none_o

Guardando un poco indietro, magari non tanto poco, le differenze fra le varie generazioni sono a volte molto grandi e spesso testimoniate da piccole cose, frammenti di memoria che ci riportano indietro, quando la vita di ogni giorno era veramente diversa. Ho fatto il mio primo bagno in una vasca che ero ormai un ragazzetto, prima usavo la tinozza, quella ellittica, di stagno grigio-verdarstro presente in tutte le famiglie...

La differenza è che se continua questo trend fra non .....
ci sono, e bisogna essere orbi per non vederle.
Pisa .....
. . . il "nostro" Maini sta diventando bersaniano? .....
Caro Aridaiiiii a Vecchiano le amministrazioni hanno .....
Campo Progressista
none_a
Nodica
none_a
di Giuseppe Turani
none_a
di Valentina Mercanti
none_a
di Claudio Cerasa
none_a
Uno sguardo dal Serchio
none_a
Uno sguardo dal Serchio
none_a
Pisaciclabilenotizie
none_a
Uno sguardo dal Serchio
none_a
Tirrenia, 25 giugno
none_a
Chi Vuol Essre Lieto Sia
none_a
Caprona, 25 giugno
none_a
ARCI La Staffetta
none_a
Venerdi 23 Giugno
none_a
lame di luce scardinano la serratura dello sguardo
violentando inedia e pigro squallore

Sospese fragranze di ragia e umori di bosco, colanti da scorze .....
Vocalist e Dj insieme sono in grado di proporre uno spettacolo di suoni cocktail's house, commerciali hit pop dance radio, atmosfere italiane anni 80s/ .....
Uno sguardo dal Serchio
Mercato immobiliare nella Valdiserchio

1/6/2017 - 18:04

Tra gli amici della VdS annoveriamo da qualche settimana Davide Saviozzi, che opera come agente immobiliare da oltre 20 anni in ValdiSerchio e principalmente a Vecchiano, dove ha la sede. A sinistra nella prima pagina potete trovare il suo banner, cliccandoci sopra entrate nel sito dell'agenzia.


Essendo il tema del mercato immobiliare praticamente sconosciuto nei nostri articoli, abbiamo pensato subito di "sfruttare" il suo ingresso per un commento della situazione del mercato nel nostro territorio, ritenendo l'argomento  interessante per la Comunità, in quanto i movimenti immobiliari fotografano anche le caratteristiche dei nostri paesi e le motivazioni per cui sono apprezzati o non sono apprezzati .


Un commento che non sia un freddo elenco di dati  statistici ma piuttosto, come ha voluto definirlo lui, uno “sfogo” promozionale del nostro territorio, in particolare del Comune di Vecchiano , che troppo spesso viene denigrato da clienti e agenti immobiliari  pisani di città.

 
Ma lasciamo la parola a Davide.


In seguito alla crisi iniziata nel settore immobiliare già nel 2010/11, abbiamo in questi anni visto in tutta Italia un progressivo ribasso dei prezzi e soprattutto un numero sempre minore di persone che cercano casa, tendenza che sembra invertirsi solo nel 2017.
Il tutto aveva ovviamente delle motivazioni legate al lavoro , ai mutui bancari ed ad altri fattori sociali.
Devo comunque aggiungere che le nostre zone ossia Pisa , San Giuliano , Calci e Vecchiano, rispetto ad altre realtà limitrofe come Lucca e Pontedera, hanno avuto un certa tenuta a livello di prezzi.
Da circa un paio di anni questa tendenza al ribasso ha rallentato la sua corsa ma non è ancora arrivata l'inversione, per cui personalmente ritengo che questo sarebbe il periodo ideale per chi ha intenzione di comprarsi una casa.
Infatti troviamo prezzi notevolmente più bassi rispetto a 7-8 anni fa , tassi sui mutui molto interessanti e una vasta disponibilità di scelta di immobili.
Veniamo ora alla situazione immobiliare più strettamente legata al nostro territorio che, per quanto riguarda il Comune di San Giuliano Terme nel suo insieme, è tornata negli ultimi due anni , come numero di richieste di case da parte di potenziali acquirenti, ad essere di buon livello tanto da essere sicuramente considerata la prima scelta per tutti coloro che decidono di non abitare più in città.
Il Comune di Vecchiano ha invece mostrato ( purtroppo ) una certa flessione nel numero di richieste di case. Niente di drammatico, perché abbiamo comunque una sufficiente richiesta dal “ mercato interno “, ossia da chi abita già sul nostro territorio e pur volendo cambiare abitazione non ha nessuna intenzione di andare altrove o di rientrare in città.
Segnale che, fatte le dovute eccezioni , indica un buon livello di soddisfazione.
Quelle che sono diminuite sono le richieste di potenziali acquirenti provenienti dalla città di Pisa.
In passato c’è sempre stato un notevole flusso di famiglie e giovani coppie provenienti da Pisa che sceglievano il nostro ( scrivo nostro perché sono vecchianese di nascita e residenza) Comune come possibile destinazione residenziale .
Questo cambiamento ha varie spiegazioni : una potrebbe essere il calo di prezzo degli appartamenti in città.

Se ci si accontenta di zone non particolarmente pregiate con una qualità di vita non particolarmente eccellente, un buon appartamento ad un prezzo abbordabile lo si trova, quindi viene meno la necessità economica di spostarsi fuori dove solitamente i prezzi erano e sono un pochino più contenuti.
Le altre motivazioni invece dipendono anche un po’ da noi ( noi è inteso come comunità).
Mi accorgo che quando propongo caldamente a dei clienti di città la prospettiva del Comune di Vecchiano, decantando i tanti pregi e magari sottolineando poco gli eventuali  difetti ( scherzo)  del nostro territorio, di questo sanno poco o nulla .
Sembra che oltre il ponte di Pontasserchio finisca il mondo , anzi le uniche cose che sanno sono quelle negative che ogni tanto leggono sui giornali e benchè mi affanni a spiegar loro che le problematiche di cui parlano hanno poco a che fare con i centri abitati, non c’è modo di fargli cambiare idea.
Ecco , il fatto che non riusciamo a promuoverci e farci conoscere per gli aspetti positivi del nostro territorio è una cosa che mi fa veramente arrabbiare.
In fin dei conti ci troviamo a circa 8-10 minuti scarsi di auto dalla periferia Nord-Ovest di Pisa ed a poco più di un quarto d’ora da Viareggio, Versilia e da Lucca.
E’ vero che non abbiamo zone abitative di particolare pregio paesaggistico come ad esempio ha Calci, che con i suoi rustici in collina ed il richiamo della Certosa viene considerato a torto o a ragione zona di pregio e riesce a creare l’ effetto traino anche per immobili meno qualitativi, per cui un normale terratetto di corte diventa magicamente un “  tipico rustico in antico borgo toscano “.
Questo noi attualmente non ce l’abbiamo e potremo avere una forte valorizzazione del territorio solo con un grande incremento del turismo.
Ma nei nostri paesi abbiamo una qualità di vita eccellente e tantissime comodità , ce ne sarebbe davvero per tutti i gusti dalla tipicità del paese di Filettole che in certi suoi punti ricorda le caratteristiche del paese di montagna , la quiete e la tranquillità di Avane uniti alla bella campagna , l’ eccellente posizione logistica di Migliarino e la sua vicinanza al Parco ed al mare di Marina Di  Vecchiano e Bocca Di Serchio , la funzionalità e la vivacità di Nodica con le sue molteplici serate estive , Vecchiano capoluogo con il suo potere aggregativo e con  tutti i servizi necessari alla vita quotidiana dei quali puoi usufruire  muovendoti a piedi o in bici.


Forse sono un po’ di parte ma credo non sia poco , abitiamo in un buon posto, ditelo a tutti.


 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




3/6/2017 - 0:32

AUTORE:
a.d.l.

Rispondendo a Lucio glib dico che ha ragione nel voler che il numero delle abitazioni non aumenti a dismisura e che si investa nella qualità, ma che il valore di un luogo non è dato solo da questi aspetti, per esempio nuove zone residenziali impostate in certo modo possono invece valorizzare .

2/6/2017 - 12:04

AUTORE:
Lucio

Io invece spero che di nuove case non se ne costruiscano piú e che si punti a valorizzare il tessuto urbano, con sicurezza stradale, tutela del verde e piste ciclopedonabili. Solo questo dà valore .
Saluti

1/6/2017 - 19:29

AUTORE:
E-lettore

Se non ci conoscono nemmeno da Pisa figuriamoci dal di fuori. Inutile ogni iniziativa turistica se il comune non si muove.