none_o


Una vicenda tutta personale viene descritta in questo nuovo articolo di Franco Gabbani, una storia che ci offre un preciso quadro sulla leva per l'esercito di Napoleone, in grado di "vincere al solo apparire", ma che descrive anche le situazioni sociali del tempo e le scorciatoie per evitare ai rampolli di famiglie facoltose il grandissimo rischio di partire per la guerra, una delle tante. 

Vittoria del Vecchiano Centro al Palio Rionale
none_a
Circolo ARCI-Migliarino
none_a
Comune di Vecchiano- Nuova Allerta Meteo Gialla in arrivo
none_a
. . . uno sul web, ora, che vaneggia che la sua .....
. . . . . . . . . . . a tutto il popolo della "Voce". .....
. . . mia nonna aveva le ruote era un carretto. La .....
. . . la merda dello stallatico più la giri più puzza. .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
di Fabiano Corsini
none_a
Pisa, 24-27 giugno
none_a
Tirrenia, 17 giugno
none_a
di Alessio Niccolai con Alma Pisarum APS
none_a
Villa di Corliano, 27 giugno
none_a
Le cose andrebbero meglio
se non bene
se si procedesse
tutti quanti insieme. . .
rispettando modi, tempi, capacità
valorizzando le competenze .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
none_o
"Le palline, i sassolini, la sabbia: la felicità!"
di Renzo Antichi

31/7/2016 - 19:38


 
Frugando fra le mie carte ho ritrovato un vecchio racconto che mio figlio mi passò qualche anno fa.
Oggi è una storia molto conosciuta che si ritrova in decine di siti web, però la ripropongo perché esercita sempre un certo fascino e invita a qualche riflessione sulla felicità. È opportuno, ogni tanto, fermarsi e riflettere. 
 
“Un professore, prima di iniziare la sua lezione di filosofia, pose alcuni oggetti davanti a sé, sulla cattedra. Senza dire nulla, quando la lezione iniziò, prese un grosso barattolo di maionese vuoto e lo riempì con delle palline da golf. Domandò quindi ai suoi studenti se il barattolo fosse pieno ed essi risposero di si.
Allora, il professore rovesciò dentro il barattolo una scatola di sassolini, scuotendolo leggermente. I sassolini occuparono gli spazi fra le palline da golf. Domandò quindi, di nuovo, ai suoi studenti se il barattolo fosse pieno ed essi risposero di si.
 
Il professore, rovesciò dentro il barattolo una scatola di sabbia. Naturalmente, la sabbia occupò tutti gli spazi liberi. Egli domandò ancora una volta agli studenti se il barattolo fosse pieno ed essi risposero con un si unanime.
Il professore tirò fuori da sotto la cattedra due bicchieri di vino rosso e li rovesciò interamente dentro il barattolo, riempiendo tutto lo spazio fra i granelli di sabbia. Gli studenti risero!


Ora -disse il professore quando la risata finì- vorrei che voi consideraste questo barattolo la vostra vita. Le palline da golf sono le cose importanti; la vostra famiglia, i vostri figli, la vostra salute, i vostri amici e le cose che preferite; cose che se rimanessero dopo che tutto il resto fosse perduto riempirebbero comunque la vostra esistenza.


I sassolini sono le altre cose che contano, come il vostro lavoro, la vostra casa, l’automobile. La sabbia è tutto il resto, le piccole cose.
Se metteste nel barattolo per prima la sabbia -continuò- non resterebbe spazio per i sassolini e per le palline da golf. Lo stesso accade per la vita. Se usate tutto il vostro tempo e la vostra energia per le piccole cose, non vi potrete mai dedicare alle cose che per voi sono veramente importanti.


Curatevi delle cose che sono fondamentali per la vostra felicità. Giocate con i vostri figli, tenete sotto controllo la vostra salute. Portate il vostro partner a cena fuori. Giocate altre 18 buche! Fatevi un altro giro sugli sci! C’è sempre tempo per sistemare la casa e per buttare l’immondizia. Dedicatevi prima di tutto alle palline da golf, le cose che contano sul serio. Definite le vostre priorità, tutto il resto è solo sabbia.”


Una studentessa alzò la mano e chiese che cosa rappresentasse il vino. Il professore sorrise. “Sono contento che tu l’abbia chiesto. Serve solo a dimostrare che per quanto possa sembrare piena la tua vita c’è sempre spazio per un paio di bicchieri di vino con un amico”
 
Non so se questa lezione di filosofia sia stata realmente tenuta, ma non è importante, voglio utilizzare la narrazione per riflettere sul concetto di felicità che il professore invita a raggiungere. Ovvero quella situazione di soddisfazione che frequentemente invochiamo ma che sembra uscita dal nostro bagaglio emotivo. Troppo spesso pensiamo di non averla solo perché non riusciamo a capirla.
 
Come vorresti la vita di tuo figlio? Vorrei che fosse felice. Questa è la prima risposta della maggior parte dei genitori.
Quindi la felicità è un valore importante ma frequentemente male interpretato e associato solo allo stare fisicamente bene, al senso del possesso, al desiderio di riconoscimento sociale, all'inseguimento di una qualsiasi forma di benessere.
Le leggi della felicità nessuno le ha ancora scritte, esistono solo modelli personalizzati che sono indipendenti da format preconfezionati e raggiungibili, o quantomeno avvicinabili, facendo semplici scelte di buon senso.
Imparare a sorridere, saper ascoltare, apprezzare ciò che abbiamo, accettare le emozioni negative come un momento di vita ineludibile e provare a girarle in positivo gestendole come una occasione di apprendimento. Questi dovrebbero essere i cardini.
 
Lungi da me dal voler dettare linee di condotta o principi di scelta. Sono solo riflessioni fatte al termine di una giornata un po’ storta, dove mi sono scoperto contrariato con il mondo, con l’età che avanza e con me stesso che no sono riuscito a fare ciò che volevo. Per cui mi sono chiesto se potevo fare un consuntivo giornaliero diverso a parità di eventi.
 
Si, forse era possibile. Il professore indica un percorso.
Dovrei però riuscire a gestire la felicità non come un’emozione passeggera associata a una situazione favorevole, ma come un normale stato di vita.
Il difficile comincia qui.
 
 
 

 

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri