none_o

La cassazione opera una rivoluzione epocale del costume sociale, sentenziando che in caso di divorzio la parte, cosiddetta debole abbia diritto ad alimenti che ne garantiscano la sola sussistenza, e non più lo stesso tenore di vita condotto fino a quel momento, insieme alla controparte.Pochi giorni dopo, aggiustando il tiro, un altro tribunale, dispone che la signora Veronica, abbia invece il diritto a 2 milioni al mese.....

Claudia Ferrazzi alla cultura
none_a
Le Parole di Ieri
none_a
La Foto
none_a
RICORDO
none_a
Scrivi molto il contenuto è misero e ripetitivo. .....
Ma un po' di vergnona no? Sei tu con i tuoi voti che .....
Qualcuno Sto arrivando! Quando tutto il territorio .....
Se ne hai tempo e voglia, fai ricerca e vedi quanto .....
di Carlo Delli, fotografo
none_a
L'orto di Bruno della Baldinacca
none_a
Adnkronos
none_a
Milano Italia
none_a
Pisa, 31 maggio
none_a
Tirrenia, 28 maggio
none_a
Domenica 21 Maggio 2017
none_a
San Giuliano Terme, 27 maggio
none_a
CESVOT-1997-2017
none_a
ASD San Giuliano Sport
none_a
la#nazionaleitaliana a Krefeld Germania
none_a
Campioni nostrani
none_a
Pontasserchio
none_a
da nord a sud così lontani, ma nella lunga strada si prendono le mani, tra le vie torte a volte dritte si incontrano persone.
Persone bianche, gialle, .....
Si è concluso il 17° campionato nazionale di tennistavolo del Centro Sportivo Italiano.
Ospiti del comitato di Cava de’ Tirreni, presso il palasport .....
Comune di Vecchiano
L’Amministrazione Comunale spiega la manovra sulla tariffazione scolastica

13/4/2017 - 18:52

 
L’Amministrazione Comunale  spiega la manovra sulla tariffazione scolastica
 
 
Vecchiano – “Appare doveroso spiegare alla cittadinanza quali sono i reali contenuti della manovra messa a punto dalla nostra Amministrazione Comunale per quanto riguarda la tariffazione scolastica”, afferma il Sindaco di Vecchiano, Massimiliano Angori. “La nostra manovra ha, infatti, riguardato le tariffe per i servizi a domanda individuale che erano ferme dal 2010 e che le risorse comunali attuali non ci consentivano di lasciare invariate per l’anno 2017-18 e cioè di sopperire al sempre minor gettito dei trasferimenti statali, anche in virtù dei maggiori costi connessi al rinnovo degli appalti e della svalutazione monetaria.

Nello specifico, le tariffe sono state ritoccate su base percentuale, in ragione di una diversa articolazione tariffaria, che, a sua volta, comporta la revisione delle fasce ISEE. Quindi, tanto per parlare coi numeri alla mano e citare un esempio concreto, coloro che hanno un ISEE che va da 12.000 a 20.000 euro vedranno passare la spesa del buono pasto da 4,40 euro a  4,50 euro”, aggiunge il primo cittadino.

 
"Vorremmo informare, chi non se ne fosse accorto, che la campagna elettorale si è conclusa da quasi un anno e che la nostra Amministrazione, da sempre, rifiuta la facile demagogia tipica di chi non ha idee, preferendo il lavoro serio e concreto nell'interesse di tutti i cittadini di Vecchiano.

Le tariffe scolastiche nel Comune di Vecchiano sono rimaste invariate per 6 anni: mentre, nel Paese, ogni tariffa subiva aumenti, lo sforzo dell'Amministrazione è stato quello di non intervenire sui servizi scolastici; adesso, si è reso necessario un aggiustamento delle tariffe, doveroso per continuare a garantire e migliorare i servizi stessi.”, aggiunge l’Assessore alle Politiche Scolastiche, Lorenzo Del Zoppo.

“In questo contesto, l'Amministrazione ha così ragionato: quelle famiglie in difficoltà, con ISEE fino a 3400, continueranno a non pagare niente, per loro i servizi sono gratuiti; le famiglie con un ISEE compreso tra 3400 e 12000 (gli anni precedenti era 11000, quindi saranno aiutate più famiglie, ndr) pagheranno meno rispetto agli anni precedenti grazie ad una riduzione proporzionale su scala percentuale; per le famiglie con un ISEE compreso tra 12000 e 20000, alcune tariffe resteranno invariate, come la quota per la scuola dell'infanzia, mentre altre saranno lievemente aumentate come i buoni mensa che costeranno 4,50 (+2,3%); diversamente, aumenti un po' più consistenti per chi ha un ISEE superiore a 20.000.

Inoltre, e questa è un'assoluta positiva novità, dal prossimo anno è inserita un'agevolazione per tutte le famiglie con più figli iscritti ai servizi scolastici: il secondo figlio avrà una riduzione del 20%, il terzo del 30%, il quarto e i successivi del 50%, indipendentemente dalla fascia ISEE”. “Con questa manovra, più giusta perché non incide su chi è in difficoltà, e più equa, in quanto chiede un maggior contributo solo a chi ha redditi più alti, saranno possibili anche interventi di miglioramento della qualità dei servizi scolastici, sempre a sostegno della popolazione studentesca tutta.

L'Amministrazione Comunale ha come guida la concretezza di fronte alla responsabilità di gestire servizi importanti e delicati come quelli scolastici: rifiutiamo la facile demagogia e la sterile polemica, preferiamo lavorare quotidianamente a favore della collettività", conclude l’Assessore Del Zoppo. 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




18/4/2017 - 14:04

AUTORE:
Fausto

Considerato che questo articolo si intitola "L’Amministrazione Comunale spiega la manovra sulla tariffazione scolastica", e' possibile sapere l'entita' dell'aumento per i redditi sopra i 20.000?

C'e' qualcuno in grado di chiarirmi il significato della frase: "pagheranno meno rispetto agli anni precedenti grazie ad una riduzione proporzionale su scala percentuale"?

Qualcuno sa se di questa "manovra sulla tariffazione scolastica" c'e' traccia anche sul sito del comune?

Grazie

18/4/2017 - 13:17

AUTORE:
XXXL

Il democristiano (se Italiano) perlomeno può vantarsi di aver avuto i suoi al comando per mezzo secolo, principiando e finendo con l'aiuto di Togliatti e Berlinguer nei momenti più duri e difficili della nostra storia repubblicana (dopoguerra e br).
Il comunista invece oltre non aver mai governato (come i 5s) l'italia intera e da soli come spererebbe il vecchianese terzo quando intende suppongo aria nuova con i seguaci del comico smesso.
Guardando il mio calendario: che oggi segna 18 aprile 2017 vedo che due partiti comunistichi governano da soli i loro stati.
La Cina che compra due importanti squadre di calcio Italiane, anzianotti calciatori a son di milioni di euro, più il Ristorante "Da Ugo" metatese e la Corea del Nord che frall'altro fa perdere l'aereo al loro amico Antonio Razzi è cosa dimolto preoccupante.
Si, ma, dei 22 centesimi in più per far mangià il bimbo a scola senza pagnerino a chi cià (senza "h") l'isee giusta, è prerogativa dei vecchi che furono: Comunisti, Democristiani e vecchianese terzo che reclama vento novo(?)
Abbinate l'abrogazione dell'"aomento" ai due prossimi referendum indetti domenica 28 maggio come da manifesti affissi nel comune.
...mah, in che mondo....

18/4/2017 - 12:08

AUTORE:
Comunista

I comunisti non governano purtroppo da nessuna parte . E dove sono in maggioranza ci sono con programmi che tendono la mano alle classi sociali più deboli. Ma soprattutto cercano di far emergere che certe scelte sono purtroppo fatte da governi che fanno leggi che fanno diventare comuni e sindaci commissari di governo! Adesso mi cheto come si dice a Vecchiano :un c'è altra cosa quando un miccio un vol senti.

18/4/2017 - 11:59

AUTORE:
Vecchianese 3

Democristiano,
la colpa se aumentano le tasse per i cittadini è di tutti quelli che ci sono stati negli ultimi 40 anni: comunisti, demogristiani, leghisti, forza italia e chi più ne ha più ne metta. Ci vuole vento nuovo per stare meglio.

17/4/2017 - 20:53

AUTORE:
Democristiano

Dove ci sono i comunisti a governare la situazione precipita a vista d'occhio

17/4/2017 - 12:53

AUTORE:
Lettore

Vacci Lei a governare.
Poi dopo si vedrà se tutti stanno zitti e mosca.

17/4/2017 - 11:46

AUTORE:
Vecchianese 3

Come chiacchierano bene gli amici del PD. Però l'italiano mica si può fraintendere. Se si aumenta il pagamento la gente paga di più. Stop.

16/4/2017 - 17:30

AUTORE:
Comunista

Un comune di sinistra fa pagare un po di più chi ha più entrate. Quando si fanno bilanci si discute di entrare ed uscite.
La matematica non è un'opinione. Se trovate in questo bilancio dei conti sbagliati è giusto dirlo! Politicamente trovo giusto far pagare chi più ha! È chiaro che con meno tasse che impone il governo non ci sarebbero aumenti. Mi sembra che in sede di consiglio questo è stato detto.
Il comune si deve adeguare alle leggi dello Stato centrale e regionale.
Sarei curioso di vedere un bilancio fatto da chi critica per confrontarlo. Ma i conti devono tornare! La matematica non è un'opinione.

16/4/2017 - 7:35

AUTORE:
Comunista

Torna tutto ma sarebbe bene che tu dicessi che il governo centrale vuole un milione di euro perché siamo un comune virtuoso . E che il comune è diventato uno scatolone vuoto senza operai e per questo dobbiamo dare in appalto tutto!

14/4/2017 - 23:42

AUTORE:
Cittadino

Cosa significa aumenti un po'piu consistenti per un isee superiore a 20 mila euro?

14/4/2017 - 18:32

AUTORE:
Comunardo

...dipendono dal Comune?

14/4/2017 - 16:49

AUTORE:
Luca Deri

Spiegateci anche il prechè avete tolto il ritiro settimanale di sfalci,piccole potature e erba? In altri comuni il ritiro settimanale è rimasto invariato.