none_o


Ognuno di noi sa che non siamo messi bene come Paese, ma alcuni episodi recenti fanno pensare di essere messi ancora peggio di quanto possiamo immaginare. Sorvolo soltanto sulla brutta figura della Nazionale di calcio e sui comportamenti dei principali responsabili di tale storica disfatta. Giampiero Ventura che ha dimostrato di essere molto più interessato ai soldi che alla faccia e alla dignità e Tavecchio...

Il Diario di Trilussa
none_a
Concorso di prosa, poesia
none_a
Compleanno
none_a
I 10 anni della Voce
none_a
Come al solito , caro Osservatore , la fai più lunga .....
Quanti saranno quelli assunti a Tempo Determinato che .....
Non vedi l'ora di riavere i soliti vero? Anche la sig. .....
Alla faccia del moderato , sig. Baroncini , ha altre .....
Gioventù Federalista Europea
none_a
Capannori
none_a
Pisa
none_a
Pisa, 19 novembre
none_a
Fattoria San Vito
none_a
Che fai bambina mia
su quella porta
guardando da lontan
per quella via?
Ah, se sapessi,
quando la fu morta
se la portaron via
di là la mamma .....
Speedy Wash di Gambini Cinzia
Via Mazzini 6 Migliarino Pisano
Aperto dalle 08:00 alle 22:00 tutti
i giorni anche festivi
Tel. 328 4122388

Solo .....
Il Gruppo di San Rossore
Per i parchi sta cambiando qualcosa?

29/12/2016 - 16:43

Per i parchi sta cambiando qualcosa?

 
Per ora sono solo voci ma qualche piccolo segnale confermerebbe che le crescenti proteste contro la legge del Senato  sui parchi, ora passata alla Camera, qualche risultato l’avrebbe conseguito.

Sembra, infatti, che anche per i dubbi crescenti nello stesso  mondo dei parchi, che devono vedersela con ben altre rogne rispetto a quelle della legge -che piace tanto a Federparchi-  forse alla Camera si potrebbe finalmente ripartire con la politica, per stabilire prima che cosa deve cambiare nella legge, cosa deve cambiare nella politica dei parchi a partire da Roma, dal ministero dell’ambiente  insieme naturalmente alle regioni e gli enti locali, titolari della gestione delle aree protette.

Gestione che è un colabrodo non certo per l’invecchiamento della legge 394, ma per la sua mancata e elusa attuazione.

 

Le cronache ci dicono che oggi i parchi sono alle prese con l’insediamento dei nuovi enti di gestione, persino delle perimetrazioni che in più d’un caso si vorrebbero ridurre o aggregare ignorandone gli effetti gestionali. Il che ripropone l’esigenza di una Conferenza Nazionale che -come lo fu nelle sue due  precedenti occasioni  a Roma e a Torino- sarebbe –quella si- l’occasione per una seria riflessione critica anche sulla legge quadro e la sua applicazione.

Sarebbe finalmente anche la sede per decidere sul ruolo specialmente delle aree protette marine, finite da anni in uno scandaloso tritacarne, con il quale il ministero le ha messe non solo in cantera di fondo, ma tagliate fuori dagli stessi parchi, regioni ed enti locali.
E non parliamo delle risorse finanziarie di cui anche con legge del Senato si vorrebbe accreditare l’idea che i nostri parchi devono arrangiarsi da soli, perché lo stato e le regioni non possono farsene carico. Intanto in un giorno si può decidere con decreto la stanziamo di vari miliardi per gli interventi più vari.

Ma non per i parchi naturalmente i quali devono mettere in ‘vendita’ –si, si tratta di una vendita-per campare.
Noi continueremo la nostra battaglia e sosterremo ovviamente le ‘nuove’ voci.

 
Renzo Moschini

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: