none_o


I giornali riportano notizia di un’importante riunione avvenuta nel mese di luglio fra l’assessore regionale Federica Fratoni, il sindaco di Viareggio Giorgio Del Ghingaro e il presidente del parco Gianni Maffei Cardellini.

Alcuni stralci delle loro dichiarazioni.

Poi la “questione movida”-dice Del Ghingaro-, la marina di Torre del Lago, per tornare ad essere attrattiva, non può sottostare ai vincoli di orario e di decibel e del Parco...

Le Parole di Ieri
none_a
La Foto
none_a
Ricordo
none_a
Nel Solleone
none_a
Concordo in pieno con l'analisi fatta da Maini sul .....
Quale può essere il giudizio che viene dato al comportamento .....
La nostra petizione , lega nord, e'stata fortemente .....
Come dall’allora PDL 2009, fu fatto presente all’Amministrazione .....
Come cambiano autovelox e multe con il decreto Minniti
none_a
Uno sguardo dal Serchio
none_a
Volete voi apparire in foto nel posto più bello del mondo su questa rubrica? inviatele a questo indirizzo: lavocedelserchio@yahoo.it
none_a
S.A.T.
none_a
Rimini-Danze Latine
none_a
Pontasserchio
none_a
Campionati di calcio a 5 stagione 2017-2018
none_a
Hockey online
none_a
L’INCIDENTE


Seduti su quei sedili lordati di sangue,
col capo chino, vidi
quella scena orrenda
che mi trafisse il cuore.
Giovani vite spezzate
da .....
Attraverso questo giornale, se possibile, vorrei segnalare alla Soc. Geofor, che l'ultima fornitura di sacchetti per la raccolta dell'umido, quelli .....
di Claudio Cerasa
La vera sfida di Renzi

15/6/2017 - 7:04

", nei prossimi mesi, non è quella di dimostrare di essere compatibile con l’Italia dei Jeremy Pisapia ma è quella di essere compatibile con un pezzo d’Italia che non chiede altro di avere una leadership credibile che sappia liberare le energie del nostro paese scommettendo non sullo sfascio ma sulla forza tranquilla della ragione.

Per essere considerati un’alternativa al populismo grillino non può più essere sufficiente rispondere allo sfascismo solo scommettendo su alcuni confusi simboli (chi parla troppo di alleanze di solito lo fa per coprire la sua non visione sul futuro dell’Italia) ma è necessario diventare aggregatori di un’Italia produttiva, facendo una serie di cose drammaticamente semplici – e dunque drammaticamente complicate – che nel nostro paese nessun leader ha ancora avuto il coraggio di fare. Contrapporre alla fabbrica della post verità una fabbrica del buon senso. Mettere in contrapposizione all’Italia del populismo un’Italia del non immobilismo.

Destrutturare l’Italia simbolo dell’assistenzialismo con un’Italia simbolo della produttività. E costruire infine il proprio consenso non soltanto escludendo dal proprio perimetro i nemici da rottamare ma includendo le energie e le intelligenze (ne servono di più) con cui ricostruire l’Italia. È bene ricordare che la grande scommessa del riformismo oggi è questa: mettere a nudo, e senza paura, i problemi del paese; sfidare, e non assecondare, il sovversivismo delle classi dirigenti; occuparsi non più solo di rottamare ma di riformare e di rivoltare come un calzino i corpi intermedi dello stato; e dimostrare infine di saper risolvere i guai del nostro paese non con la logica cialtronesca dell’algebra ma con la rivoluzionaria logica del buon senso.

Ci si può girare attorno quanto si vuole ma mai come in questo momento c’è un pezzo di Italia potenzialmente maggioritario che sogna di essere rappresentato da un leader cazzuto e capace di riportare rapidamente alla loro dimensione naturale di nullità una banda di incompetenti che sogna un giorno di guidare il paese e che al momento al massimo ha dimostrato di sapere gestire un blog.

E’ il momento della ragione.

E per metterla in campo non servono alleanze, ma serve solo un po’ di buon senso, oggi più che mai"

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




16/6/2017 - 6:55

AUTORE:
La jena

...sfida non è quella di Renzi , la vera sfida è quella di questo assurdo , strano , bellissimo paese. Non abbiamo bisogno di leader cazzuti , abbiamo bisogno di Persone Serie e Competenti , chiaramente oneste .
I problemi sono notori , non c'è bisogno di alchimie : corruzione , evasione fiscale , lotta contro la
Mafia , anche e soprattutto quella che si è instaurata nel Palazzo . Spostare l' attenzione su altri temi serve solo a tirare avanti...e a convincere che i ciui " volicchiano "...

15/6/2017 - 22:18

AUTORE:
UN PIDDINO

sono d'accordo quando sostiene che bisogna ricreare un clima tranquillo, favorevole e propedeutico al dispiegamento delle energie compresse, annichilite e mortificate...

quando sostiene che bisogna ridare fiducia, che è possibile riformare la PA, diminuire la burocrazia, ridare speranza ed entusiasmo per far ripartire un paese imballato...

far capire che è in grado di auto correggersi eliminando vizi e privilegi, garantire la giustizia veloce e la certezza della pena, poche regole da far pero rispettare.

RIAPPROPIARCI dell'autorevolezza e della determinazione per far valere le nostre ragioni in sede europea, perciò essere rigorosi e inflessibili nella difesa degli nostri interessi.

Sono anche d'accordo per una leadership, attenta e reattiva, sensibile alle istanze del momento, capace di modificare la rotta, ma non mi spingerei a pretenderla cazzuta, mi suona male, mi evoca conflitti, arroganze, cooptazioni..... uomini della provvidenza di cui non abbiamo bisogno!

il riferimento dovrebbe coordinare, organizzare, implementare, mettere gli uomini di valore al posto giusto, scegliere secondo il merito e non la fedeltà..... segnalare le urgenze, individuare le strade, eliminare gli abusi, far tesoro delle esperienze.... soprattutto giudicare l'opportunità dei provvedimenti, una lista di priorità , rimuovere incapaci e corrotti, chiedere ragione ai responsabili di ritardi ed errori insomma quello che sembrava voler fare all'inizio del mandato, quando ci fu la gratificazione del consenso...

HA LE QUALITA', L'INTELLIGENZA POLITICA, IL TALENTO, L'ACCORTEZZA, LA TEMPESTIVITA' PER FARLO, non deve alzare i toni, rendersi arrogante, e antipatico

soprattutto deve sorvegliare i collaboratori per evitare figuracce e non lasciarsi irretire dalla vecchia politica, leggi anche S.B.

è un programmino niente male da far tremare i polsi a chiunque, ma se vuole e spara meno battute ce la fa.... e la può fare solo lui ormai in Italia....

ma deve essere sempre sul piede di partenza, non prefigurare l'eternità della carica, .... magari esserlo, ma non dirlo, perché se c'è una cosa che gli italiani non tollerano è la iattanza e l'inamovibilità', l'immobilismo del potere che si perpetua autoalimentandosi in funzione di se stesso

15/6/2017 - 19:20

AUTORE:
Elettore PD

@ E-Lettore.
Se hai votato no alla riforma Boschi insieme ai tre ex segretari del partito ora guidato da Renzi: Bersani-D'Alema-Epifani...i "molti" che lo hanno abbandonato insieme a loro tre per ora son poininini e...a dirtela di quella zavorra che si crede eterna e insostituibile; almeno io, anche se con ritardo (come quando si smette di fumare) ho capito di star meglio, ma parecchio meglio e...il fallimento? credo riguardi solo i suoi detrattori.

15/6/2017 - 7:44

AUTORE:
E-lettore

Ci sono molte verità in questo breve articolo. C'è l'essenza del fallimento di Renzi che usa l'algebra invece del buon senso e ci riempie di numeri non avendo ancora capito il motivo per cui molti lo hanno abbandonato. Poteva essere lui il cazzuto che prendeva in mano la situazione è smontava un apparato ingessato. Ma si nasconde dietro chiacchiere e numeri, la causa del suo fallimento passato e, purtroppo per tutti, futuro.