none_o

Guardando un poco indietro, magari non tanto poco, le differenze fra le varie generazioni sono a volte molto grandi e spesso testimoniate da piccole cose, frammenti di memoria che ci riportano indietro, quando la vita di ogni giorno era veramente diversa. Ho fatto il mio primo bagno in una vasca che ero ormai un ragazzetto, prima usavo la tinozza, quella ellittica, di stagno grigio-verdarstro presente in tutte le famiglie...

La differenza è che se continua questo trend fra non .....
ci sono, e bisogna essere orbi per non vederle.
Pisa .....
. . . il "nostro" Maini sta diventando bersaniano? .....
Caro Aridaiiiii a Vecchiano le amministrazioni hanno .....
Campo Progressista
none_a
Nodica
none_a
di Giuseppe Turani
none_a
di Valentina Mercanti
none_a
di Claudio Cerasa
none_a
Uno sguardo dal Serchio
none_a
Uno sguardo dal Serchio
none_a
Pisaciclabilenotizie
none_a
Uno sguardo dal Serchio
none_a
Tirrenia, 25 giugno
none_a
Chi Vuol Essre Lieto Sia
none_a
Caprona, 25 giugno
none_a
ARCI La Staffetta
none_a
Venerdi 23 Giugno
none_a
lame di luce scardinano la serratura dello sguardo
violentando inedia e pigro squallore

Sospese fragranze di ragia e umori di bosco, colanti da scorze .....
Vocalist e Dj insieme sono in grado di proporre uno spettacolo di suoni cocktail's house, commerciali hit pop dance radio, atmosfere italiane anni 80s/ .....
Filettole
Ciao Maestra, dal prossimo settembre ti godrai la tua meritata pensione.

11/6/2017 - 17:52

"...perché non ci sono bimbi cattivi... i bimbi sono tutti buoni! Cattiva è la minestra!" Cit. STEFANIA FOSCHI


Ciao Stefania, e grazie! Grazie per essere stata non solo una maestra, ma un' insegnante di vita e di esperienze prima che di numeri, di compiti e di doveri. Grazie per l’affetto che hai regalato ai nostri bambini, per le attenzioni verso ognuno di loro.

Li hai amati e tenuti per mano tutti e tutti nello stesso modo, con l'amore e la serenità di chi nasce con un mestiere nel cuore e tu, Stefania, sei nata Maestra! Grazie di essere stata vera e sincera con loro, sempre. Ed infine grazie per averli accompagnati fino a qui. Quante volte ci siamo sentiti dire: Me lo ha detto “la” Stefania!. In quella frase c’era racchiuso tutto il rispetto che ti sei guadagnata: ciò che gli hai insegnato non è mai stato messo in discussione! Ciao Maestra, dal prossimo settembre ti godrai la tua meritata pensione. Ti scriviamo queste poche righe perché tu possa sbirciarle quando ti verrà una crisi di nostalgia... Leggerle ti rammenterà di loro, di quei 22 alunni, ma che per te, prima che alunni, sono stati bambini. Ti ricorderai di loro, si!

Di quella classe, di quei visetti pieni di domande, per loro la prima esperienza sui banchi di scuola, per te l’ultima. Ci sono maestre che lasciano il segno. E tu lo hai lasciato, indelebile. Sono le maestre come te che insegnano, oltre che con i libri e con le parole, con l'amore e la passione che le anima! Hai saputo crescerli questi " tuoi bimbi " ed accudirli, coccolarli e brontolarli quando ce n’è stato bisogno. Li hai osservati, capiti, invogliati a conoscere il mondo; non hai insegnato loro solo la matematica, gli hai insegnato a capire, a ragionare ad amare il sapere. E a noi genitori hai insegnato ad ascoltarli, i nostri figli, guidandoci, rincuorandoci, sostenendoci.

Ciao Maestra. I tuoi bimbi ti abbracciano forte. E’ davvero difficile immaginare il prossimo anno scolastico senza di te, ma capiamo bene che anche per te è giusto che sia arrivato il tempo della meritata pensione. Ciao Stefania e grazie! Classe IV scuola primaria "G.Casella" Filettole 



+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




11/6/2017 - 23:12

AUTORE:
gio'

Leggere articoli di questo tenore, riconcilia con il mondo, rasserena gli animi, ricorda che la società e la realtà non è quella truce e angosciante della cronaca quotidiana, dello stillicidio di violenze ed eventi drammatici che ben conosciamo, o almeno non solo!

Esiste una società civile che resiste, persone che si impegnano e si spendono con sistematica dedizione e generosità per il prossimo.

Notizie che ci confermano che la maggioranza e la norma della cifra di lettura con cui interpretare il mondo, non possano esaurirsi con un analisi frettolosa e superficiale di eventi criminali, imposti da criminali intolleranti e fanatici , manipolatori di coscienze e freddi strateghi del terrore.

Esiste un mondo tollerante, ricco di valori ispirati da principi di umanità e solidarietà, correttezza e dedizione, spirito di sacrificio e giustizia, che si esprime ogni giorno nelle piccole cose di una quotidianità che assume valenze eroiche e assume caratteri esemplari. incoraggiando una ragionevole speranza nel futuro....

Perciò anche se non la conosco, dico grazie anch'io a Stefania, che una volta di più' .... l'ha detto!!!