalla pubblicazione da parte di MdS Editore di uno straordinario volume su Puccini - spiega Sandro Petri, presidente dell'Associazione La Voce del Serchio - scritto  da un importante interprete delle sue opere, Delfo Menicucci, tenore famoso in tutto il mondo, studioso di tecnica vocale e tante altre cose. 

Che c'entra l'elenco del telefono che hai fatto, con .....
Le mutande al mondo non le metti ne tu e neppure Di .....
Da due anni a questa parte si legge che Putin, ovvio, .....
È la cultura garantista di questo paese. Basta vedere .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a spaziodonnarubr@gmail.com
di Matteo Renzi, senatore e presidente di IV
none_a
Da un'intervista a Maria Elena Boschi
none_a
Di Mario Lavia
none_a
di Roberto Sbragia - Consigliere provinciale di Pisa Forza Italia
none_a
Copmune di Vecchiano - comunicato delle opposizioni
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Mauro Pallini-Scuola Etica Leonardo: la cultura della sostenibilità
none_a
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
APOCALISSE NOKIA di Antonio Campo
none_a
Di Fabiano Corsini
none_a
Una "Pastasciutta antifascista"
none_a
Pontasserchio, 18 luglio
none_a
Pisa, 19 luglio
none_a
di Alessio Niccolai-Musicista-compositore, autore
none_a
Il mare
con le sue fluttuazioni e il suo andirivieni
è una parvenza della vita
Un'arte fatta di arrivi di partenze
di ritorni di assenze
di presenze
Uno .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
Terrorismo
Non ci sarà un Dio che li salvi

29/3/2016 - 10:04

Di fronte al sangue e ai resti di corpicini sparsi sull’erba di un campo di calcio a sud di Baghdad o del parco giochi Iqbal di Lahore, non è semplice trovare le parole.

Le parole giuste per commentare la disumanità e l’istinto primordiale alla carneficina più ingiusta e più insensata di tutte, quella che abbatte tanti bambini, scelti come agnelli da sacrificare. Le parole sembrano finite, questa è la verità. Sopraffatte dalla scia di un orrore inaccettabile, di un’offesa devastante alla vita.
Questi carnefici fanatici colpiscono ormai non importa chi. Uccidono nel mucchio e non importa più nemmeno sapere in quale Paese. Non distinguono tra cristiani o musulmani, e distruggono in modo cieco perché devono porre fine a qualsiasi idea di felicità, normalità, futuro. E per farlo abbattono anche la felicità di dare un calcio al pallone o il sorriso dall’altalena.

Eppure questi assassini sono stati anche loro bambini, devono sapere che non ci sarà un Dio che li salvi.
I bambini, troppi bambini, continuano a morire per questa bestalità o guerra asimmetrica, ibrida o come diavolo la vogliamo chiamare. E ne muoiono tanti, di bambini, anche nella loro fuga dalla guerra. Il macabro ritmo è di due al giorno, ci informa la tristissima contabilità dell’Unicef. E’ sempre avvenuto in passato, si dice.

Vero, ma dovrà pur fare una qualche differenza questa cifra nella modernità del 2016. Dovrà scuotere le coscienze sapere che la più grande bara del mondo, quella liquida del Mediterraneo, ha già risucchiato oltre 700 corpicini dal solo gennaio ad oggi? Una mattanza. Uno stillicidio di vite umane all’inizio della vita. Chiedete ai nostri eroici sub quanti ne hanno ritrovati, tanti, appiattiti sul fondo più buio ancora aggrappati alle loro mamme nella disperazione dell’ultimo abbraccio.

Abbiamo sempre negli occhi Aylan, il bimbo siriano annegato a tre anni che con la sua maglietta rossa e i suoi calzoncini blu sembrava un bambolotto sulla sabbia. Commosse il mondo, Aylan, e sembrò mobilitarlo suscitando sdegno e un mare di promesse. Ma poco o nulla è cambiato.
No, non ci può essere assuefazione alle atrocità, a questa continua strage, a questo furto di futuro dell’umanità. In attesa di qualcuno che metta ordine nel disordine mondiale, abbiate pietà almeno per i bambini.

Fonte: Erasmo D'Angelis
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri