none_o


Ognuno di noi sa che non siamo messi bene come Paese, ma alcuni episodi recenti fanno pensare di essere messi ancora peggio di quanto possiamo immaginare. Sorvolo soltanto sulla brutta figura della Nazionale di calcio e sui comportamenti dei principali responsabili di tale storica disfatta. Giampiero Ventura che ha dimostrato di essere molto più interessato ai soldi che alla faccia e alla dignità e Tavecchio...

Il Diario di Trilussa
none_a
Concorso di prosa, poesia
none_a
Compleanno
none_a
I 10 anni della Voce
none_a
Come al solito , caro Osservatore , la fai più lunga .....
Quanti saranno quelli assunti a Tempo Determinato che .....
Non vedi l'ora di riavere i soliti vero? Anche la sig. .....
Alla faccia del moderato , sig. Baroncini , ha altre .....
Gioventù Federalista Europea
none_a
Capannori
none_a
Pisa
none_a
Pisa, 19 novembre
none_a
Fattoria San Vito
none_a
Che fai bambina mia
su quella porta
guardando da lontan
per quella via?
Ah, se sapessi,
quando la fu morta
se la portaron via
di là la mamma .....
Speedy Wash di Gambini Cinzia
Via Mazzini 6 Migliarino Pisano
Aperto dalle 08:00 alle 22:00 tutti
i giorni anche festivi
Tel. 328 4122388

Solo .....
Il Gruppo di San Rossore
PARCHI: MALE A TERRA, PEGGIO A MARE

20/6/2017 - 17:12


PARCHI: MALE A TERRA, PEGGIO A MARE

 


Probabilmente –anche se non è sicuro- la vicenda della nuova legge sui parchi sta per concludersi nel peggiore dei modi. E se per i parchi  a terra sarà un bel pasticcio per quelli a mare -come è stato detto- sarà ancora peggio, un vero disastro. E pensare che si era avuta la faccia tosta di motivare la nuova legge con l’esigenza di rilanciare soprattutto le aree protette marine.   Intendiamoci già quel testo che piaceva alla ministra dell’ambiente Prestigiacomo di chiaro aveva solo che intendeva azzoppare e pesantemente la vecchia legge e cercare di far cassa con misure che con la tutela ambientale non avevano nulla a che a fare.
Ora, mentre una serie di documenti internazionali sostengono che le aree protette marine hanno un ruolo determinante nella difesa del mare dall’inquinamento all’erosione costiera alla pesca sempre più allarmanti, il nostro parlamento sta per sfornare una legge che aggraverà la situazione. Un tempismo davvero brillante.

Così anche la nostra regione pagherà  dazio. Innanzitutto lo pagherà nel santuario dei cetacei di cui ormai nessuno sa più niente come della Carta di Livorno. Il parco nazionale dell’Arcipelago Toscano resterà ancora senza area protetta marina in compenso le moto potranno scorrazzarci come vogliono e pure i pescatori abusivi. Dell’osservatorio sul mare concordato a suo tempo con il ministro Orlando che avrebbe dovuto sanzionare l’avvio della nuova gestione della riserva della Meloria affidata al nostro parco, ormai con Galletti sono state cancellate anche le tracce. Comunque vada a finire in parlamento con il passaggio della legge al voto del Senato dobbiamo a questo punto mettere mano a iniziative politiche e istituzionali non solo per rinnovare la più che legittima e sacrosanta denuncia, ma anche per avviare nei parchi e con gli enti locali e la regione iniziative che permettano di rimediare ai danni di un parlamento che ha fatto lo gnorri dinanzi a denunce  e proposte serie.
Renzo Moschini

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: