none_o

 

 

 

Cronaca della prima regata dell’America’s Cup, tra un Forza Italia e un Forza Nuova Zelanda, con disappunto del nostro corrispondente sul giro di miliardi spesi in una gara in cui la vela non c’entra niente; ecco quindi, per contrasto, il riferimento al Maori e alla sua antica canoa. E poi la polemica: i monoscafi volanti sono ancora barche a vela?

. . . . . . . . . . . . di San Frediano vincitore .....
I M5S e le destre ci vogliono divisi.

E’ certo .....
. . . la stima verso se stessi lascia il tempo che .....
. . . devo ringraziare l'amico Beppe di T. che stamattina .....
  • Circolo ARCI Migliarino

      Consegna mascherine

    Campagna per la consegna della mascherine fornite dalla Regione Toscana per tutti i cittadini di Migliarino.

    Il circolo ARCI aderisce alla iniziativa. Di seguito gli esercizi che hanno aderito dove si possono ritirare e gli orari addetti.

     

    CONSEGNA MASCHERINE PROROGATA FINO A LUNEDI 23 NOVEMBRE (SABATO E DOMENICA COMPRESI)


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


. . . che restano nel porto per paura
che le correnti le trascinino via con troppa violenza.
Conosco delle barche che arrugginiscono in porto
per .....
Fra uno ( leghista ? ), che parla di mercato delle vacche di Conte, come se il centrodestra non l' avesse mai fatto, ricordate Scilipoti e altri, e .....
Bocca di Serchio
Riunione Circolo ACLI

2/7/2016 - 17:28

Qui di seguito anche un intervento di Fabio Ceccherini, Presidente del Comitato Bocca di Serchio, in merito ad alcune questioni sul tavolo ancora poco chiare.

 

Non è facile capire la situazione ma alcune domande hanno comunque avuto una risposta precisa. Ad esempio la richiesta formulata dai cosiddetti “fruitori” di avere un accesso auto lungo la sponda è stata bocciata dal Presidente Cardellini mentre la richiesta di viaggiare con un motore oltre i cavalli consentiti è stata presa in carico. Il cambio di regolamento ha dei tempi tecnici piuttosto lunghi ma potrà essere effettuato, tuttavia  il Presidente ha avvertito che i controlli, in caso di modifica della modalità di navigazione nel senso della velocità e non dei cavalli, saranno molto severi e chiunque non rispetterà il regolamento sarà multato. Ci sarà un presidio permanente per il controllo del rispetto della velocità.


La palizzata che divide da S.Rossore è stata giustificata per l’alto valore ambientale della zona e il Presidente ha chiesto a tutti di rispettarla, tranne una semplice passeggiata lungo la battigia che dovrebbe essere tollerata, anche se non legalizzata. Una forma piuttosto ambigua che speriamo non crei problemi ai bagnanti.


Per il problema dei permessi per la realizzazione degli attracchi nella parte privata l’intervento di Ceccherini pone delle domande a cui ancora non abbiamo risposta. Pare che per la parte già assegnata ci sia un permesso temporaneo, in attesa di una firma con tutti e tre gi attori: proprietà, Comune, Parco. Per la parte a monte pare che non ci siano ancora i permessi e l’accesso sia vietato. Stamani infatti mancava la solita fila di auto lungo il canneto,  in zona vietata in quanto Parco, ma fino all’anno scorso tollerato con la concessione della chiave del cancello che stamani appariva chiuso.


Infine la parte a valle della zona assegnata, il triangolino di terra fra i due fossetti. In questo caso non sappiamo il motivo della non assegnazione. L’Amministrazione pare non abbia nessun progetto in merito ed anche Alexandre (interpellato alla consegna dei posti) non ha saputo dire il motivo della mancata sistemazione. Forse la proprietà ha qualche progetto ma al momento non sappiamo niente, se non che vi è vietato l’attracco.


Ci sono poi malumori per la cifra richiesta per l’attracco. Non so se la cifra è stata concordata con la precedente Amministrazione, certo che a molti pare piuttosto esosa, non solo per il 300 di quest’anno per un palo, ma anche per i 450 dell’anno prossimo con la sistemazione della sponda. C’è la richiesta al nuovo sindaco di fare un sondaggio con la proprietà per cercare di calmierare la richiesta.


L’ultima parte dell’intervento del Ceccherini sembra la parte più importante perché pone la domanda di cosa vogliamo fare di questo Parco: lo derubrichiamo a luogo vacanze per noi frequentatori  locali cercando di strappare il più possibile deleghe al regolamento, oppure cerchiamo di salvaguardarlo rispettando le stesse regole ancora di più in modo che si conservi  e si migliori per avere anche una valenza turistica? Una domanda da porre alla nuova Amministrazione Comunale.

 

L’intervento di Ceccherini:


 “Una ovvietà che ritengo rammentare. Chi assume incarichi di organismi pubblici oltre decidere con atti, di cui ne deve assumere la responsabilità, deve anche  vigilare sul loro rispetto. Qualsiasi problema che normalmente si presenta deve essere affrontato indipendentemente dalla sua soluzione, mai trascurato volutamente e meno che mai risolverlo  con affermazioni e non con atti rivolte ad avere un consenso facile di platea. Per la riqualificazione della sponda destra del fiume Serchio, proprietà privata, è stato reso esecutivo un progetto per gli approdi condiviso dalle stesse e dagli Enti di competenza. Prima della sua attuazione le proprietà unitamente al Parco e al Comune di Vecchiano devono firmare una convenzione. Solo dopo la firma si possono assegnare i posti di approdo ai fruitori con i criteri descritti in apposita delibera del Consiglio Comunale e con l'inoltro degli elenchi all'Amministrazione per le verifiche necessarie. Ad oggi questa convenzione non è stata firmata con conseguenze facilmente intuibili. Una parte della proprietà ha chiesto ed ottenuto dal Parco una autorizzazione a porre dei pali per l'attracco e l'assegnazione dei posti agli utenti. Non conosco le motivazioni per le quali sia stato possibile questo atto nonostante la mancanza della firma della convenzione, sono, però, certo che  sia formalmente e giuridicamente legittimo. Per tutto quello sopra esposto esistono atti di delibere consiliari che vanno rispettate ma che possono essere modificate in ogni momento. A questo proposito chiedo al Sindaco Angori di rivedere la delibera di Consiglio riferita all'assegnazione dei posti barca, parte privata, dove si è convenuto con le stesse un canone di 450 euro annui. In questa situazione confusa, ormai da troppi anni, percorrere scorciatoie superando atti formali sarebbe sbagliato. Le proprietà ritengono penalizzante la convenzione tanto da non firmarla e pur condividendo il progetto? Lo si dica. Si vogliono dare agevolazioni ai fruitori da parte del Parco? si facciano atti conseguenti. Penso, tra l'altro, a tutti gli operatori di vigilanza che non possono compiere il loro lavoro su quello detto ma non formalmente scritto. Non sarebbe giusto e nemmeno possiamo incolparli del loro poco buon senso perché sarebbe ancora più ingiusto. Una riflessione per ultimo ma la più importante. La zona di Bocca di Serchio fa parte del Parco, un territorio da salvaguardare e rispettare, quale uso ne vogliamo fare? Qual è il limite del rispetto oltre il quale non sono possibili certi tipi di fruizioni? Insomma fare chiarezza su questo dovrebbe essere impegno delle Amministrazioni Comunali, del Parco e delle forze politiche. Oggi c'è un Regolamento del Parco e sopratutto un Piano di Gestione da aggiornare e non bisogna fargli fare l'elastico sulle richieste giuste o meno che possono arrivare.” 
 
 
 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




5/7/2016 - 14:28

AUTORE:
Occhio !!

L'art. 35 del Regolamentodel Parco lettera i) dice."non è consentito l'ACCESSO alla spiaggia della Tenuta di San Rossore nè da terra nè da mare, fatta eccezione per le visite guidate e per le persone munite di specifica autorizzazione per raggiungere la Buca del Mare,la spiaggia del Gombo e la penisola dei Gabbiani. Ogni ordine di servizio tendente in qualsiasi forma a non tenere in conto questo articolo e scritto da qualsiasi dirigente dell'Amministrazione del Parco o della vigilanza è illegittimo e non soggetto ad esecuzione da parte di tutti gli operatori.

4/7/2016 - 18:56

AUTORE:
Presente

Ma che strano questo nuovo Comitato dei "fruitori". Ben ha fatto Cardellini a dire che ogni comitato di cittadini va bene perchè dimostra interesse al territorio. Però strano, un Comitato esisteva già e la costola che si è staccata e che dice "salvaguardia" le scappa anche la frase "mettere mano" al regolamento. Conoscendo i tipi credo che il loro obbiettivo sia più il secondo che il primo. A rimorchio di costoro un sacco di brave persone forse ignare di quali siano i veri scopi di questo movimento che preferisce senz'altro il libero arbitrio alle regole.
Libero arbitrio anche nella punteggiature, punti e virgole lanciati a caso....

3/7/2016 - 18:55

AUTORE:
Mariano

Leggendo i commenti non ho trovato nemmeno un rigo dell'associazione dei Fruitori di Bocca

2/7/2016 - 23:43

AUTORE:
mirko

tra i sembra, pare, appare, non so, ambiguità, ecc aggiungo anche un mio "mi sembra" un gran caos pastrocchio.
Le regole dove sono?

2/7/2016 - 19:17

AUTORE:
Vecchianese

Perchè non fare un bel confronto pubblico a Vecchiano Parco Pasolini fra sindaci parco Salviati e comitati? magari condotto dalla Voce?

2/7/2016 - 19:08

AUTORE:
Uno di Bocca

A questo punto aspettiamo risposte dal Sindaco Angori,dal Presidente del Parco e dalla Prprietà Salviati.

2/7/2016 - 19:02

AUTORE:
Libero bagnante

...la risposta "sorbe" è scontata anche se ai più la sorba come frutto rimane abbastanza sconosciuto.

Dichiararsi soddisfatti di questo avvio di "maturazione ottimale" per tutti che attendevamo da mezzo secolo è cosa buona e giusta; sia per i cosiddetti "fruitori" che vedono preservato un angolo di paradiso e motivo d'orgoglio risiede anche fra chi ha abitato il luogo in altra epoca perché non aveva alternative per quei pochissimi giorni concessi fuori dal lavoro ed il "suo mare" di Bocca di Serchio e per giunta quando vorrà, se lo vorrà potrà ritornare e trovare un mondo simile a quando il mondo nacque.
Motivi di soddisfazione per l'oggi ne ho parecchi.

1° Si è stabilito che il Nostro
Serchio non vien più considerato -una veloce via d'acqua d'accesso alla spiaggia di San Rossore-.
Chi riempiva le nostre piazze di carrelli/barca trainati da suv con targa LU-PT-FI si è rivolto ai porti di Viareggio-Marina di Pisa.
2° Vivere completamente l'immensa bellezza che il Nostro Parco ci offre con l'inizio di questa bella estate con il giallo dei girasoli ed il "libero verde" dei canneti sulla sponda del fiume è parecchio gratificante.
3° Ci avevo scommesso che una passeggiata lungo il ciglio del mare con le mani in tasca del costume da bagno e niente più a nessuno veniva impedita...e che diamine! ai cighiali per loro natura è permesso ruffolà dunniosa e noi non si può fare cia-cià con i piedi nell'acqua salata senza lasciare traccia alcuna (provare per credere).
Buona estate alla gente di buonissima volontà.