none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

Circolo ARCI Migliarino- 13 giugno ore 21
none_a
Di Claudia Fusani
none_a
Comune di Vecchiano
none_a
. . . e lo ha detto chi momentaneamente ha occupato .....
. . . se per caso, o altro, Renzi lasciasse la politica, .....
Nicola Zingaretti, disse a Matteo Renzi: non ti presentare .....
. . . magari.
Resta da capire se Iv è un partito .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per scrivere alla rubrica: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Tirrenia, 17 giugno
none_a
di Alessio Niccolai con Alma Pisarum APS
none_a
Villa di Corliano, 27 giugno
none_a
Pugnano, 22 giugno
none_a
Tirrenia, 15 giugno
none_a
il richiamo di cose
perdute, stanotte, dilaga
per il chiostro dell'anima
mia vaga, come bruma di seta
che lenta si sfà.
Filamenti di volti,
laceri .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
Vecchiano
One Billion Rising a Vecchiano. Piazza Pasolini palcoscenico di colore e solidarietà

16/2/2017 - 13:41

 
One Billion Rising a Vecchiano. Piazza Pasolini palcoscenico di colore e solidarietà
 
Vecchiano – Rosso, nero e fucsia, questi i tre colori che il 14 febbraio alle ore 15 hanno hanno dato vita ad una partecipatissima coreografia in Piazza Pasolini a Vecchiano, diventata per la prima volta palcoscenico dell’evento internazionale One Billion Rising.
“Nel giorno di San Valentino – commenta il Sindaco di Vecchiano Massimiliano Angori – il Comune di Vecchiano ha voluto celebrare pubblicamente l’amore libero dalle catene, aderendo alla campagna internazionale contro la violenza sulle donne e sulle bambine. Come dice infatti Eve Ensler, drammaturga ed attivista femminista che ha ideato questa campagna, “Non c’è rivoluzione senza solidarietà”. E solidarietà è stata appunto la parola d’ordine del One Billion Rising 2017: solidarietà contro lo sfruttamento delle donne, solidarietà contro il razzismo e contro il sessismo ancora presenti in tutto il mondo. Quello del flash mob è un atto simbolico, è vero, ma il cambiamento deve partire anche dall’educazione e dalla sensibilizzazione delle coscienze, è stato quindi importante lanciare, attraverso l’energia della danza, un messaggio chiaro ed unanime di rifiuto di ogni forma di violenza ed abuso”.
“Miliardi di persone in tutto il mondo – prosegue l’Assessora alle Pari Opportunità  Lara Biondi – si sono riunite nello stesso giorno nelle piazze per ballare sulle note della canzone “Break the chain”.

Vecchiano non poteva certo mancare a questa rivoluzione globale a passi di danza. Così, grazie alla preziosa collaborazione delle due scuole di danza del territorio, Centro Studi Danza Più e Petite Danseuse, che si sono offerte di insegnare alla cittadinanza la coreografia, abbiamo organizzato questo evento di massa per esprimere la nostra solidarietà verso tutte quelle donne e quelle bambine imprigionate da catene invisibili: le catene del silenzio e della paura che noi vogliamo contribuire a spezzare per mettere la parola fine a stupri, incesti e abusi”.

 “La danza – conclude l’Assessora alla Partecipazione Mina Canarini – ha una forte valenza, perché il ballo di qualche minuto in contemporanea in tante città è un megafono che amplifica i gesti e che trasforma i movimenti in una denuncia sociale importante. Perché ballando, si sprigiona tutta quella energia positiva che ogni donna possiede e che ha il diritto di poter tirare fuori liberamente, senza l’ombra dell’oppressione”.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri