none_o

Una quarantina di anni fa, rientrando sporadicamente dalla residenza in nord Italia, per visite parentali e reimmergermi nelle acque locali, dove un grande Alessandro sciacquava solitamente i panni il secolo precedente, non appena valicato l’Appennino, mi rendevo conto di quanto siamo “ghiozzi”, pesanti, a volte grevi, blasfemi, volgari, bischeri e sciamannati noi toscani! Man mano che mi avvicinavo a Vecchiano, avvertivo sempre più chiaramente ....

Il Diario di Trilussa
none_a
Storia
none_a
Compleanno
none_a
I 10 anni della Voce
none_a
Vorrei ringraziare pubblicamente i Senatori che con .....
. . . . buona Pasqua a Riccardo Maini.
Quest'anno .....
Ringrazio affettuosamente Giò per il particolare pensiero .....
la tmm chiude e molte famiglie avranno grossi problemi .....
Migliarino
none_a
Soci Unicoop
none_a
Primaziale Pisana, conf stampa
none_a
di Rosanna Betti
none_a
Pisa, 14 dicembre
none_a
Che fai bambina mia
su quella porta
guardando da lontan
per quella via?
Ah, se sapessi,
quando la fu morta
se la portaron via
di là la mamma .....
Causa trasferimento abitazione, vendiamo mobili usati in ottimo stato.
Visibili a Nodica, comune di Vecchiano.

cinzia. mantellassi@ virgilio. .....
none_o
Grandi per un Grande

7/8/2017 - 8:04


O Serchio nostro, fiume del popolo!
tu vai sereno, come un gran popolo,
lasciate le placide cune,
muove all’officina comune;
….
Giovanni Pascoli
 
o Serchio, anche t'offriamo i nostri corpi
ov'è chiuso il calor meridiano.
Anelammo d'amore per trovarti!
Sgorgar parea che tu dovessi, o fiume,
dal nostro petto come un sùbito inno.
 Dio tu sei, dio tu sei; noi siam mortali.
Ma fenderemo la tua forza pura.
La più gran gioia è sempre all'altra riva.
….
Gabriele D’Annunzio

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




7/8/2017 - 8:50

AUTORE:
Totem

Il fiume è sempre stato il mare dei poveri, di tutti quelli che non potendo raggiungere il mare a causa della lontananza, raffreddavano i bollenti spiriti nell'acqua dolce.
Ricordo però di aver visto bubboni d'ogni tipo e pelli rovinate su coloro che si bagnavano sia nel dolce che nel salato e si diceva che questa mescolanza creava danni epidermici fastidiosissimi...dal momento che adesso tutti si spostano più facilmente e frequentano ambo gli ambienti anche soltanto per la gioia di cambiare...ma è ancora così?!