none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

. . . altrimenti in Italia tutto il potere centrale .....
Sei fuori tema. Ma sappiamo per chi parli. . .
. . . non so se sono in tema; ma però partito vuol .....
Quelle sono opinioni contrastanti, il sale della democrazia, .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
IMMAGINA San Giuliano Terme
none_a
di Umberto Mosso
none_a
di Riccardo Maini (vedi risposta al sig. Bertelli)
none_a
Comunicato congiunto FdI, Lega, FI.
none_a
“Interrogazione del consigliere provinciale Roberto Sbragia”
none_a
Ripafratta, 25 maggio
none_a
di Fabiano Corsini
none_a
Prato
none_a
Dal 17 al 19 Maggio ore 10.00 - 20.00
none_a
Forum Innovazione di Italia Economy" II EDIZIONE
none_a
Nei tuoi occhi languidi
profondi, lucenti
piccolo mio
inestimabile tesoro
vedo il futuro
il tuo
il presente
quello del tuo babbo
il passato
quello .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
Molina di Quosa
Festa dell'Olio e della Castagna - Molina di Quosa

11/10/2016 - 0:11

16 Ottobre 2016:
Festa dell'Olio e della Castagna - Molina di Quosa (Pisa)


16 Ottobre 2016 - Molina di Quosa (Pi)
Pure quest'anno le strade di Molina di Quosa sono pronte a trasformarsi e ad accogliere con il calore della sua gente e dei suoi prodotti chiunque voglia passare una giornata all'insegna del divertimento, della compagnia e del buon cibo.
La “Festa dell'olio novo e della castagna” è giunta alla sua nona edizione e si conferma sempre di più come un appuntamento fisso dell'autunno, una manifestazione di punta del Lungomonte pisano: è nata per volontà dei molinesi ed è cresciuta sempre di più nel tempo, aumentando continuamente la sua offerta (quest'anno avremo circa 100 stand, con numerose novità) arrivando ad attirare migliaia di persone per le piazze del paese.
Potrete gustare ottime specialità locali: cartocci di gustose caldarroste, castagnacci, necci ripieni, focacce casarecce, polenta, salsiccia e ancora, bruschette accompagnate da olio “novo” fresco di frantoio e vino. Sarà inoltre possibile acquistare prodotti delle aziende agricole locali.
La festa però va oltre la gastronomia e come sempre gli appuntamenti sono numerosi e imperdibili.

Ce ne sono per tutti i gusti: per gli amanti dei motori il Vespa-raduno (organizzato dal Vespa Club di Pisa), l'esibizione e la mostra aeromodellistica; per i più piccoli ci saranno tanta musica e tanto divertimento come l’animazione dell’associazione “Il Gabbiano”, la filarmonica Sangiulianese e l'associazione “ST monte Pisano” che garantisce tanto divertimento per tutti i bambini presenti...con la bici!!! Veramente da non perdere!; gli amanti della cultura potranno sfogliare i libri della “Ghibellina” di Pisa, assistere a mostre di arte contemporanea di artisti locali, ammirare l'esposizione micologica e di Bonsai nello stupendo scenario di villa Annamaria, potranno conoscere la storia delle acque del nostro territorio con un'interessante presentazione a cura di docenti dell'Università di Pisa e rimanere con il fiato sospeso ascoltando le canzoni del gruppo “NAYS”.

Prima di veder le stelle ... Concerto per piano e voce di Annalisa Elettra ed in fine Osservazione guidata del “Cielo d’ottobre” con telescopi a cura del Gruppo Astrofilo Pisano coordinato da Luigi Gargiulo
Tognaccini e Vincenzo Lo Monaco. infine per chi vorrà tentare la fortuna, l'immancabile lotteria!
Un aspetto importante che caratterizza la festa è il fatto che tutte le persone che lavorano per la sua realizzazione sono volontari, spinti dalla voglia di stare insieme e di riscaldare a modo loro un pomeriggio autunnale, ma non solo.

C'è un qualcosa di più importante che anima i molinesi, si tratta dello spirito della solidarietà e della beneficenza: sin dalla nascita di questa festa, parte del ricavato è stato donato a diverse associazioni che operano nel sociale e che si sono distinte per la loro serietà ed operatività.

 

Negli anni passati sono stati sostenuti diversi progetti: abbiamo aiutato AGBALT nella costruzione di una struttura residenziale per l'accoglienza delle famiglie di bambini affetti da leucemia, siamo riusciti a vaccinare contro l'epatite B 1000 bambini indiani insieme ad “Humanitarian Help for Poor People ONLUS”, abbiamo aiutato nella loro attività Medici Senza Frontiere, Emergency, AIL, Neurocare AIPIA ed Shalom. Quest’anno investiremo parte del ricavato in un progetto di aiuti alle popolazioni fortemente colpite dal terremoto! Noi ci impegniamo a recapitare personalmente gli aiuti, cosa riusciremo a fare? ............ questo dipende soprattutto da tutti noi!
Ed ora che anche voi conoscete il vero spirito della festa non possiamo che chiedervi di aiutarci e di passare con noi una bellissima giornata. Vi aspettiamo numerosi!

Cordiali saluti Maurizio Barbuti
 
E’ possibile visionare il programma della Festa tramite il seguente sito:
http://www.festadellacastagna.org/
Il Comitato della “Festa dell'olio novo e della castagna”



Fonte: Maurizio Barbuti
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

16/10/2016 - 19:33

AUTORE:
Sangiulianese

Davvero complimenti a organizzatori e comunità di Molina. Non avevo mai partecipato alla sagra della castagna e dell'olio, chissà perché. Probabilmente pensavo alla solita piccola sagra di paese con 4 bancarelle e una cucina deludente. Ho visto invece una perfetta organizzazione, a partire dal parcheggio. Le bancarelle erano un lungo serpentone che si snodava fin dentro l'abitato e senza essere banali, artigianato vero e non mutande cinesi. Tutti i negozi aperti, 4 o 5 punti per mangiare distribuiti ovunque, una bellissima mostra fotografica, presenza di produttori autentici, di miele, birra, ecc.. E in Villa, a parte l'enorme spazio gastronomico, i produttori di olio ( un po' nascosti..) con anche un dibattito interessante tra amministratori e produttori purtroppo non partecipato.
Insomma una cosa fatta molto bene e l'afflusso di molte centinaia di persone lo dimostra. San Giuliano dovrebbe imparare dalla sua frazione

14/10/2016 - 13:36

AUTORE:
Curioso

È la nona festa o la dodicesima come scritto su Facebook?..boh! Chi sa!