none_o

A Massaciuccoli, sul versante dei monti di Filettole che si affaccia a ponente sullo spettacolo suggestivo dell’omonimo lago e sullo specchio di mare prospicente, abbracciandone il tratto visibile che va da Spezia, fino a Pisa, esiste una testimonianza eccezionale del passato delle nostre zone.  Non si tratta delle eterne seduzioni virtuosistiche del bel canto....

Ricordo
none_a
Ricorrenza
none_a
Omaggio
none_a
Le Parole di Ieri
none_a
In viaggio con il PD, dai energia al treno. Puoi .....
Legge cosa gli interessa. . . . quando e su cosa gli .....
. . . . perche? Quando comprate il Corriere della sera .....
Come vedi i suggerimenti tuoi van veloci, dieci secondi. .....
Uno sguardo dal Serchio
none_a
di Carlo Delli
none_a
Come cambiano autovelox e multe con il decreto Minniti
none_a
Uno sguardo dal Serchio
none_a
Avane, 28 ottobre
none_a
Castello dei Vicari - Lari
none_a
Arena Metato
none_a
Viareggio.
none_a
Pontasserchio, 14 ottobre
none_a
L’INCIDENTE


Seduti su quei sedili lordati di sangue,
col capo chino, vidi
quella scena orrenda
che mi trafisse il cuore.
Giovani vite spezzate
da .....
Il 10 ottobre, sui monti di San Giuliano Terme presso la stazione di lancio di parapendio (Fly Park), si è smarrito Rufo, barboncino nano dal mantello .....
ll problema della siccità che minacciava le coltivazioni
attorno al Lago di Massaciuccoli.
Risolto, grazie alla riattivazione dell’impianto idrovoro del Comune di Vecchiano

5/8/2017 - 13:02

 Risolto, grazie alla riattivazione dell’impianto idrovoro del Comune di Vecchiano, il problema della siccità che minacciava le coltivazioni attorno al Lago di Massaciuccoli.
 
Vecchiano –  Scongiurata, grazie ad un accordo messo a punto da più enti e che vede in prima linea l’approvvigionamento idrico attraverso l’acqua del fiume Serchio, l’interruzione dell’irrigazione nei territori confinanti il Lago di Massaciuccoli, evento che avrebbe provocato la perdita di oltre 500 ettari di colture e ortaggi con gravi danni economici per gli imprenditori agricoli e per lo stesso ambiente del lago. “Normalmente, le colture di Massaciuccoli, Massarosa e Vecchiano, vengono irrigate con l’acqua del Lago, che è distribuita ai terreni attraverso una serie di cateratte, azionate dal Consorzio di Bonifica 1 Toscana Nord”, spiega il Sindaco di Vecchiano, Massimiliano Angori. “Per salvaguardare l’ambiente lacustre, nelle estati torride, le concessioni per il prelievo dell’acqua vengono interrotte, almeno per tutto il tempo in cui il livello del lago scende al di sotto dei meno trenta centimetri rispetto al mare, come successo in questa estate, contraddistinta da un lungo periodo di siccità.

L’emungimento prolungato a fini irrigui in questa situazione, infatti, provocherebbe un danno ambientale legato sia alla carenza d’acqua che alla probabile ingressione di acqua salata dal mare, dovuta allo sbilancio idrico”. “Il Consorzio, pertanto, ha immediatamente proposto un’ipotesi alternativa, cioè quella di immettere nella rete irrigua acqua fresca derivante non più dal lago, ma dal fiume Serchio mediante la riattivazione di un impianto idrovoro, in accordo con il nostro Ente, possessore dell’impianto”, aggiunge il primo cittadino.
Un rapido controllo tecnico, da parte del Consorzio stesso, ha infatti consentito di verificare che, in tempi rapidi, era possibile riattivare l’impianto idrovoro temporaneamente dismesso.

Il Consorzio si farà carico, oltre che alla riattivazione dell’impianto, anche della gestione, dei costi per il consumo dell’energia elettrica e del monitoraggio della salinità delle acque del lago.

Inoltre, grazie alla rapida convocazione del tavolo sull’emergenza idrica del lago Massaciuccoli da parte della Regione Toscana, in cui erano compresi anche il Genio civile Toscana Nord e l’Autorità di bacino distrettuale dell’Appennino Settentrionale è stato possibile in pochi giorni esaminare e condividere la proposta del Consorzio, verificarne la fattibilità e le compatibilità e dare, in questo modo, una risposta rapida ed efficace alle esigenze del territorio e del mondo agricolo. “Occorre sottolineare – precisa il Presidente Ismaele Ridolfi – la positività di un metodo che ha visto, sotto le regia della Regione Toscana, tutti gli enti coinvolti, ognuno per le proprie competenze, impegnarsi per dare soluzioni, in pochi giorni, ad una delle situazioni di crisi idrica della Toscana più gravi degli ultimi decenni. Senza il contributo di tutti non sarebbe stato possibile”.

 “L’accordo condiviso da tutti gli enti consente, dunque, agli agricoltori di Massaciuccoli, Massarosa e Vecchiano di poter contare su acqua per dodici ore al giorno, tutti i giorni, per irrigare le loro colture”, conclude il Sindaco Angori.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




7/8/2017 - 11:12

AUTORE:
F.C.

Indubbiamente l'intervento è giusto e necessario. Le mie perplessità derivano dalla mancanza di elementi che ritengo importanti per la vita del Serchio. Dodici ore di emungimento di quanti litri e per quanto tempo?? Quali conseguenze si possono verificare sul fiume specialmente per la foce?