none_o


L'articolo di oggi non poteva non far riferimento alla festa del SS. Crocifisso che Pontasserchio si appresta a celebrare, il 28 aprile.Da quella ricorrenza è nata la Fiera del 28, che poi da diversi anni si è trasformata in Agrifiera, pronta ad essere inaugurata il 19 aprile per aprire i battenti sabato 20.La vicenda che viene narrata, con il riferimento al miracolo del SS. Crocifisso, riguarda la diatriba sorta tra parroci per il possesso di una campana alla fine del '700, originata dalla "dismissione" delle due vecchie chiese di Vecchializia. 

. . . quanto ad essere informato, sicuramente lo sono .....
Lei non è "abbastanzina informato" si informi chi .....
. . . è che Macron vuole Lagarde a capo della commissione .....
"250 giorni dall’apertura del Giubileo 2025: le .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Colori u n altra rosa
Una altra primavera
Per ringraziarti amore
Compagna di una vita
Un fiore dal Cielo

Aspetto ogni sera
I l tuo ritorno a casa
Per .....
Oggi è venuto a mancare all’affetto di tutti coloro che lo conoscevano Renato Moncini, disegnatore della Nasa , pittore e artista per passione. .....
Cardoso
20 anni fa

22/6/2016 - 19:37

Nei giorni che seguirono, questi di oggi, tutta l’Italia si mobilitò per prestare soccorso e  anche noi della protezione civile  Pubblica Assistenza sezione di Migliarino, partimmo per l’alta Versilia. Il fango arrivava dappertutto misto a pietrisco, tutto il paese era quasi completamente distrutto, tranne la chiesa che accolse tutti i volontari per dormire la notte e pranzare e cenare. L’elicottero della protezione civile portava viveri e mezzi e noi facemmo in modo che stesse sempre in volo.
C’erano giovani di tutti i paesi, giovani che, a vederli da vicino, avevano le manine sporche del marroncino della mota, ma bianche bianche sotto, qualcuno levava i detriti con le mani suscitando in noi una tenerezza incredibile al posto del disappunto del poco aiuto che davano. Noi eravamo una squadra affiatata, gente di paese abituata alle pale e alla fatica e, le pale appunto, non reggevano! Dopo aver troncato il manico alla dotazione assegnata e a tutta la scorta del campo, l’elicottero dovette fare lavorare le sue  pale per portare a noi sempre pale fresche!
Era vietato lavorare dopo il tramonto e una sirena chiamava quelli che erano sparpagliati anche fuori del paese. Al suono apparivano gruppi che non ci aspettavamo di vedere, gente con la divisa dalle bande fosforescenti, con stivali alti, cintoloni con ammennicoli vari attaccati, scritte belle visibili di paesi che non conoscevi, casco obbligatorio e noi... i magnifici sette disperati… uno con la maglietta arancione di una tonalità diversa dall’altro!

Quello al centro di spalle nell'ultima foto è un riconoscibile vecchianese.


Un’esperienza da non ripetere, ma straordinaria!
Forse perché avevo venti anni di meno!

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

23/6/2016 - 12:46

AUTORE:
Cittadino 2

Siamo sempre i migliori in queste occasioni tragiche. Non ci batte nessuno quando la solidarietà ci appare così evidente.
Meglio sarebbe tuttavia fare più prevenzione per evitare queste tragedie e sforzarsi di capire che sarebbe importante essere solidali non solo in queste tragedie ma nella vita di tutti i giorni.
Fare del volontariato fa sentire bene, fa sentire di essere dalla parte del giusta, aumenta la stima di se stessi senza la necessità di essere belli, o magri, o di avere la BMW o l'ultimo iPhone.
Caro amico sono passati 20 anni ma tu continui sempre a fare il volontario, è la tua forza e la tua vita e per questo hai la mia stima.