none_o

Una quarantina di anni fa, rientrando sporadicamente dalla residenza in nord Italia, per visite parentali e reimmergermi nelle acque locali, dove un grande Alessandro sciacquava solitamente i panni il secolo precedente, non appena valicato l’Appennino, mi rendevo conto di quanto siamo “ghiozzi”, pesanti, a volte grevi, blasfemi, volgari, bischeri e sciamannati noi toscani! Man mano che mi avvicinavo a Vecchiano, avvertivo sempre più chiaramente ....

Il Diario di Trilussa
none_a
Storia
none_a
Compleanno
none_a
I 10 anni della Voce
none_a
Vorrei ringraziare pubblicamente i Senatori che con .....
. . . . buona Pasqua a Riccardo Maini.
Quest'anno .....
Ringrazio affettuosamente Giò per il particolare pensiero .....
la tmm chiude e molte famiglie avranno grossi problemi .....
Migliarino
none_a
Soci Unicoop
none_a
Primaziale Pisana, conf stampa
none_a
di Rosanna Betti
none_a
Pisa, 14 dicembre
none_a
Che fai bambina mia
su quella porta
guardando da lontan
per quella via?
Ah, se sapessi,
quando la fu morta
se la portaron via
di là la mamma .....
Causa trasferimento abitazione, vendiamo mobili usati in ottimo stato.
Visibili a Nodica, comune di Vecchiano.

cinzia. mantellassi@ virgilio. .....
ASBUC e BARTOLI
Il giorno dopo

3/8/2017 - 18:03

Il maestro toscano, apprezzato nel mondo per il virtuosismo della sua pianistica, ha dato inizio alle danze con un ringraziamento all'ASBUC di Migliarino per aver accettato di ospitare Bianchi e Neri Piano Fest Tuscany, per poi presentare i primi pezzi del programma “Profumi di Francia”: una trascrizione di Thalberg dell'Aria di Amazily dal Fernando Cortez di Spontini, musica soave e profonda, e la celebra Meditazione dell'opera Thais di Massenet, splendidamente interpretata dalla violinista Debra Fast. Con gli animi riscaldati dalle prime offerte musicali, il pubblico ha molto gradito la Marche et Réminiscence pour mon dérnier voyage di Rossini, una marcia funebre autocostruita dal Maestro pesarese, che in vecchiaia amava divertirsi a scrivere musica umoristica. La partitura cita diverse opere di Rossini, ed è ricca di didascalie. Queste ultime sono state lette da Alberto Batisti, una delle personalità musicali più in vista nel panorama italiano, illustre storico della musica e grandissimo divulgatore. Il finale era la celebre “Storia di Babar, l'elefantino”: il capolavoro di Poulenc fu scritto per un gruppo di bambini nel 1940, nel pieno dell'occupazione nazista. Il maestro Batisti ha invitato il pubblico ad ascoltare questa fiaba come se tutti fossimo tornati bambini, ed ha poi recitato splendidamente la favola di Jean de Brunhof, dando ad ogni personaggio voci e caratteri propri, e rivelando doti interpretative di rara sostanza. Alla fine il pubblico ha tributato agli artisti un'ovazione, conclusasi poi sul retro dell'edificio dove Massimo Rutinelli aveva preparato una squisita cena toscana, accompagnata dal vino di Pieve de' Pitti per una serata all'insenga del buon gusto musicale e culinario. Bianchi e Neri Piano Fest Tuscany torna mercoledì 9 agosto alle ore 20.30 con “Eine Deutsche Nacht”, una serata tedesca con musiche di Bach e Beethoven accompagnata da un banchetto di specialità tedesche di Svevi.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




5/8/2017 - 9:35

AUTORE:
Venusia

Per l'esattezza il 21 aprile di quest'anno nella stessa sede si è tenuto il Concerto straordinario di Francesco Di Fiore al pianoforte accompagnato dal video di Valeria Di Matteo, e anche quell'evento è stato interessante.
Quest'ultima esibizione è stata più coinvolgente perché il maestro Ivo Bartoli è un artista del luogo e gli spettatori sono tutti suoi affezionati estimatori, senza tralasciare ovviamente la bravura del protagonista e dell'intera organizzazione che è riuscita a regalare una serata estiva magica e fuori dai soliti schemi.

3/8/2017 - 19:15

AUTORE:
Paolo

La prima volta che ho potuto vedere una struttura ecologica. Un piccolo gioiello che arricchisce la comunità migliarinese che ne è proprietaria. Prima uscita culturale che è stata molto apprezzata, la bravura del maestro Bartoli ha trovato una nicchia preziosa. Spero che l'indirizzo culturale che si è dato il suo Comitato di gestione continui per i Migliarinesi e per i comuni del comprensorio,