none_o

Se la guerra si dovesse decidere in televisione probabilmente sarebbe una guerra infinita, stante le diverse e spesso divergenti opinioni. Su tutto, sulle cause, le strategie, le soluzioni. Ma ogni opinione è di per sé, per definizione, rispettabile, se non presa per interesse personale o strategia politica. Ognuno ha il diritto costituzionale di esprimere la sua evitando sempre di offendere gli altri.

BASE MILITARE A COLTANO
. . . . . finalmente la Provincia .....
La saluto affettuosamente senza improperi…non mi .....
. . . . . . . . . . . . . . . tu sia indottrinato .....
. . . . trovatene uno bono, ne hai immensamente bisogno. .....


Quando la poesia chiama bisogna rispondere.

(di Nadia Chiaverini)


Credo che nascondere o modificare il proprio corpo che invecchia, faccia parte di un agire - imparato - che non vuole farci accedere con agio alla saggezza dell'invecchiamento.


Quando ero bambina aspettavo con entusiasmo la seconda domenica di maggio perché era la festa della mamma e coincideva con quella del paese di Migliarino dove vivevo con la mia famiglia.

Dal blog di Fulvia Ferrero (a cura di BB, red VdS)
none_a
di Umberto Mosso (a cura di BB, red VdS)
none_a
Zelensky a sorpresa al Festival di Cannes (a cura di BB, red VdS)
none_a
di Umberto Mosso (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
Giovanni Frullano eletto segretario all’unanimità
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
MIgliarino-Vecchiano calcio
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Sentirsi come zolla di terra appena arata e accogliere i semi portati dal vento per sperare sempre in nuove messi.
Ho apprezzato moltissimo che qualcuno abbia sentito il bisogno di far conoscere la scritta di un probabile spacciatore-tossicodipendente poeta presso la .....
Rossi: "Ecco la via maestra per lo sviluppo dei nostri sistemi locali"
Pistoia Capitale della cultura

15/3/2017 - 21:00

 
Pistoia Capitale della cultura, Rossi: "Ecco la via maestra per lo sviluppo dei nostri sistemi locali"

PISTOIA - Taglio del nastro oggi per Pistoia capitale nel 2017 della cultura italiana, con visita del premier Paolo Gentiloni e del ministro alla cultura Dario Franceschini. Un progetto semplice e geniale allo stesso tempo, che ha saputo mettere a sistema quello che è stato costruito e realizzato negli anni per proiettarlo verso il futuro: non solo una mostra o una serie di mostre, ma la cultura che crea relazioni con tutta la città.


Ed ecco così la Pistoia dalla storia e tradizione due volte millenaria, come ha ricordato anche il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi e prima di lui il sindaco Bertinelli. Ecco la Pistoia che si contraddistingue per il tradizionale riserbo, ma ha da sempre frequentazioni con il mondo e dove si costruiscono anche i treni veloci tra i più belli al mondo, come qualcuno ha detto. Ecco la Pistoia città anche della pace e del dialogo intereligioso, scelta anni fa con la valle dell'Orsigna, per l'ultima parte della sua vita, da Tiziano Terzani, che raccontava la guerra predicando l'armonia. Ecco la Pistoia, immersa tra passato, presente e futuro ma che intende interpretare la cultura anche come occasione di rigenerazione urbana.

Tutto insieme, come nel video che ha aperto questo pomeriggio l'incontro in palazzo comunale.
Una lezione per tutta la Toscana "Pistoia, la cui monumentalità è assai eloquente, è una città ricca di storia, di cultura e di radici che affondano in un quotidiano medievale umanistico che sa rigenerarsi di continuo – ha sottolineato Rossi nel suo discorso in Sala Maggiore di Palazzo di Giano - Ma Pistoia capitale indica anche la via maestra per lo sviluppo culturale dei nostri sistemi locali: una lezione per tutti, anche qui in Toscana, ovvero l'idea di una crescita equilibrata, come il paesaggio toscano, dove non solo si limita il consumo di suolo ma si tende al recupero degli spazi urbani dismessi (uno fra tutti l'ex ospedale del Ceppo) per trasformarli in opportunità di nuova occupazione, sostenuta in questo dalla Regione".

E' il modo di interpretare lo sviluppo (e la cultura) che si intreccia con il 'rammendo delle periferie" richiamato più tardi dal presidente del consiglio Gentiloni, che parla di un patrimonio da conservare e rivitalizzare, o con il 'museo diffuso ' e il turismo sostenibile e di qualità a cui si deve puntare, come ricorda poi il ministro Franceschini.

"Oggi la Toscana - ha affermato Rossi - celebra Pistoia come sua eccellenza e sono sicuro che questo 2017 sarà occasione di crescita per la città, non solo per fini turistici (con i turisti che dall'inizio dell'anno sono già aumentati del 12 per cento ndr) ma anche da un punto di vista sociale".

Rossi ricorda i quasi mille anni di Pistoia come comune autonomo, esempio di "un policentrismo che è comunque oggi armonioso e virtuoso". Cita Tommaseo e Pistoia celebrata nell'Ottocento per la purezza della lingua italiana. Cita anche la pianura, che ospita il maggior indotto economico locale, ovvero il vivaismo, ricorda poi la montagna e la strada dell'Abetone e del Brennero, testimonianza della sagacia infrastrutturale dei Lorena e la via Francigena, a cui in fondo è legato il culto di San Jacopo e che "la Regione ha voluto recuperare e già attira un turismo colto e particolare".
Gli ultimi due richiami sono "alla cultura che è prima di tutto educazione, tra i primi diritti di cittadinanza" e "alla missione 'civilizzatrice' che Pistoia avrà". " In un anno decisamente difficile per l'Europa – conclude infatti Rossi – la città può dimostrare che si possono costruire ponti di dialogo e di pace in un mondo insidiato dalle guerre".
La visita in città Il presidente del consiglio Gentiloni era arrivato a Pistoia nel primo pomeriggio, di rientro da Strasburgo, e assieme al ministro Franceschini ha visitato con il sindaco della città Bertinelli, accompagnato anche dalla vice presidente ed assessore alla cultura della Toscana, Monica Barni, per prima cosa il museo del Novecento e del Contemporaneo a Palazzo Fabroni, dove è in corso la mostra "Prèt â porter" di Giovanni Frangi, curata da Giovanni Agosti.
Di seguito il premier è stato accompagnato alla Chiesa di Sant'Andrea, per ammirare il pulpito esagonale di Giovanni Pisano, tra i maggiori tesori artistici della città, e l'edificio che è uno dei più begli esempi dell'architettura romanica pistoiese, tipica per il marmo bianco e verde che si rincorre sulla facciata. A far gli onori di casa, in questo caso, è stato il vescovo Tardelli.
La terza tappa è stata appunto il palazzo comunale, lo storico Palazzo di Giano, dove ad attenderlo c'erano tutte le autorità e i membri del Comitato promotore e del comitato scientifico di Pistoia capitale. E naturalmente c'era la Regione, con il presidente Enrico Rossi e la vice presidente ed assessore alla cultura Monica Barni.
Gentiloni e Franceschiini, prima dell'ingresso nella Sala Maggiore, hanno firmato il libro d'onore del Comune di Pistoia, ricevendo in omaggio i volumi dedicati agli Statuti Pistoiesi, che risalgano al XII e costituiscono con lo Statuto dei Consoli la più antica raccolta di leggi dell'età comunale in tutta Italia.
 

Toscana Notizie

Fonte: Scritto da Walter Fortini, mercoledì 15 marzo 2017
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

16/3/2017 - 10:23

AUTORE:
Gastone

Forse la sua fortuna è stata proprio quella di essere stata un tantino trascurata da noi toscani, non so perché ma è la città meno conosciuta.
Spero che da adesso abbia tantissimi visitatori di pregio
la sappiano valorizzare come auspicato merita grazie ai progetti interessanti e all'impegno profuso dai suoi lungimiranti amministratori.