none_o


Ho risistemato la mia vespa PX 150 a miscela. Mi porto sempre dietro l'olio in una tanichetta; vivo come un atto d'eroismo miscelare artigianalmente benzina e olio. Vedessi come i benzinai mi aiutano nel "fabbricare" il carburante. Sono solidali, romantici, tornano anche loro più giovani. Il mezzo è del1982. Un ex meccanico che sapeva dove mettere le mani l'ha rimessa al pezzo e poi è stata tirata al lucido. Ritinta rosso fuoco....

Vedi , Bruno , il problema non è se Casini ha cambiato .....
A me sta storia che gira con insistenza, che Casini .....
Quando nel / 72 il PCI prese nelle due sezioni migliarinesi .....
Ovviamente è una mia personalissima opinione, contestabilissima, .....
CERTOSA DI CALCI
none_a
Serravezza, 24 gennaio
none_a
San Giuliano
none_a
Domenica 21 Gennaio
none_a
“Agorà

RACCONTARE
none_a
Vecchiano
none_a
CSI Pisa
none_a
CSI
none_a
Vecchiano
none_a
Tornando vella sera dalla fiera
La mì moglie a casa mi viense a mente
Grassa pallata dice brutta gente
Linguacce malidette da galera

Certo pasta .....
IL GIORNO 18 GENNAIO DALLE ORE 16. 30 ALLE ORE 18. 30 LE INSEGNANTI ACCOGLIERANNO TUTTI I GENITORI PER VISITARE LA SCUOLA IN OCCASIONE DELLE ISCRIZIONI .....
none_o
I "Sette Grandi"
di Robinson

16/7/2017 - 16:45

A volte si parla senza sapere quel che si dice, a me capita spesso!
 
Scriviamo frasi scontate e abusate nell’uso e nell’accezione comuni, omettendo una doverosa verifica lessicale e di merito, dando per certo una interpretazione del senso e del significato, omologata all’intendimento corrente più attuale ed in voga, contando nella corretta assimilazione del lettore.
 
Questa è già una forzatura, perché costringiamo l’interlocutore ad essere edotto, aggiornato e partecipe del dibattito pubblico, introdotto in un certo tipo di linguaggio,  avvezzo ad un gergo specialistico ristretto, proprio di cerchie ristrette di affiliati, consorterie di iniziati, categorie di addetti ai lavori, oppure anche masse di aficionados, coorti di appassionati, falangi di amatori., legioni di seguaci, schiere di individui interessati, fans, partigiani, pasdaran, accoliti, amatori…….
 
Quando si dice, ad esempio, che a Taormina ultimamente si è svolto il G7, si conta sul fatto che chi ascolta. Sappia che “G” sta per grandi, cioè si introduce una semplificazione che in realtà è una complicazione per chi non sa di cosa stiamo parlando!...
 
G7, quindi è l’acronimo di Sette grandi, ma ancora non ci siamo, perché qualcuno potrebbe obiettare ….sette grandi… Stronzi…. Oppure altro!
 
No!.... ribatteranno molti, si tratta dei paesi che rappresentano le maggiori economie mondiali, le prime sette, quelle preminenti nella lista nella prosperità e nella graduatoria dello sviluppo economico, ai vertici di ricchezza e autorevolezza, prestigio e influenza…
 
Vediamo un po’  di intenderci, USA, Giappone, Germania, Inghilterra, Francia, Italia e Canada, sono effettivamente tali?....anche qui, dobbiamo interpretare, tradurre, mediare, chiarire, distinguere e spiegare, come mai non sia presente la Cina, che si sta avviando a diventare la massima potenza economica, avendo già  superato il PIL del Giappone  e tampinando da vicino quello americano…
 
Verificare i motivi che hanno indotto ad escludere l’India, che cresce a ritmi spaventosi, sia dal punto di vista economico, che demografico, avendo superato per numero di abitanti, la stessa Cina!
 
Controllare con quale pretesto si sono escluse, altre grandi realtà, come Corea, Indonesia, Brasile, ben piu effervescenti e dinamiche se non di tutti, quasi  i paesi canonicamente riconosciuti nel ruolo.
 
Però ammesso si possa chiarire quanto già detto, si apre un altro capitolo spinoso e ambiguo, che contribuisce non poco a complicare ciò di cui stiamo  discutendo,  contestando in toto i criteri con cui si è fatta la selezione,  cioè se possano essere esclusi dal club, paesi che pur godendo di un PIL inferiore, hanno pero capacità militari superiori, influenza diplomatica ed egemonica su aree del mondo ben piu vaste, vedi per esempio la Russia,  una dotazione di materie prime e di risorse che manchino invece  a qualcuno dei convenuti a Taormina, una forza di dissuasione nucleare, che ne accresca il ruolo  strategico, riferendomi in questo caso, a Israele, Sud Africa, India, Pakistan, forse Iran, Corea del Nord, alcune repubbliche dell’ex Unione Sovietica.
 
Chi ha la forza, militare , o potere di ricatto economico,  è meno forte ed influente di chi è solo ricco?...
Andrebbe anche  discusso, aprendo praterie sterminate alla polemica, in sterili e verbose  prolusioni che non ho intenzione di pronunciare, se abbiano piu diritto a far parte della lista, alcuni   paesi  presenti, oppure la Confederazione Elvetica,  ai vertici delle classifiche economiche se presi a livello individuale, essendo penalizzata solo per i valori assoluti, necessariamente modesti per questioni demografiche!
 
Oltre che convenienze ed opportunità, classifiche, standard di confronto , criteri  di decisione, motivi diplomatici, storici e compromessi politici, la questione è anche aperta a critiche e censure nel merito…
 
Come definire grande, un paese che sceglie leadership discutibili, rinuncia e  rinnega i suoi valori universalmente riconosciuti e costruisce muri?....  toglie l’assistenza pubblica ai poveri e si trincera dietro allo slogan meschino USA FIRST?....
 
Oppure un paese di automi disciplinati, invecchiato e spento, incapace di ripetere i suoi exploit passati, prigioniero di retaggi e conformismi obsoleti, DA VENTI ANNI IN RECESSIONE  come il Giappone.
 
Una nazione priva di slanci, avara di solidarietà, attenta ai conti come l’oste di bottega,  ripiegata sul proprio tornaconto ed interesse, arrogante nelle censure esterne, pedante e presuntuosa, che non riesce a liberarsi dei propri fantasmi e cancellare un eredita storica pesante, come la Gemania?
 
Un paese che esce dalla comunità degli stati europei, votandosi all’isolamento continentale, che spera di rinverdire i fasti del passato facendosi schermo con un’alleanza e un intesa piu strette con un paese ritenuto un estensione se non un appendice transatlantica, illudendosi di dominare gli eventi  e poter nascondere la reale debolezza con una foglia di fico, come fa l’Inghilterra’
 
Una Francia colpita da crisi economica e d’identità, che stenta a ritrovare il bandolo della matassa sotto i colpi umilianti e brucianti del terrorismo, evocato dalle conseguenze e cresciuto tra le macerie del suo defunto imperialismo.
 
Omettendo il Canada, rimane poi l’Italia, le cui quotidiane difficoltà  e i penosi sforzi per rimanere a galla, conservando un posto nella lista, da soli valgono un giudizio!...
 






 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: