none_o

A Massaciuccoli, sul versante dei monti di Filettole che si affaccia a ponente sullo spettacolo suggestivo dell’omonimo lago e sullo specchio di mare prospicente, abbracciandone il tratto visibile che va da Spezia, fino a Pisa, esiste una testimonianza eccezionale del passato delle nostre zone.  Non si tratta delle eterne seduzioni virtuosistiche del bel canto....

Ricordo
none_a
Ricorrenza
none_a
Omaggio
none_a
Le Parole di Ieri
none_a
In viaggio con il PD, dai energia al treno. Puoi .....
Legge cosa gli interessa. . . . quando e su cosa gli .....
. . . . perche? Quando comprate il Corriere della sera .....
Come vedi i suggerimenti tuoi van veloci, dieci secondi. .....
Uno sguardo dal Serchio
none_a
di Carlo Delli
none_a
Come cambiano autovelox e multe con il decreto Minniti
none_a
Uno sguardo dal Serchio
none_a
Avane, 28 ottobre
none_a
Castello dei Vicari - Lari
none_a
Arena Metato
none_a
Viareggio.
none_a
Pontasserchio, 14 ottobre
none_a
L’INCIDENTE


Seduti su quei sedili lordati di sangue,
col capo chino, vidi
quella scena orrenda
che mi trafisse il cuore.
Giovani vite spezzate
da .....
Il 10 ottobre, sui monti di San Giuliano Terme presso la stazione di lancio di parapendio (Fly Park), si è smarrito Rufo, barboncino nano dal mantello .....
Migliarino
Bartoli Lehrer geht zum Friseur

10/8/2017 - 23:49


Ieri sera,  al concerto  di musica classica “Bianchi e Neri Piano fest Tuscany” nell’auditorium ASBUC di Migliarino, il Maestro Bartoli ha impersonato Bach suonando uno dei suoi classici “Sei piccoli preludi” in un altrettanto classico costume tedesco, a dir la verità molto bavarese e poco lipsiano, ma tedesco era come la musica che avrebbe condizionata la serata e il suo finale culinario.
L’esuberanza del pianista, che va molto oltre la bravura offrendo agli ascoltatori anche aneddoti  della vita dei compositori a Lui cari ed altre storie legate al suo genere, in uno sprizzo di goliardia, gli ha fatto far la parte del povero pianista, sempre in miseria, non capito, costretto a suonare al buio o al massimo al lume di candela, esibendosi in tal veste e in tal situazione.
Un successo la sua trovata, con la penombra della sala, la poca luce di due candele e Lui che suonava chino e pensieroso.
Sembrava che la musica salisse al cielo come il fumo delle candele, sembrava che fossimo con Bach che insegnava al figlio i segreti del piano.
Poi è arrivata la luce sia quella reale, elettrica, perché qualcuno è intervenuto sugli interruttori, sia quella sentimentale con l’entrata in scena della Musa Debra e il suo violino, anche lei in un magnifico abito “dòicce” (a Vecchiano si dice così!)
Bach si è tramutato nel connazionale Beethoven ed è iniziato un duetto da Oscar: tasti e archetto che non si perdevano di vista, anzi di suono, i toni alti erano simili, i bassi pure, le pause, le mosse veloci, un accordo insuperabilmente perfetto.
Ovazione.
Rimasto poi solo, Beethoven ha deciso di far sentire un suo capolavoro, Patetica, cioè Suonata n° 8  in Do minore Op. 13, come aveva avuto sempre in mente di fare ma senza averne mai avuto il coraggio.
Una corsa fra i tasti, una lotta con la tastiera, una calma improvvisa e una tempesta altrettanto, tutto eseguito con i capelli al vento tanto che alla fine è dovuto intervenire un parrucchiere!
(la Germania è lontana, arriverà domattina, te intanto pettinati!)


Sandro, mi hai fatto piangere e io cerco invece di farti ridere, ma son fatto così.


Oh, ‘un penserai mia mercoledì 16, serata di Puccini, di vienì con lo stioppo e lle stampe dell’anatre eh?

 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: