none_o

E’ una frase tratta da “Una storia come questa”, canzone del 1971 interpretata da Adriano Celentano su testo e musica di Goffredo Canarini e Miki Del Prete. Una realtà che molti di noi hanno vissuto e che sembra appartenere ad un passato così lontano da essere quasi dimenticato. Ma forse….

Ma il silenzio di un popolo …
A volte scrivere per .....
Stamattina per cause da stabilire c’è stato un incendio .....
. . . come tanti "noialtri autoctoni" a 4 (quattro) .....
Che bellezza il 2 giugno: 10. 000 auto a 10 euro/ cadauna .....
Di Claudia Fusani
none_a
Di Umberto Mosso ( a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
di Lorenzo Gaiani (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
San Giuliano Terme, 3 luglio
none_a
Di Umberto Mosso(a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Libri.
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Ar vernàolo, a questa lingua antìa,
io provo a fanni ‘na radiografia.
Per noi pisani, tanto pe’ chiarì,
è la parlata ‘he si parla ‘vi
inventata .....
A me, come a tanti altri hanno rubato il vaso portafiori in bronzo al cimitero di Pontasserchio, è troppo abbandonato. Anche i defunti meritano rispetto .....
di Raffaele Latrofa
Latrofa: Question Time su pericolo alla scuola Perodi

1/3/2017 - 15:55


“Continua la visita alle scuole pisane e continua la presentazione di miei atti consiliari, perché praticamente in ogni scuola in cui andiamo come Prima Commissione Controllo e Garanzia purtroppo troviamo criticità” fa sapere Raffaele Latrofa, capogruppo di Pisa Nel Cuore, che continua: “Noi siamo vicini ai bambini, agli insegnanti e al personale non docente, e crediamo che a scuola non debbano correre rischi: questa è una nostra battaglia intrapresa ormai da molto tempo.

Stavolta ho presentato un Question Time sulla scuola dell’infanzia Perodi, in Via San Zeno. Durante la mia ispezione ho infatti riscontrato situazioni pericolose: un phon distrutto utilizzato per asciugarsi le mani, coppelle di tubazioni che si sgretolano al tatto in ambiente dove si consumano pasti, scalini in marmo parzialmente sprovvisti di nastro antisdrucciolo, arredi fatiscenti in truciolato, con parti a contatto con i bambini, che potrebbero provocare tagli e abrasioni.

Non è possibile che i bambini e il personale scolastico vivano parte della giornata in ambienti simili, quindi pretendo che nel Consiglio Comunale di giovedì 2 marzo l’Assessore competente mi risponda quando pensa di ripristinare la sicurezza di quella scuola, visto che siamo in presenza di un’oggettiva situazione di pericolo”.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri