none_o


Una vicenda tutta personale viene descritta in questo nuovo articolo di Franco Gabbani, una storia che ci offre un preciso quadro sulla leva per l'esercito di Napoleone, in grado di "vincere al solo apparire", ma che descrive anche le situazioni sociali del tempo e le scorciatoie per evitare ai rampolli di famiglie facoltose il grandissimo rischio di partire per la guerra, una delle tante. 

Vittoria del Vecchiano Centro al Palio Rionale
none_a
Circolo ARCI-Migliarino
none_a
Comune di Vecchiano- Nuova Allerta Meteo Gialla in arrivo
none_a
. . . uno sul web, ora, che vaneggia che la sua .....
. . . . . . . . . . . a tutto il popolo della "Voce". .....
. . . mia nonna aveva le ruote era un carretto. La .....
. . . la merda dello stallatico più la giri più puzza. .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
di Fabiano Corsini
none_a
Pisa, 24-27 giugno
none_a
Tirrenia, 17 giugno
none_a
di Alessio Niccolai con Alma Pisarum APS
none_a
Villa di Corliano, 27 giugno
none_a
Le cose andrebbero meglio
se non bene
se si procedesse
tutti quanti insieme. . .
rispettando modi, tempi, capacità
valorizzando le competenze .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
none_o
Domenica di ballottaggi
di Fabiano Corsini

19/6/2016 - 11:27



Domenica di ballottaggi.

Dopo la finale del Pisa a Foggia e l'avvio degli europei, il tifo fa la prove per spostarsi, senza molta convinzione, sulle elezioni.

Certo, nessuno di noi poteva immaginarlo qualche anno fa. Un centro destra e una destra ridotti a brandelli, che provano in qualche modo a resuscitarsi in qualche grande Città. Un centro sinistra senza più anima, talvolta confuso con l'avversario di sempre, talvolta tentato di votare i Cinque Stelle. E una massa imponente di persone che decidono di non decidere, che restano a bordo campo, che non vanno allo stadio, non vanno a votare e molto spesso non guardano neppure i risultati. Tra le due competizioni, decisamente più incoraggiante e viva quella del calcio, dove al di là dei segni evidenti di una idiozia diffusa, che parte dalla degenerazione della vita civile e della politica e arriva fino allo sport, e non viceversa come si vuol far credere, al di là di questo poi c'è il gioco, ci sono i ragazzi in campo, la loro passione, la loro bravura.
Il calcio forse si salverà, questa settimana molti segnali sembra ci confermino questa previsione. In fin dei conti l'invasione di campo di Foggia l'hanno fatta quattro sciamannati, mentre attorno alle due città c'erano folle di cittadini entusiasti e perfino composti, come si può essere composti per il gioco del pallone.
Attorno alla politica, invece, non ci sono più i popoli, nessuno si scalda più. Non mi convincono, anzi dissento radicalmente da quelli che dicono che questo è segno di civiltà e modernità. Quelli che dicono che nel nostro Paese si sbagliava prima, quando andavamo tutti a votare, quando le passioni civili ci infiammavano.

Citatemi trattati di sociologia o politologia, provate pure con le vostre fini argomentazioni rimasticate dai fondi della stampa piccolo borghese con cui ci volevano indottrinare, e forse ci sono riusciti, dagli anni 60 in poi. La mia esperienza, la nostra esperienza, è che se le cose non sono il prodotto di una grande passione, non hanno vita. Spesso diventano presto spazzatura.

Ma non voglio finire dando l'impressione di un lamento disperato, perchè farlo sarebbe segno di miopia. Perchè questa non è solo la settimana dei ballottaggi: questi sono anche i primi giorni di lavoro degli amministratori che sono stati eletti or ora, anche dalle nostre parti.

La stanchezza della politica cerca di produrre anticorpi, forse nei paesi, là dove le persone si conoscono da vicino, gli stereotipi prodotti dal rullo compressore dei nuovi format nazionali ancora stentano a dilagare.

E allora ci sono persone di buona volontà e di grande impegno, che cercano di portare nel futuro il germe della passione che ci anima, che per farlo sicuramente dovranno combattere dentro e fuori dalle sedi di partito. Buona fortuna.



+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

19/6/2016 - 13:38

AUTORE:
.............

quando si da ragione a qualcuno bisognerebbe evitare il tono polemico

19/6/2016 - 13:07

AUTORE:
Bruno della Baldinacca

Apparte il fatto che io aspettavo le ore 23,01 per parlare di votazioni che sono in parte ancora in corso, e quando in ultimo scrivi:

La stanchezza della politica cerca di produrre anticorpi, forse nei paesi, là dove le persone si conoscono da vicino, gli stereotipi prodotti dal rullo compressore dei nuovi format nazionali ancora stentano a dilagare.
E allora ci sono persone di buona volontà e di grande impegno, che cercano di portare nel futuro il germe della passione che ci anima, che per farlo sicuramente dovranno combattere dentro e fuori dalle sedi di partito.

Ti consiglio di fare una capatina nella frazione di Nodica (Comune di Vecchiano) e se gli dici le tue ultime parole:..... "che per farlo sicuramente dovranno combattere dentro e fuori dalle sedi di partito"....
Lorolì siuramente continuano la loro bella storia noncuranti di ver che dice il Baglini da Milliarino, il Corsini dallo scoglio di Marina, del Ciwati da Milano e dida Lema ex Presidente del Consiglio invidioso anche di chi ha trovato una sportina di pioppini e lui no.

...mi dirai: ma casa c'incastrano 'otesti discorsi 'osti!
Gnamo a Nodia iette perimparà il rispetto che han coltivato per il partito e la loro gente e li di pippoli n'han contati più che da altre parti supponenti&farlocche.
bona