none_o


Ho risistemato la mia vespa PX 150 a miscela. Mi porto sempre dietro l'olio in una tanichetta; vivo come un atto d'eroismo miscelare artigianalmente benzina e olio. Vedessi come i benzinai mi aiutano nel "fabbricare" il carburante. Sono solidali, romantici, tornano anche loro più giovani. Il mezzo è del1982. Un ex meccanico che sapeva dove mettere le mani l'ha rimessa al pezzo e poi è stata tirata al lucido. Ritinta rosso fuoco....

Vedi , Bruno , il problema non è se Casini ha cambiato .....
A me sta storia che gira con insistenza, che Casini .....
Quando nel / 72 il PCI prese nelle due sezioni migliarinesi .....
Ovviamente è una mia personalissima opinione, contestabilissima, .....
CERTOSA DI CALCI
none_a
Serravezza, 24 gennaio
none_a
San Giuliano
none_a
Domenica 21 Gennaio
none_a
“Agorà

RACCONTARE
none_a
Vecchiano
none_a
CSI Pisa
none_a
CSI
none_a
Vecchiano
none_a
Tornando vella sera dalla fiera
La mì moglie a casa mi viense a mente
Grassa pallata dice brutta gente
Linguacce malidette da galera

Certo pasta .....
IL GIORNO 18 GENNAIO DALLE ORE 16. 30 ALLE ORE 18. 30 LE INSEGNANTI ACCOGLIERANNO TUTTI I GENITORI PER VISITARE LA SCUOLA IN OCCASIONE DELLE ISCRIZIONI .....
none_o
"Noi non ci saremo"
di Trilussa

17/4/2017 - 17:52

“Negli ultimi tempi il cicloturismo marcia a pieni giri. Secondo i dati diffusi da FIAB (Federazione Italiana Amici della Bicicletta) in Europa questo settore vale 44 miliardi di euro, ben al di sopra dell’indotto del mercato delle crociere, che è di poco superiore ai 39 miliardi. Un modo di muoversi sempre diffuso anche in Italia, dove si stima abbia un valore potenziale di 3,2 miliardi di euro…….sono sempre più diffusi centri di accoglienza sul territorio in grado di offrire ai turisti sulle due  ruote un’ospitalità ad hoc. Una delle piattaforme dove è possibile informarsi è Albergabici.it, il motore di ricerca in tre lingue (italiano, inglese, tedesco) dove si trovano hotel, agriturismi, bed & breakfast o campeggi amici della bicicletta”


Naturalmente servono piste ciclabili per far passare i cicloturisti, servono luoghi di accoglienza attrezzati per farli fermare e ristorare, servono informazioni e propaganda per offrire loro conoscenza e opportunità e serve, soprattutto, un territorio appetibile dove la gita in bici non sia soltanto un sfoggio di atletismo ma anche di conoscenza e bellezza.


Cosa ci manca, a noi di Vecchiano, per essere  al centro di uno sviluppo di questo tipo, per far parte di questo fermento delle due ruote a livello nazionale e internazionale, per cogliere questa grande opportunità per uno sviluppo compatibile e sostenibile?


Al momento quasi tutto. 


Quello che abbiamo è il territorio appetibile, molto appetibile vista la nostra conformazione orografica e la bellezza dei luoghi in cui viviamo. Spesso non ci rendiamo conto della fortuna di abitare in un luogo di tale attrattiva, dove il mare e il lago sono a portata di bicicletta, il bosco ci circonda, il fiume ci lambisce, le colline sono a un passo e se siamo amanti dell’arte Pisa Lucca e Firenze sono a pochi minuti di auto (o di treno).


Tutto il resto ci manca. Ci mancano le piste ciclabili per cui non abbiamo né soldi né progetti (e quando c’erano non li abbiamo sfrutttati), ci mancano luoghi attrezzati per la loro accoglienza e anche l’opportunità di essere conosciuti a livello nazionale e internazionale per invogliare i tanti appassionati a venire nel nostro territorio.


Se non abbiamo piste e non abbiamo luoghi di ristoro abbiamo però molto altro da offrire ad un ipotetico turista. Solo che se diamo un’occhiata su Tripadvisor e clicchiamo Pisa o Vecchiano sulle cose interessanti da visitare praticamente non esistiamo. A Vecchiano la cosa più importante è la Madonna di castello, sicuramente lo è, ma mi immaginavo di trovarvi anche la Marina, che non c’è. La Marina di Vecchiano è su Pisa ma posta in un fondo di classifica che non ci fa onore. Per la cronaca al 29°posto delle cose da visitare a Pisa. Soprattutto non fa onore alla bellezza del nostro litorale. Bocca di Serchio non esiste ed è meglio così, visto che non abbiamo idea di come utilizzarla dal punto di vista turistico e l’afflusso di turisti ci potrebbe mettere in difficoltà non avendo un programma preciso né di vista né di accoglienza.


Forse, per offrire un altro punto di vista, la presentazione a Marina del Santuario Pelagos, criticato proprio su questo giornale da Renzo Moschini per la sua inconsistenza, con tanti di cartelli, bandiere, divieti e colazioni varie si poteva fare in Comune e i soldi spesi per l’evento impiegati per qualche opera di riqualificazione locale o per far conoscere il nostro territorio con qualche canale più efficiente, magari iscrivendoci a qualche sito specialistico che propagandi il nostro territorio a livello internazionale. 


Naturalmente servirebbe un programma di sviluppo che sapesse offrire qualcosa in più di una sosta sul lungomare di Migliarino, o un’occhiata a Bocca di Serchio. Ma questo è un altro discorso.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




19/4/2017 - 19:43

AUTORE:
Bruno Baglini Migliarino

...il Lorenzini, lo Sbrana e la moglie del Cresci che sono "già" su un tratto della ciclabile Terrenica; seguiti poi inconsapevolmente da Trilussa&.

http://www.lavocedelserchio.it/vediarticolo.php?id=25222&page=0&t_a=mille-chilometri-da-sogno-nasce-lautostrada-tirrenica-delle-biciclette

19/4/2017 - 18:57

AUTORE:
Cicloamatore

Troppo spesso non si passa dalle parole ai fatti. In questo caso i soldi sembra ci siano, spero non si disperdano nei mille rivoli della burocrazia. Ma Vecchiano c'è?

http://www.repubblica.it/viaggi/2017/04/07/news/ciclovia_ventimiglia_civitavecchia_presentazione-162396660/

18/4/2017 - 11:54

AUTORE:
Musicofilo

...vedremo soltanto una sfera di fuoco....