none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

. . . altrimenti in Italia tutto il potere centrale .....
Sei fuori tema. Ma sappiamo per chi parli. . .
. . . non so se sono in tema; ma però partito vuol .....
Quelle sono opinioni contrastanti, il sale della democrazia, .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Nei tuoi occhi languidi
profondi, lucenti
piccolo mio
inestimabile tesoro
vedo il futuro
il tuo
il presente
quello del tuo babbo
il passato
quello .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
none_o
"Finalmente Domenica"
di Trilussa

4/12/2016 - 10:39


Prendo in prestito il titolo della rubrica del nostro amico Ovidio perché meglio di ogni altro può esprimere la soddisfazione di essere arrivati alla fine di questa opprimente, asfissiante, inconcludente e infinita campagna elettorale.


E’ finita! Finalmente oggi si vota! Non importa chi vincerà, perché nessuno è in grado di dire se sia meglio che vinca il Si oppure il No. Chi pensa di saperlo, senza se e senza ma, è destinato all’errore perché nella riforma costituzionale ci saranno sicuramente (lo dice la logica, e anche la statistica) cose buone e cose non buone. Ci saranno leggi e provvedimenti che potranno facilitare la vita di cittadini e Istituzioni ed altre che invece le complicheranno. Sarà inevitabile e a scanso di tutto quello, in abbondanza e fino allo sfinimento,   che ci hanno propinato Tv, giornali, comizi, iniziative più o meno finalizzate a farci capire, ma sempre secondariamente e spesso in maniera occulta,  destinate a convincere chi ancora non è convinto e si barcamena ascoltando le opinioni degli altri. Difficile che qualche dittadino-elettore si sia messo a leggere la Riforma, a sviscerare i problemi che potrà risolvere e quelli che potrà invece complicare.


Una campagna elettorale divisiva,  in cui si sovrappongono diverse componenti, politiche e personali, sentimenti più che ragioni, posizioni partitiche invece che ragionamenti, schieramenti preconcetti e posizioni di appartenenza. D’altra parte inevitabili non potendo, i comuni cittadini, ma forse anche qualcuno più esperto, sapere con esattezza e fino in fondo le ripercussioni politiche e amministrative di tale cambiamento.  La sicurezza e la prosopopea di molti politici visti in Tv a difendere la propria posizione, credo non possa non nascondere anche un forte dubbio, non espresso, se questo cambiamento sia veramente un passo sicuro in avanti o solo un cambiamento la cui ricaduta nessuno sa con sicurezza dove e a cosa potrà portare.


Gli schieramenti infatti sembrano raggrupparsi su due tesi principali: i fautori del SI nella speranza e nella consapevolezza che un cambiamento serva e sia utile al Paese. Da troppo tempo si sente parlare di questa esigenza dell’eliminazione del bicameralismo paritario e della modifica del Titolo V della costituzione. Questa sembra una buona occasione ma se si entra nel merito delle conseguenze la cosa si fa nebulosa e le ragioni si perdono. Meglio rimanere al primo pensiero, quello che cambiare sia comunque utile.


Le ragioni del No sembrano legate principalmente al giudizio sul Governo e sul Premier. Basate soprattutto su un giudizio di merito riguardo ai risultati dell’azione di governo fino ad oggi e su quello personale nella figura di Matteo Renzi, una figura senza dubbio politicamente molto ingombrante. Non si spiegherebbe la varietà di partiti e sigle uniti per questo scopo che, se non risultasse offensiva, molto si avvicinerebbe alla definizione di accozzaglia non avendo niente in comune se non questo unico scopo di far cadere il Premier.

Anche in questo caso la difficoltà di essere capaci di valutare le conseguenze della Riforma sembrano piuttosto ridotte e direi secondarie rispetto al motivo principale dello scarso gradimento del Premier e sulla mancanza di fiducia nei suoi confronti.


Tutto ciò ha caricato di cittadini di una responsabilità che non dovrebbe essere loro.


Non si tratta di un referendum su un argomento che riguardi le loro coscienze, il loro modo di vedere l’organizzazione dello  Stato o la convivenza civile, campi dove ognuno ha una sua opinione e una propria sensibilità sui cui può essere giustamente chiamato ad esprimersi. Si tratta di un argomento complesso, difficile, dalle conseguenze imprevedibili forse anche a chi ne fa un uso professionale. Un argomento oggetto di referendum che non poteva non avere, come in effetti è successo (anche senza intervento di Renzi), una veste molto diversa traducendosi in un referendum su Governo e Premier.


Tutto questo non ha fatto che aumentare il disagio in cui vivono i cittadini di questo paese bello ma complicato. Un Paese in un perenne esile equilibrio finanziario, in continua emergenza con terremoti e immigrazione a cui si sono aggiunti i toni elevati e offensivi di una campagna elettorale che ha diviso e incattivito, con  previsioni sempre catastrofiche per il Paese chiunque poi risulti vincitore.
 
Una situazione di tensione civile e di difficoltà economiche che spinge molti cittadini e pensionati a trovare riparo in altri paesi dove il clima (non solo meteorologico) è più gradevole. Ormai ogni anno circa 5000 persone varcano i nostri confini per godersi il sole  e le agevolazioni fiscali di paesi come il Portogallo, dove la vita è meno cara, la pensione arriva senza tasse, la TV non ossessiona e magari nemmeno la capisci,  dove puoi girare per strada la sera semplicemente per goderti il fresco. 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

8/12/2016 - 18:55

AUTORE:
BdB

Ciao, alla prossima.

8/12/2016 - 18:28

AUTORE:
Ovidio

la campagna elettorale è finita, finalmente!
Saluti.

8/12/2016 - 15:15

AUTORE:
Bruno Baglini Migliarino

Tu scrivi sul nostro/tuo giornale:

Non mi è piaciuto l'eccesso di tifo da ambo le parti, specialmente tra quelli del sì, ai quali mi pare che La Voce del Serchio abbia dato forse troppo spazio.


Menti sapendo di mentire!
Vedi su PARTITI &POLITICA che è la sez esclusiva e conta gli interventi passati dalla VdS e ti accorgi che nella prima pagina son sempre visibili n° 12 interventi a favore del no e n° 11 a favore del si e scorrendo le pagine il risultato non cambia se poi si contano gli interventi dei liberi cittadini su FORUM ti accorgi che il "tuo compagno occasionale" Generale Riccardo Maini del Comitato del NO di SGT & Pisa non può lamentarsi di avere avuto visibilità a sufficienza sulla VdS.
Ciao alla prossima: se ci sarà!

8/12/2016 - 9:44

AUTORE:
Ovidio DC

Caro Trilussa, grazie per questo tuo Finalmente domenica! Come sai, io non ero per la drasticità della divisione tra sì e no, ero invece favorevole ai quesiti multipli. Non mi è piaciuto l'eccesso di tifo da ambo le parti, specialmente tra quelli del sì, ai quali mi pare che La Voce del Serchio abbia dato forse troppo spazio.
Come ben sai ho votato no insieme a Arci, Anpi, Cgil e i più autorevoli costituzionalisti. Naturalmente sono felice che la nostra Costituzione abbia vinto con ampio margine contro l'arroganza e la poca chiarezza delle modifiche proposte. Ora la situazione è difficile, ma l'impegno comune è quello di riprendere il dialogo e di incamminarci lungo la strada maestra dell'attuazione dei principi e dei valori della Costituzione.

5/12/2016 - 11:02

AUTORE:
Barlume

Non se ne poteva più!, è vero ma chi parla di arroganza renziana dimentica volutamente quella salviniana grillina o meloniana?!
E adesso?
Non siamo invidiabili, questo è l'unico dato certo!