none_o

 


Lunedì 8 marzo, sulla pagina facebook di Molina mon amour, è possibile seguire un ricordo di Agitu Ideo Gudeta, una donna dal carattere forte e capace di grandi progetti. La principessa delle capre felici, una storia di Ovidio Della Croce, arricchita dalle illustrazioni di Daniela Sandoni e dalla voce di Daniela Bertini. L’iniziativa ha ricevuto il patrocinio del Comune di San Giuliano Terme.

. . . c'è solo un assonanza: i nomi cominciano per .....
. . . . . . . . . . . è breve . . . . . . . dalla .....
La sostituzione di Arcuri è un punto irrevocabile .....
per affrontare dei confronti sul forum, allora meglio .....
di Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
di Rosanna Betti
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Consegna mascherine

    Campagna per la consegna della mascherine fornite dalla Regione Toscana per tutti i cittadini di Migliarino.

    Il circolo ARCI aderisce alla iniziativa. Di seguito gli esercizi che hanno aderito dove si possono ritirare e gli orari addetti.

     

    CONSEGNA MASCHERINE PROROGATA FINO A LUNEDI 23 NOVEMBRE (SABATO E DOMENICA COMPRESI)


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


le conchiglie dei ricordi,
affiorano
sciacquate dal battito
sulla pelle riemersa,
dove sale e libeccio s'incontrano.
Dune ed ombra
s'aggrovigliano .....
Fra uno ( leghista ? ), che parla di mercato delle vacche di Conte, come se il centrodestra non l' avesse mai fatto, ricordate Scilipoti e altri, e .....
none_o
Cucina nostrana... cucina italiana.

29/7/2017 - 9:52


La bistrattata Zucca, l’ortaggio più umile eclettico eterogeneo multiforme dell’orto, offre i suoi bianco e verde a questo piatto italiano dove l’iper-prodotto estero frutto, il Pomodoro, aggiunge il suo mitico tocco di rosso a formare un piatto dai patri colori.
Il sapore vero italico, o meglio ital-nostrano,  viene però dalla superiorità gustativa dell’Anguilla, forzatamente in umido, dove il grasso della carne libidinosamente bianca e saporita, la facilità di assaporarne ogni piccolo pezzo senza il fastidio delle spine che tolgono, a volte, il gusto di mangiare pesce, fanno sì che Lei sia la Regina delle pietanze di prede acquatiche.
Avete mai pensato che l’Anguilla offre la sua vita alla  tavola?
Mi spiego meglio: nessun pesce, sia di mare che di fiume o lago, cambia sapore se pulito da vivo morto o moribondo, essi non si immolano alla cucina, la subiscono, mentre la Nostra vuol essere sacrificata e dare la vita alla immediata cottura.
Nessuno di noi si sognerebbe mai di portare a casa anguille morte da cucinare!
E nessuno di noi si sognerebbe mai di spellarle da morte!
 
Buon appetito!

 

uffa che caldo intorno alla stufa!

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

30/7/2017 - 11:06

AUTORE:
Infelix

Adesso fingono di scandalizzarsi e x Pasqua diventano quasi tutti paladini in difesa degli agnelli e poi pasteggiano con aragosta e champagne, quando sanno benissimo che le povere bestie vengono immerse vive in acqua bollente, del resto l'immane prodotto a base di carne che circola in giro in tutti i mega super ipermercati come viene macellato non se lo chiede nessuno?!

29/7/2017 - 20:48

AUTORE:
gio'

Mi ricordo che qualche volta, mio nonno, una cinquantina di anni fa, mi chiamava a reggere le zampe posteriori del coniglio appena ucciso.

dovevo tirarle mentre lui con perizia sperimentata, scuoiava la povera bestiola, a partire da una zampa per finire sulla testa!

Alla fine rimaneva con il vestito rovesciato della pelle, che roteava velocemente mollandolo di colpo, che spediva a tutta velocità' ad appiccicarsi ad un muro.

A me non piaceva molto, e quando potevo facevo di tutto per evitare quell'esperienza, ma devo dire che era un artista, riusciva ad uccidere il coniglio con un sol colpo, senza farlo soffrire inutilmente, ed anche l'atto macabro finale era dettato dall'esigenza di sottrarre la pelliccia all'appetito di bestie domestiche, per poterla conservare in buone condizioni per rivenderla.

Una volta, la crudeltà non era contemplata, si faceva quel che era necessario alla sopravvivenza, semplicemente!

Ricordo il giorno successivo, quando era un piacere pasteggiare con coniglio fritto, di cui rammento ancora la sapida bontà, che non riesco a ritrovare oggi... con la carne d'allevamento intensivo...

29/7/2017 - 18:29

AUTORE:
Asterobelix

E invece io ricordo benissimo che la mia mamma le spellava da vive e loro si arrotolavano ai polsi, poi le deviscerava e infine le decapitava...e da ultimo le tagliava a pezzi e le friggeva...tanté che anni fa andai da Menotto sul lago di Massacciuccoli e lì me le servirono fritte ma tutte intere...ma siccome mi sembravano serpenti, mi fecero senso...forse perché mi tornò in mente il triste iter...

29/7/2017 - 11:33

AUTORE:
Assurancetourix

...quando ho scritto: "mai di spellarle da morte!" non intendevo che "vanno spellate da vive!", non fraintendetemi, ma proprio che le anguille non si spellano, si strofinano bene con cenere, segatura, carta assorbente, carta di giornali, semola, cosa vi pare per levare la viscosità, ma senza spellarle...che diamine!

p.s. mi son dato il nome (appropriato?) del bardo della meravigliosa saga degli indomabili galli, tanto per far seguito ai due ultimi commentatori (o uno solo?)

29/7/2017 - 10:06

AUTORE:
Asterix

Premesso che se l'anguilla potesse sottrarsi al barbaro rituale lo farebbe molto volentieri, magari anche con una sonora pernacchia, altro che immolarsi e sacrificarsi per voi gole profonde e pelose!
...però un bel vassoio di anguille fritte con contorno di zucchini e fiori di zucca fritti e belli croccanti non sarebbe mica da disdegnare...