none_o

 “C’è qualcosa che devo dire alla mia gente, in questo nostro procedere verso la giusta meta: non dobbiamo macchiarci di azioni ingiuste. Cerchiamo di non soddisfare la nostra sete di libertà bevendo dalla coppa dell’odio e del risentimento. Io ho un sogno. Che bambini neri e bambine nere, potranno prendere per mano bambini bianchi e bambine nere, come fratelli e sorelle. IO HO UN SOGNO OGGI.”..

Con Borgo di Pratavecchie
none_a
Auguri di Buone Feste
none_a
Migliarino-Pubblica Assistenza
none_a
Metato - Pubblica Assistenza
none_a
. . . in italiano sarebbe meglio, almeno ti capirebbero .....
. . . del Filetto-Lino.
La tore di Pisa, er soriso .....
17 anni di scavi per risparmia 50 minuti ? Se li rapporti .....
. . . è il tempo risparmiato tra la vecchia tratta .....
Libri
none_a
FIAB-Pisa
none_a
"Nati per leggere" a San Giuliano
none_a
Piante e giardini
none_a
Pontedera, 25 gennaio
none_a
Milano 25/27 Gennaio 2019
none_a
ARCI Migliarino
none_a
Il Teatro nel magazzino
none_a
Marina di Pisa, 19 gennaio
none_a
Fiab Pisa
none_a
Circolo Il Fortino
none_a
Pisa, 12-13 gennaio
none_a
  • Circolo Arci Migliarino

      NUOVA GESTIONE LOCALE BAR

    Il Circolo ARCI Migliarino lancia una Manifestazione pubblica di Interesse finalizzata alla ricerca di un gestore del locale bar del Circolo in scadenza marzo 2019. Gli interessati possono rivolgersi direttamente ai consiglieri oppure inviare una mail alla posta del Circolo:  arcimigliarino@gmail.com.
    Scadenza delle domande: 31 gennaio 2019.


  • Circolo ARCI Migliarino

      Partite Pisa A.C.

    Si avvertono i Soci che il Circolo trasmetterà in chiaro tutte le  partite dell'Associazione Calcio Pisa, sia in casa che in trasferta. Prossima partita Piacenza-Pisa domenica 30 settembre. 


di Irene Tagliente
none_a
Migliarino
none_a
Promozione Sportiva CSI, ACSI, UISP, CSA
none_a
CSI -Centro Sportivo Italiano-
none_a
Ancora dormi accanto a me
ogni sera più di dieci lustri ormai,
stringi la mia mano nella tua
vuoi essere sicura amore mio,
che ti sono accanto .....
Il 24 gennaio alle ore 18 presso il Centro Salute di San Giuliano Terme in Largo Shelley, verrà presentato il libro Strumenti di counselling in Analisi .....
di Renzo Moschini
none_a
Fai-Cisl
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Terrorismo
Non ci sarà un Dio che li salvi

29/3/2016 - 10:04

Di fronte al sangue e ai resti di corpicini sparsi sull’erba di un campo di calcio a sud di Baghdad o del parco giochi Iqbal di Lahore, non è semplice trovare le parole.

Le parole giuste per commentare la disumanità e l’istinto primordiale alla carneficina più ingiusta e più insensata di tutte, quella che abbatte tanti bambini, scelti come agnelli da sacrificare. Le parole sembrano finite, questa è la verità. Sopraffatte dalla scia di un orrore inaccettabile, di un’offesa devastante alla vita.
Questi carnefici fanatici colpiscono ormai non importa chi. Uccidono nel mucchio e non importa più nemmeno sapere in quale Paese. Non distinguono tra cristiani o musulmani, e distruggono in modo cieco perché devono porre fine a qualsiasi idea di felicità, normalità, futuro. E per farlo abbattono anche la felicità di dare un calcio al pallone o il sorriso dall’altalena.

Eppure questi assassini sono stati anche loro bambini, devono sapere che non ci sarà un Dio che li salvi.
I bambini, troppi bambini, continuano a morire per questa bestalità o guerra asimmetrica, ibrida o come diavolo la vogliamo chiamare. E ne muoiono tanti, di bambini, anche nella loro fuga dalla guerra. Il macabro ritmo è di due al giorno, ci informa la tristissima contabilità dell’Unicef. E’ sempre avvenuto in passato, si dice.

Vero, ma dovrà pur fare una qualche differenza questa cifra nella modernità del 2016. Dovrà scuotere le coscienze sapere che la più grande bara del mondo, quella liquida del Mediterraneo, ha già risucchiato oltre 700 corpicini dal solo gennaio ad oggi? Una mattanza. Uno stillicidio di vite umane all’inizio della vita. Chiedete ai nostri eroici sub quanti ne hanno ritrovati, tanti, appiattiti sul fondo più buio ancora aggrappati alle loro mamme nella disperazione dell’ultimo abbraccio.

Abbiamo sempre negli occhi Aylan, il bimbo siriano annegato a tre anni che con la sua maglietta rossa e i suoi calzoncini blu sembrava un bambolotto sulla sabbia. Commosse il mondo, Aylan, e sembrò mobilitarlo suscitando sdegno e un mare di promesse. Ma poco o nulla è cambiato.
No, non ci può essere assuefazione alle atrocità, a questa continua strage, a questo furto di futuro dell’umanità. In attesa di qualcuno che metta ordine nel disordine mondiale, abbiate pietà almeno per i bambini.

Fonte: Erasmo D'Angelis
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: