none_o

Tornano i concerti Musikarte del Festival Musicale Internazionale Fanny Mendelssohn. Uno straordinario viaggio musicale, iniziato sette anni fa, un appuntamento ormai classico atteso con trepidazione da moltissimi appassionati. Artisti provenienti da 20 nazioni di tutto il mondo hanno portato la loro musica e il loro talento nelle dimore storiche del Lungomonte pisano, veri gioielli del nostro territorio, nei palazzi, nei teatri, nei musei della provincia di Pisa.

Invito alla partecipazione gratuita
none_a
ASBUC di:Vecchiano-Filettole-Nodica-Avane
none_a
La Redazione
none_a
Vecchiano
none_a
Non sta a me risolvere il caso, ci sono persone preposte. .....
Evisto? noi ci siamo chetati e te sei rimasto con il .....
Caro sig. Gio' la facevo migliore. E invece è solo .....
Hai ragione, sono un bischero a confondermi ancora .....
di David Barontini portavoce M5S di Cascina
none_a
Il nostro é un ordinamento garantista non giustizialista
none_a
“Magari che ci metta lo zampino il coronavirus…”
none_a
Umberto Mosso‎ #SEMPREAVANTI Pistoia e provincia.
none_a
di Renzo Moschini, ex parlamentare
none_a
di Giovanni Greco coordinatore CascinaOltre
none_a
Calci
none_a
Pisa
none_a
Il sito degli "ARTISTI PISANI SCOMPARSI" per una significativa memoria culturale
none_a
Come Steve McCurry e l'afghana dagli occhi verdi nel 2002
none_a
Torna il 16 febbraio l’anteprima del Consorzio Vino Chianti e del Consorzio Tutela Morellino di Scansano
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Pisa, 1 marzo
none_a
Pontasserchio, 16 dicembre
none_a
Pontasserchio 22-23 febbraio
none_a
Pisa, 22 febbraio
none_a
L'Associazione il retone-presenta
none_a
Molina di Quosa, 16 febbraio
none_a
Ernesto va alla guerra
none_a
Pontasserchio, 11 febbraio
none_a
Il pettirosso è in procinto di partire
mentre la mimosa comincia a fiorire.
Esitano i narcisi dal color del sole
più audaci si mostrano le odorose .....
Buongiorno, abito in Via Paganini a Colignola, quotidianamente percorro le strade bianche nelle vicinanze fino ad arrivare ad Asciano, lungo i condotti. .....
di Renzo Moschini
none_a
Riserva del Chiarone
none_a
SR-domenica 26 gennaio
none_a
none_o
In punta di piedi
di Fabiano Corsini

24/7/2016 - 7:35


Ragionare in punta di piedi


Per arrivare dove è troppo alto dobbiamo alzare le punte dei piedi. Per ragionare sulle tante, troppe tragedie che accadono in questi giorni, dovremmo tutti stare in punta di piedi. I ragionamenti che facciamo da seduti, le deduzioni che traiamo mettendo insieme le nostre convinzioni consolidate, ci portano troppo spesso a dire cose che non sono all'altezza: ad esprimere opinioni la cui qualità è come quella dei discorsi fatti al bar. Come si discutesse di pallone.

Dobbiamo avere la cura ed il coraggio di accorgerci che le cose stanno cambiando rapidamente. Anche se ci ostiniamo nella certezza di essere dalla parte della ragione, della tolleranza, del giusto e infine della storia, non possiamo non accorgerci che attorno a noi le persone cambiano i loro modo di vedere.

“Io non sono razzista, però...” è ormai il tormentone del discorso che ti fa quasi sempre la persona conosciuta da poco. Tra le persone che ritenevi colte e avvertite, circolano ormai ragionamenti che dicono “Dobbiamo difendere i presìdi della nostra civiltà , le nostre conquiste..”, mentre i più ignoranti sentenziano “Dobbiamo mandarli tutti a casa”. Quelli che dicono “Bisogna ascoltare la gente” costruiscono su questo nuovo senso comune le loro fortune politiche.

Non abbiamo ricette da proporre, non abbiamo critiche da fare. Siamo sempre più disorientati e, come mai forse ci era accaduto, disarmati. Consapevoli che non basta alzare il volume della voce, proviamo noi a fare ragionamenti in punta di piedi. Cerchiamo di ragionare alto, cerchiamo di vedere oltre le teste dei più vicini, cerchiamo perfino di scavalcare la loro voce per ascoltare lontano, sperando di trovare là le parole giuste.
Facciamo bene a farlo, ma così non ce la faremo, e presto saremo stanchi di questa posizione scomoda. La nostra unica e tenue speranza è che la politica torni a fare il suo mestiere. Che torni in campo un pensiero attivo, capace di aprire a chi ragiona gli spazi del mondo, a collocare le nostre riflessioni in dimensioni più vaste.

Ve le ricordate quelle riunioni aperte da relazioni che duravano un'ora, e la prima mezz'ora era dedicata a fare l'analisi delle dinamiche mondiali? Ecco, non ridiamoci più sopra, perché è proprio di quelle riunioni e di quelle analisi che abbiamo bisogno oggi. Magari facciamole con l'Ipad, o con qualche app di realtà aumentata, ma se non ritroviamo una dimensione forte e seria alla politica il viaggio verso la barbarie rischia di diventare senza scampo e senza ritorno.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




24/7/2016 - 12:41

AUTORE:
Paolo

Ti dirò , invece che in punta di piedi , stamani ho preso anche un sgabellino e ci sono salito su per avere una visuale più alta !
Lascio perdere la storia del pd e de senso della discussione interna , roba da rigurgiti costanti !
Mi piace però la sua analisi e un punto in cui sottolinea che il mondo è cambiato e che ce ne dobbiamo fare una ragione , bene sappia però che io essendo di SINISTRA , non accetterò mai :
L'ingerenza di una religione che diventa stato
La privazione dei diritti umani
La teoria che la donna conta meno di un topo
Ma la cosa che non accetto di più è che una religione , l'Islam , moderato , brioso o Stragista, persegua l'obbiettivo di sottomettere gli infedeli ( tradotto tutti noi ) ecco per queste cose sono disposto a tutto per difendere i miei valori di SINISTRA!

24/7/2016 - 9:45

AUTORE:
Bruno Baglini Migliarino

....un ma c'è sempre.
Il mio partito, il PD che fra le altre cose è il più grande partito organizzato d'Europa. Ieri ha riunito i suoi delegati nazionali, che dopo la relazione del suo segretario generale; han parlato proprio come si faceva una volta e che tu giustamente rivendichi, ma, a detta dei mezzi d' informazione (viziata) è stato di una noia mortale perché "loro" vogliono veder fiumi di "sangue" scorrere fra noi compagni e a chi si reputa vicino nella fase governativa di tipo Costituzionale dove nessuno ha vinto le elezioni politiche ultime e quindi ci vorrebbe più riguardo da parte di chi vuole sempre guerre intestine e plateali per poterci galleggiare sopra per vendere giornali ed idee a pagamento in TV.

Nb, sono al mare di Marina di Vecchiano e con un "aggeggino" anche troppo piccolo per le mie mani, ma mi da possibilità di dialogo-ascolto-critica e notizie di ogni genere in tempo reale ed amplificate anche dal nostro "PICCOLO" giornale.
Buona domenica di pace.