none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

. . . altrimenti in Italia tutto il potere centrale .....
Sei fuori tema. Ma sappiamo per chi parli. . .
. . . non so se sono in tema; ma però partito vuol .....
Quelle sono opinioni contrastanti, il sale della democrazia, .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Nei tuoi occhi languidi
profondi, lucenti
piccolo mio
inestimabile tesoro
vedo il futuro
il tuo
il presente
quello del tuo babbo
il passato
quello .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
San Giuliano Terme, 25 novembre
Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne: tre eventi per riflettere

22/11/2016 - 19:14

Il 25 novembre, in tutto il mondo sarà commemorata la Giornata Internazionale per l’Eliminazione della Violenza Contro le Donne. In questa giornata, resa istituzionale dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 1999, si ricorda l’assassinio delle tre sorelle Mirabal avvenuto nel 1960 nella Repubblica Dominicana durante il regime del dittatore Rafael Leonidas Trujillo. Un episodio che la scrittrice Julia Alvarez ha raccontato nel libro “Il tempo delle farfalle”, libro da cui nel 2001 è stato tratto un film “In the times of butterflies”. La violenza contro le donne, assieme a quella contro i bambini e i ragazzi e a quella contro le persone LGBT, rappresenta una delle più gravi violazioni dei diritti umani.


“E purtroppo una delle più diffuse – spiega il sindaco di San Giuliano Terme Sergio Di Maio - Basti pensare che in Italia, al 20 novembre, sono state uccise 107 donne. Vite spezzate brutalmente da rapinatori o da uomini semplicemente violenti, spesso per futili motivi. Secondo le stime, poco più di un terzo delle donne del mondo è soggetto a violenza: una violenza che spesso causa seri problemi di salute, dalle malattie veneree a problemi psicologici, e che in gran parte dei casi si consuma tra le mura di casa per mano dei partner. E proprio i partner, mariti o compagni, spesso ormai ex, sono i responsabili della maggior parte dei 107 femminicidi registrati nel 2016. In alcuni casi i responsabili sono addirittura i figli”.


Per il 25 novembre il comune di San Giuliano Terme ha organizzato tre importanti eventi: tre momenti di riflessione non soltanto sulla violenza ma anche sull’emarginazione.


Si inizia la mattina quando, nella sala del Consiglio Comunale, dalle ore 9.00 alle ore 12.00, il Consiglio delle Pari opportunità ha organizzato, con la collaborazione delle associazioni Casa della Donna e NuovoMaschile, un incontro con i ragazzi delle classi seconde delle scuole secondarie di primo grado del territorio. L’evento, dal significativo titolo “San Giuliano…dalla parte delle donne !”, è un progetto per la promozione della parità di genere già a livello scolastico.


Nel pomeriggio l’attenzione si sposta alla Fattoria di Corliano, concessa al Comune gratuitamente e a titolo di cortesia dall’attuale proprietario, Agostino Agostini Venerosi Della Seta. Nello splendido contesto dei locali della Fattoria alle ore 16.30 sarà inaugurata la mostra “Un angolo contro” di Alberto Loro: un percorso tra sociale, arte e fotografia dedicato alle vittime di bullismo, antisemitismo, omofobia, misoginia, razzismo oppure semplice indifferenza. All’evento, oltre all’artista, interverranno il sindaco Sergio Di Maio, l’assessora alle Pari Opportunità Maria Elena Bianchi Bandinelli Paparoni e Matteo Paolini, legato all’artista da una amicizia di lunga data. Parteciperanno inoltre l’avvocato Serena Baldi, dello sportello comunale contro la violenza sulle donne, e Rosa Cranchi, responsabile del progetto “La Zattera”. L'evento è organizzato con la collaborazione del Caffé dell'Ussero e dell'Eden Park Resort.


Al termine dell’inaugurazione la Compagnia di Nerino presenterà in anteprima in anteprima lo spettacolo “Io sono Alessandro”: un progetto di Marco Serafini sul tema della discriminazione di genere, con regia di Alessandro Ciardelli.


Alessandro Ciardelli che sarà tra i protagonisti anche dell’ultimo evento in programma, “La altre Donne – Il disagio della transfobia”.


“Si tratta di un momento di riflessione su una sfumatura molto particolare della violenza sulle donne e di genere: quella verso le persone transessuali e transgender – spiega l’assessora delle Pari Opportunità Maria Elena Bianchi Bandinelli Paparoni, che ha presentato le iniziative durante l’ultimo Consiglio Comunale - Secondo il rapporto del Trans Murder Monitoring project l'Italia ha il triste primato in Europa degli omicidi di persone transessuali e transgender: 30 negli ultimi 8 anni. Ci è sembrato quindi interessante chiudere la giornata con una riflessione anche su questo aspetto spesso poco discusso. Peraltro il 20 novembre ricorreva la Giornata in memoria delle persone trans”.
 
“Dire no alla violenza contro le donne e alla violenza di genere è un impegno di civiltà che riguarda tutti – conclude il sindaco Di Maio - Ci auguriamo che la riflessione su questi temi non resti ancorata ad occasioni come la giornata del 25 novembre ma che diventi una necessità del nostro agire quotidiano”.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri