none_o

Una quarantina di anni fa, rientrando sporadicamente dalla residenza in nord Italia, per visite parentali e reimmergermi nelle acque locali, dove un grande Alessandro sciacquava solitamente i panni il secolo precedente, non appena valicato l’Appennino, mi rendevo conto di quanto siamo “ghiozzi”, pesanti, a volte grevi, blasfemi, volgari, bischeri e sciamannati noi toscani! Man mano che mi avvicinavo a Vecchiano, avvertivo sempre più chiaramente ....

Il Diario di Trilussa
none_a
Storia
none_a
Compleanno
none_a
I 10 anni della Voce
none_a
Vorrei ringraziare pubblicamente i Senatori che con .....
. . . . buona Pasqua a Riccardo Maini.
Quest'anno .....
Ringrazio affettuosamente Giò per il particolare pensiero .....
la tmm chiude e molte famiglie avranno grossi problemi .....
Migliarino
none_a
Soci Unicoop
none_a
Primaziale Pisana, conf stampa
none_a
di Rosanna Betti
none_a
Pisa, 14 dicembre
none_a
Che fai bambina mia
su quella porta
guardando da lontan
per quella via?
Ah, se sapessi,
quando la fu morta
se la portaron via
di là la mamma .....
Causa trasferimento abitazione, vendiamo mobili usati in ottimo stato.
Visibili a Nodica, comune di Vecchiano.

cinzia. mantellassi@ virgilio. .....
Marina di Pisa, 25 agosto
ISOLE nel calice:
Di-versi e Di-vini,
racconti di mare e di costa

5/8/2017 - 13:12


Dal 21 al 27 agosto si terrà a Marina di Pisa Marina Slow- Dialoghi nel Mediterraneo, la rassegna cultural-etnico-musical-gastronomico più importante dell'estate pisana, organizzata dal Circolo Il Fortino e Slow Food Condotta di Pisa e Monte Pisano, con il patrocinio del Comune di Pisa e il supporto di Unicoop Firenze.


Tra i tanti dibattiti, spettacoli, cucine etniche, regionali e street food, spicca un'iniziativa che lega la narrazione teatrale, la poesia, la musica e i vini, avendo come tema le isole del Mediterraneo.


Un approccio innovativo che prende come spunto il libro di Vincenzo Mirra, Isole, per un viaggio immaginario da Lesbo a Capraia, dal moscato greco al vermentino nostrano, attraverso il nerello mascalese di Catania e il Biancolella di Ischia, accompagnato da poesie e musiche.


Un viaggio costruito da un team di esperti delle diverse forme culturali, da ovviamente l'autore Vincenzo Mirra e Chiara Rea   per le poesie, Maurizio Bigonciali e Alessio Lari   per le musiche, Nikolaos Kakalis del circolo Makedonia, Fabrizio Macchia, responsabile Fisar di Pisa, Sandro Petri, responsabile Gruppo Vino della Condotta Slow Food di Pisa,   per i vini, con l'assistenza di Fabiano Corsini del Fortino e il supporto dell'Associazione La Voce del Serchio, sostenitrice della cultura sotto tutte le forme.
Decisamente un evento da non perdere.

Ecco come lo descrive Vincenzo Mirra:

ISOLE

Dalla volontà di sperimentare nuove forme pubbliche di valorizzazione della poesia, ed in modo particolare di legare la lettura poetica alla narrazione teatrale, nasce l'idea di mettere in scena uno spettacolo che attraverso un viaggio immaginario nel Mediterraneo proporrà l'abbinamento di poesie e racconti di mare e di costa con la degustazione di pregiati vini isolani, con l'intento di rendere il pubblico vero sperimentatore e protagonista della serata.


Negli approdi isolani che “visiteremo” durante la navigazione, cinque saranno i vini proposti da esperti sommelier della FISAR:


1) partiremo dall'Egeo nord-orientale, con le suggestioni letterarie delle isole di Lesbo e Chios e la degustazione del vino più antico d’Europa, il Limnia rosso dell'isola di Limnos, già noto e decantato da Omero;


2) da lì navigheremo nel mare del racconto mitologico che ci condurrà agli approdi di Delo e Naxos, nel gruppo delle Cicladi, dove berremo il bianco Moraitis di Paros, da una varietà locale di malvasia;


3) poi punteremo su Itaca dove imbarcheremo la leggenda epica di Odisseo per giungere all'isola dei Ciclopi e al calice di Nerello Mascalese, vitigno autoctono delle pendici dell'Etna;


4) passato lo stretto di Scilla e Cariddi faremo rotta su Napoli, dove ci lasceremo sedurre dalla bellezza, narreremo del mito della bella Parthenope e leggeremo Neruda e Leopardi abbinati alla vulcanicità del Biancolella d'Ischia;


5) lasceremo il Golfo di Napoli per l'ultima tappa della nostra navigazione, diretti all'isola di Capraia e all'approdo finale di MarinadiPisa, nell’agorà dei DialoghinelMediterraneo, per un finale tutto all'insegna delle poesie di ISOLE  con un omaggio speciale alla sua copertina ed alla ricchezza dei profumi della macchia mediterranea, con un Vermentino dell’isola di Capraia, di produzione biologica, versato nell'ultimo calice Di-versi e Di-vini.


Ispiratori e protettori del suggestivo itinerario enoletterario saranno i miti di Dioniso e di Apollo, l'uno dio dell'estasi, del vino, dell'ebbrezza e della liberazione dei sensi, l'altro dio di tutte le arti, e dunque anche della poesia, e capo di tutte le Muse.


Ecco il motivo di "Di-versi e Di-vini", perché al di là del gioco di parole e delle ISOLE “versate” nei calici dei “diversi” approdi e vitigni isolani selezionati, seguiremo il tema narrativo del racconto dei miti di divinità e eroi leggendari, e abbracceremo tutta la ricchezza della storia e della geografia del Mediterraneo con la convinzione del valore delle sue diversità culturali e produttive.


Ed insieme alle suggestioni delle narrazioni, isseremo vele di poesia decantando gli inni omerici, i versi dei primi poeti greci, di Alceo e di Saffo, e quelli di straordinari poeti ellenici contemporanei, Konstantinos Kavafis e Odysseus Elytis, ed andremo di riva in riva alla ricerca del vino lathikades - “che fa dimenticare le sofferenze” - navigando tra ISOLE leggendarie.


ISOLE come luoghi speciali di rifugio, dove raccogliersi ed accogliere, “isolamento” e scoperta.
ISOLE come identità geografiche e meditative, luoghi fisici e interiori, di conservazione e di aperture, luoghi di incontri, di suoni e di immagini, ISOLE di sensazioni e di gusto, di odori e di sapori, ma anche di racconti e di saperi ...


Tutto questo proveremo ad offrirvi nell’agorà di Marina Slow 2017: Dialoghi nel Mediterraneo in una serata che spero vi lasci sulle labbra e nel cuore il sapore delle ISOLE.

Il Libro
La raccolta di poesie ISOLE, edita da AUGH! Edizioni del gruppo editoriale Alter Ego , è stata già presentata in importanti rassegne cittadine tra cui un incontro letterario presso la biblioteca comunale SMS di Pisa dedicato alla letteratura delle ISOLE e alle poesie del mare e durante la manifestazione Marina Libri in occasione della giornata dedicata alla Festival del libro del mare di Marina di Pisa.

Alcuni testi di ISOLE sono inoltre stati utilizzati per la messa in scena di un lavoro teatrale ispirato a I viaggi di Gulliver presso il teatro di Vicopisano, in un laboratorio multietnico con ragazzi rifugiati e richiedenti asilo, come pure in occasione di molte letture pubbliche promosse dal circolo dei lettori LaAV (Letture ad Alta Voce), come nella Cena sotto le stelle organizzata alla Certosa di Calci .
Il libro si compone di 5 capitoli poetici ed abbraccia oltre una decade di viaggi e di esperienze trascritte in versi, molti dei quali ispirati al mare ed alle suggestioni che nel viaggio sono venute dagli elementi naturali incontrati, dai paesaggi e dai luoghi visitati, delle persone incontrate, da ogni emozione vissuta.

Ma le ISOLE per l’autore sono le poesie stesse, le suggestioni e le sensazioni che possono venire sia da viaggi reali, come anche quelle di alcuni passaggi oceani in Atlantico e in un viaggio lungo il Pacifico, che da una esplorazione interiore di isole fantasticate in viaggi poetici immaginari.
 
L’Autore
Vincenzo Mirra è nato a Napoli nel 1973, dove si è diplomato all'Istituto Nautico per poi laurearsi in Ingegneria Aeronautica ad indirizzo Spaziale. Alle passioni per la navigazione, il mare e l’astronautica, ha sempre aggiunto quelle per la letteratura, la scrittura di viaggio e di meditazione ed il teatro.
Nel 2016 ha pubblicato con Augh! Edizioni (gruppo editoriale Alter Ego) la silloge ISOLE, che raccoglie poesie tratte da molti taccuini di viaggio e da cinque raccolte poetiche.
È autore del blog letterario Beaufort, scritture al vento e taccuini di mare,  che esprime scritture di vario tipo e argomentazione, anche di natura sperimentale.
Una selezione di sue poesie, sia edite che inedite, è ospitata tra le proposte della rivista poetica Pioggia Obliqua, Scritture d’arte.
Con la poesia inedita La Higuera, ispirata alla vita e al mito del Comandante Che Guevara, ha vinto la prima edizione del concorso Rebelde, Ode al Che, MonteGrappa Edizioni, pubblicata nella raccolta omonima.
Con la poesia inedita Nuvola e la fotografia originale a cui è ispirata la copertina della silloge ISOLE è risultato finalista della terza edizione del concorso poetico-fotografico Prospettive Differenti.
Dal 2005 vive a Pisa, dove dal 2015 ha iniziato a frequentare corsi e laboratori teatrali, di recitazione, di lettura corale e di drammaturgia, presso i teatri Sant’Andrea e Lux di Pisa, partecipando a diversi lavori teatrali. Vincenzo Mirra è inoltre socio del circolo LaAV di Pisa, dentro il quale condivide la passione per la lettura offrendo le proprie Letture ad Alta Voce come lettore volontario in vari contesti di lettura pubblica, educativa e sociale, come nelle scuole, negli ospedali, o in case di cura e centri anziani.

    
    

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: