none_o

La Sanità Toscana sta vivendo un periodo di grande crisi e i Pronto Soccorso sono prossimi al collasso. Paramedici che fuggono e medici che non si trovano rendono la situazione drammatica a cui si aggiunge il ricorso improprio ad una struttura d’urgenza per cause banali e la nuova maleducazione dei pazienti.

Massimiliano Angori
none_a
Massimiliano Angori
none_a
Elezioni del 25 settembre 2022
none_a
Invece di strillare cose assurde, leggi e informati. .....
. . . non vengono messi da un simpatizzante a nome .....
Saranno gli elettori a decidere con il proprio cervello .....
Che tu sia militante, simpatizzante o che tu voglia .....


"Fra gli alberi" Opera pittorica di Patrizia Falconetti

Di Umberto Mosso (a cura di BB Red, VdS)
none_a
di Michele Curci - Coordinatore comunale Forza Italia Cascina
none_a
di Umberto Mosso (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
Verso le elezioni del 25 settembre 2022
none_a
di Tonino Frisina, scrittore
none_a
Incontrati per caso…
di Valdo Mori
none_a
POSTE ITALIANE
none_a
Io, Medico (dr. Pardini e altri)
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
"Cinema Sotto le Stelle" a Calci
none_a
BUTI
none_a
ANIMALI CELESTI
teatro d’arte civile
none_a
COMITATO PER LA DIFESA DI COLTANO (PARCO MSRM)
none_a
Dalla rivista Toscana Economy
none_a
Capita che ci si perde in tempi lontani, dove niente fiorisce spontaneamente.
Ma la vita vive lo stesso
In zone diverse, con ritmi diversi.
Avevo .....
ASSEMBLEA PUBBLICA ASBUC DEL 21 LUGLIO 2022
Ricordiamo che il 21 Luglio 2022 alle ore 20, 30 presso la Sala Consiliare del Comune di Vecchiano, sita .....
DOMANDE E RISPOSTE SU ALCUNI PROBLEMI DI VISTA a cura di Venanzio Fonte
Occhi, occhiali e lenti a contatto

9/2/2017 - 14:40


Visto che la parte tecnica interessa forse meno della parte pratica,  vorrei trattare in questo articolo alcune problematiche ricorrenti per coloro che si dedicano alla lettura.

Ovviamente saranno problemi anche di tanti lettori che si ritroveranno senz’altro in quello che dirò, ipotizzando un cliente che  mi pone alcune domande alle quali io cercherò di dare risposta,  che poi sarebbe la ragione principale   di questa mia rubrica : scambiare due  chiacchiere fra noi esponendo, voi,  i vostri problemi di occhi e occhiali o lenti a contatto e io dandovi delle risposte.

Domanda:  perché quando sto’ applicato per tanto tempo davanti al computer spesso mi capita di vedere le parole che si sdoppiano o vedo saltare i righi. Se  poi mio fermo qualche secondo  e riparto tutto rifunziona come prima?? Risposta: questo problema non succede solo a chi lavora al computer ma anche a chi legge per lunghi periodi, a chi per esempio come le signore si applicano al cucito , o a chi deve fare lavori con oggetti particolarmente piccoli sui quali deve concentrare la propria  attenzione.

Quando ci si applica per leggere, gli occhio compiono una convergenza , non sono cioè paralleli come quando  guardano all’infinito. Questo vuol dire che la distanza interpupillare delle lenti montate sull’occhiale  da vicino deve essere una distanza precisa a quella necessaria alla persona che usa quell’occhiale. Per distanza interpupillare, se vi ricordate, abbiamo detto che è la distanza che intercorre fra le due pupille , cioè fra i due piccoli cerchietti che si vedono guardando l’occhio di una persona che abbiamo di fronte. In genere la differenza di distanza interpupillare fra lo sguardo all’infinito e la convergenza per lo sguardo di lettura è di circa 4/5mm. Uno dei fattori per cui può avvenire uno sdoppiamento di immagine quando si legge prolungatamente un libro o un giornale è proprio questo, non avere sull’occhiale una distanza interpupillare personalizzata. Un’altra ragione la si può riscontrare  quando la correzione delle lenti  non è perfettamente rispondente alle esigenze del portatore, quindi più forte o più debole di quella realmente necessaria. Un’altra ragione per cui si può avere il problema segnalato, può essere causato da une lettura prolungata fatta in scarsa condizione di luce o ancora, e questo succede soprattutto a coloro che leggono a letto, leggere a una distanza decisamente troppo vicina agli occhi, il che comporta uno sforzo dei muscoli oculomotori interni che tirano troppo  per  l’eccessiva convergenza alla quale gli occhi devono adattarsi a causa dell’ eccessiva vicinanza del libro  o del giornale che si sta leggendo.Sempre parlando poi di lettura, altra domanda ricorrente:Come mai con questi occhiali premontati ( già pronti ) vedo le pagine del libro non piane, come stondate, quasi rotonde??

Risposta: questo problema che viene definito  “aberrazione a botticella” lo si può riscontrare  soprattutto  con occhiali premontati , ma anche  con occhiali confezionati  su misura con ricetta. La ragione più ricorrente è che le lenti sono più forti della correzione di cui l’occhio avrebbe bisogno in entrambi casi.

Per  quelli premontati, il problema potrebbe presentarsi anche per la distanza interpupillare che non corrisponde a quella del portatore, dal momento che gli occhiali premontati hanno distanze interpupillari standard, come dire che vanno bene a tutti  e a  nessuno;  è come, per esempio,  acquistare un paio di scarpe di gomma che possano coprire dal n° 38 al n° 41 ; qualcuno ci starà bene, per qualcuno saranno strette  e  per altri saranno larghe.

Per oggi ci fermiamo qui. 

Invito i lettori che hanno domande da fare che non si peritino a farle anche perché la rubrica è nata con questo scopo, intavolare un discorso con voi lettori per fare  due chiacchiere in amicizia su ….occhi, occhiali e lenti a contatto.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri