none_o

Se la guerra si dovesse decidere in televisione probabilmente sarebbe una guerra infinita, stante le diverse e spesso divergenti opinioni. Su tutto, sulle cause, le strategie, le soluzioni. Ma ogni opinione è di per sé, per definizione, rispettabile, se non presa per interesse personale o strategia politica. Ognuno ha il diritto costituzionale di esprimere la sua evitando sempre di offendere gli altri.

BASE MILITARE A COLTANO
. . . . . finalmente la Provincia .....
La saluto affettuosamente senza improperi…non mi .....
. . . . . . . . . . . . . . . tu sia indottrinato .....
. . . . trovatene uno bono, ne hai immensamente bisogno. .....


Quando la poesia chiama bisogna rispondere.

(di Nadia Chiaverini)


Credo che nascondere o modificare il proprio corpo che invecchia, faccia parte di un agire - imparato - che non vuole farci accedere con agio alla saggezza dell'invecchiamento.


Quando ero bambina aspettavo con entusiasmo la seconda domenica di maggio perché era la festa della mamma e coincideva con quella del paese di Migliarino dove vivevo con la mia famiglia.

Dal blog di Fulvia Ferrero (a cura di BB, red VdS)
none_a
di Umberto Mosso (a cura di BB, red VdS)
none_a
Zelensky a sorpresa al Festival di Cannes (a cura di BB, red VdS)
none_a
di Umberto Mosso (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
Giovanni Frullano eletto segretario all’unanimità
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
San Giuliano Terme, 20 maggio
none_a
Giovedì 26 Maggio h. 18,00 Circolo Arci Pisanova
none_a
San Giuliano Terme, 20 maggio
none_a
Teatro del Popolo Migliarino
none_a
Vecchiano
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
MIgliarino-Vecchiano calcio
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Sentirsi come zolla di terra appena arata e accogliere i semi portati dal vento per sperare sempre in nuove messi.
Ho apprezzato moltissimo che qualcuno abbia sentito il bisogno di far conoscere la scritta di un probabile spacciatore-tossicodipendente poeta presso la .....
none_o
Gli abissi del voto inglese
di Francesco Gesualdi

26/6/2016 - 14:39

Alla fine gli inglesi hanno deciso di lasciare l’Unione Europea. Gioirne o rattristarci? La risposta dipende dalle ragioni che hanno spinto gli inglesi a questa scelta. 

Me ne sarei rallegrato se le ragioni dell’abbandono fossero state dettate dalla volontà di non voler più stare in un’Europa che ha assunto come atto di fede il credo mercantilista ponendosi come solo obiettivo quello di trasformare l’Europa in un’arena a disposizione delle grandi imprese per gareggiare fra loro a chi fa più soldi sulla pelle dei lavoratori, della salute dei consumatori, del benessere collettivo. Nell’intenzione dei padri fondatori, l’Europa doveva essere una grande unione politica tesa a colmare le differenze economiche, a garantire a tutti il medesimo livello di vita, gli stessi diritti, gli stessi livelli di sicurezza sociale, sanitaria, culturale. In una parola doveva essere l’Europa dell’uguaglianza sociale, politica ed economica. Invece è diventata l’Europa della concorrenza e del saccheggio sociale perché l’idea è stata scippata dal potere economico che ha trasformato l’Europa in uno spazio senza frontiere per quanto riguarda le merci, gli affari, la possibilità di sfruttare i lavoratori e depredare i cittadini, ma con muri altissimi per ciò che concerne l’elevazione umana, sociale ed economica dei suoi cittadini. L’emblema di questo mostro è la gestione del debito pubblico, strumento perfetto per permettere alle banche di arricchirsi saccheggiando la ricchezza collettiva, di creare quel tanto di disoccupazione che serve per costringere i lavoratori ad accettare ribassi salariali e precarietà, per demolire ogni forma di intervento pubblico e mettere a disposizione dei privati nuovi spazi di affari.

Quest’Europa è diventata insopportabile e avrei gioito dell’uscita della Gran Bretagna se fosse stato il segnale di un popolo che dichiara di non poterne più di questa politica. Invece no. Gli inglesi hanno deciso di uscire dall’Unione Europea perché vogliono alzare muri ancora più alti da un punto di vista umano e sociale. I sostenitori dell’uscita hanno usato come motivazione prevalente i flussi migratori. Hanno attaccato il solo aspetto su cui l’Europa chiedeva condivisione sociale che è la ripartizione dei richiedenti asilo. Hanno dipinto i migranti come ladri che vogliono rubare ciò che è nostro, che vogliono impoverirci, che ci porteranno tutti nella disperazione. Un misto di paura e di istinto primordiale a difendere ciò che pensiamo sia nostro ha prevalso e l’Inghilterra se ne va per non essere costretta a condividere con nessuno la sua ricchezza. È la logica della Lega e speriamo che non sia anche quella del 5 stelle, che su tutto ha espresso opinioni, fuorché sull’equità e la solidarietà sociale.

I mercati hanno risposto negativamente al voto inglese, ma solo perché sono in preda all’incertezza. Quando si renderanno conto che nulla cambierà sul piano dei rapporti economici, perché l’Inghilterra indipendente si affretterà a stipulare con l’Unione Europea un trattato di libero scambio tipo TTIP, chissà che il potere economico di tutta Europa non soffi per la totale disgregazione politica dell’Europa per lasciare in piedi solo trattati commerciali. Soluzione perfetta per la costruzione di un mondo che trasferisce tutti i diritti dalle persone alle merci.

Francesco Gesualdi

Coordinatore del Centro Nuovo Modello di Sviluppo di Vecchiano

 

Fonte: Il ritratto di Jo Cox è di Muro Biani
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

2/7/2016 - 9:58

AUTORE:
anto61

Gli inglesi sono rimasti nell’unione fin quando non ha cominciato costargli, in termini economici e di identità. Alla Germania rimanere in Europa gli conviene poiché le sue industrie hanno avuto enormi vantaggi ed è stata fino ad ora una manna. Gli Italiani ci stanno perché sanno benissimo che è il solo modo di continuare a vivere sulle spalle dei propri figli sperando che i conti li paghi, almeno un po’, “l’Europa”. Ognuno ha propri interessi di bottega e nessuno è spinto dalle ragioni dei creatori dell’unione, riportate sopra da Francesco.
Chi ha il compito di proseguire il progetto iniziale, cura unicamente i propri personali interessi elettorali, talvolta da una vera e propria sfrenata ambizione di potere, mentre nel canale di Sicilia muoiono migliaia di disperati ogni anno.
E’ spaventoso.

27/6/2016 - 11:01

AUTORE:
Idealista?

L'Inghilterra, ha sempre sfruttato i paesi poveri sentendosi padrona del mondo .Ora che potrebbe dimostrare un poco di umanità verso quei popoli che devono migrare,si tira indietro.
Allora fuori.

26/6/2016 - 23:59

AUTORE:
gio'

Condivido molto di quello che è stato scritto, anzi ko condivido in toto, ma vorrei fare alcune precisazioni che non sono distinguo, ma che inquadrano meglio il problema Europa,

La crisi non è iniziata ieri, ma negli anni 80 e 90 , quando si è esaurita la spinta propulsiva della volontà politica di procedere ad una vera integrazione politica, si fa strada il concerto delle piccole patrie e di fronte alla paralisi delle iniziative politiche si sceglie di procedere con l'unione monetaria ed economica, il libero commercio di merci e spostamento di capitali, circolazione di uomini e idee.

Probabilmente nella speranza e nobile intento che ciò avrebbe spinto in seguito l'integrazione vera.

si perché, nessuna moneta, ed economia possono fare a meno di un controllo politico e governo economico unitario, politiche industriali coerenti, scelte di priorità ed indirizzo.. cioè di un ministro che incarni le necessità e le esigenze della società.

inoltre concentrarsi su una dimensione puramente finanziaria ha acuito il risveglio di egoismi e tutela di interessi locali facendo perdere la bussola ideale, impantanando il dibattito e le energie su questioni meschine e vili oppure ridicole come stabilire la curvatura delle melanzane.

innestandosi poi sui nuovi indirizzi del WTO, il revival delle politiche liberiste, la globalizzazione mondiale, la crescita tumultuosa di nuovi protagonisti economici, fenomeni di migrazioni epocali e populismo montante hanno reso la situazione esplosiva....

Per quanto riguarda gli inglesi, sono inglesi e si comportano nel bene e nel male come sanno e hanno sempre fatto, bisognerebbe ringraziarli per aver stanato, questa pavida Europa, costringendola a scegliere se procedere o implodere....dandole una chance per ritrovare se stessa...