none_o

La prima foto mostra l’ingresso della pista ciclabile lungo la via del Mare al podere i Leccetti. C’è uno stretto passaggio accanto al cancello chiuso e una stradina che conduce fino all’argine. Qui il ciclista che ha letto Migliarino alla sua sinistra è già in imbarazzo: portarsi sull’argine o seguire la strada a fianco sottostante? L’argine è impraticabile, solo un vialetto sconnesso centrale con erba alta ai lati.....

Le Parole di Ieri
none_a
Ricordo
none_a
Ricorrenza
none_a
Omaggio
none_a
l' altra mattina alle ore 6 ascoltavo il notiziario .....
In viaggio con il PD, dai energia al treno. Puoi .....
Legge cosa gli interessa. . . . quando e su cosa gli .....
. . . . perche? Quando comprate il Corriere della sera .....
Uno sguardo dal Serchio
none_a
di Carlo Delli
none_a
Come cambiano autovelox e multe con il decreto Minniti
none_a
Uno sguardo dal Serchio
none_a
Avane, 28 ottobre
none_a
Castello dei Vicari - Lari
none_a
Arena Metato
none_a
Viareggio.
none_a
Pontasserchio, 14 ottobre
none_a
L’INCIDENTE


Seduti su quei sedili lordati di sangue,
col capo chino, vidi
quella scena orrenda
che mi trafisse il cuore.
Giovani vite spezzate
da .....
Speedy Wash di Gambini Cinzia
Via Mazzini 6 Migliarino Pisano
Aperto dalle 08:00 alle 22:00 tutti
i giorni anche festivi
Tel. 328 4122388

Solo .....
Comune di Vecchiano
Commemorazione della Liberazione di Vecchiano dal Nazifascismo

9/9/2017 - 12:50

Una piazza affollata ha accolto ieri sera 8 settembre la Commemorazione della Liberazione di Vecchiano dal Nazifascismo, alle presenza dei rappresentanti delle autorità istituzionali locali dei Comuni limitrofi e della Consigliera Regionale Alessandra Nardini. 

E' stata l'occasione per porgere il nostro più sentito ringraziamento a quelle donne e a quegli uomini che fino a quel decisivo 8 settembre del 1944, ormai 73 anni fa, avevano combattuto strenuamente in nome della libertà, per costruire un futuro di speranza e solidarietà, consegnandoci quello che oggi è il nostro presente.

Un presente fatto di una libertà che, proprio come istituzioni, siamo chiamati a tutelare con forza e determinazione, oggi più che mai, quando venti di guerre e di insicurezza internazionale sono tornati a spirare sulle nostre vite quotidiane. Ecco il senso di celebrazioni come quella di ieri sera: tramandare la memoria storica e i valori della Resistenza e della nostra Costituzione, affinchè nel nostro presente, e anche nel nostro futuro, non si perda mai di vista il perseguimento della libertà e del buon vivere comune.

Grazie da parte dell'Amministrazione e della Giunta Comunale anche a tutti gli intervenuti: al professor Gianluca Fulvetti, al Presidente Anpi Pisa Bruno Possenti, alle ragazze della Staffetta dei Ricordi e al loro ospite Luciano Menichetti, al Coro ControCanto Pisano: l'apporto determinante di voi tutti ha reso possibile questa bella serata.

Trovate video e commento anche sulla pagina facebook del Sindaco, a questo link:
https://www.facebook.com/angori.sindaco/?fref=ts

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




19/9/2017 - 21:27

AUTORE:
Quiescente- Ex lavoratore a turnazione

...a turnazione come le ferrovie le aereovie le farmacie ed i turni di lavoro di norma sono di 8 ore. Quindi tre x otto = 24.
I "governatori"...di vacche& vitelli invece "invieranno" le feste nazionali solo dopo cena ma sempre festa è.

19/9/2017 - 16:54

AUTORE:
leonardo bertelli Migliarino

Non ti preoccupare , nessuno la proporrà , è la storia da dove veniamo .
Anche se , con le aperture indiscriminate di negozi e centri commerciali qualcuno s'è messo avanti .

19/9/2017 - 15:22

AUTORE:
Vecchianese partecipante alla ricorrenza

Seguendo il tuo ragionamento poi si arriva all'irriguardoso atteggiamento degli ultràs che in Piazza Garibaldi la sera della ricorrenza della liberazione di Vecchiano dalle belve fasciste e naziste che fecero strame di poveri inermi e....loro, i baldi giovanotti senza sentimenti e storia da imparare; ruppero per tutta la serata le scatole (per non dire i coglioni) a chi indossava le fasce tricolori in ossequio ai caduti trucidati in bonifica e a chi sempre difende l' onore della Repubblica Italiana nata dalla Resistenza al fascismo.

Poi di questo passo proporrài al "giovane Leonardo" di cancellare le giornate segnate di rosso e a festa sui nostri calendari Italiani e cioè 25 Aprile, 2 Giugno e...ormai già che ci sei, anche il Primo Maggio.

19/9/2017 - 14:44

AUTORE:
lorenzo

condivido il tuo post! quando ho iniziato la discussione, era solo per affermare che oggi, è l'ora di riporre le bandiere!
Le bandiere sono state quelle che hanno diviso l'italia e che ancora oggi continuano a dividerla!
Uno juventino, non tiferà mai Milan o Inter, neppure quando queste giocheranno in coppa campioni contro squadre straniere...
Forse se pensassimo di più ai problemi attuali sarebbe meglio che andare continuare a enfatizzare fatti accaduti un secolo fa! Morti ce ne sono stati in tutte le guerre che l'uomo ha fatto, colpe e crimini sono stati commessi anche da chi le guerre le ha vinte, e non parlo solo della seconda guerra...
andiamo avanti e riponiamo le bandiere forse saremmo tutti più uniti!

19/9/2017 - 9:38

AUTORE:
leonardo bertelli Migliarino

Che tu possa scrivere le tue considerazioni è doveroso , siamo in un paese libero , oggi .
E se lo siamo non è certo grazie ai fascisti e ai repubblichini . Nessuno ha mai negato i meriti degli Usa , ci mancherebbe ,pensa che a liberare l' Italia hanno contribuito pure Canadesi , Australiani , Brasiliani , Nippo-Americani , Indiani ( dell' India eh )e pure i Marocchini ( inquadrati nell' esercito francese )pur con i danni che fecero contro i civili .
Ma non si può , non puoi , lasciar fuori i partigiani , Rossi o Bianchi che siano stati .
Senza il loro apporto , riconosciuto da tutti i vari comandanti alleati , la Liberazione sarebbe stata lunga e dolorosa , più di quello che è stata .
Della storia di questa ragazzina ligure non so nulla , colpa mia , però una cosa sento di dirla , dirtela .
Se , ognuno di noi , comincia a tirar fuori le sue " storie " non la finiamo più . La Liberazione , c'è anche chi la chiama guerra civile , ha avuto un costo , in termini di vite umane ( venivamo da una dittatura lunga 20 anni , è bene ricordarselo) , da ambo le parti .
Parlarne oggi , a 70 anni di distanza , per noi , davanti a un pc , è facile . Averla vissuta un po' meno , quindi lasciamo i morti , ovunque siano , al loro riposo , senza dimenticare , però , che all' epoca dei fatti c' era chi combatteva per la Libertà , di tutti , e chi no .

18/9/2017 - 12:18

AUTORE:
Lorenzo

che siano bischerate è una tua opinione, comunque se posso scriverle, che ti piaccia o no, è merito degli USA e le nazioni alleate con loro.
Solo pochi giorni fa sull'ansa si leggeva un articolo che lascia molto da pensare: La storia di Giuseppina Ghersi, tredicenne di Savona uccisa pochi giorni dopo la liberazione, torna di attualità. E fa discutere a Noli l'iniziativa di un consigliere comunale di centrodestra di ricordare una ragazzina violentata e uccisa dai partigiani con una targa nella piazza dedicata ai fratelli Rosselli. A proporre la targa, che sarà inaugurata il 30 settembre, Enrico Pollero, di centrodestra e con un padre partigiano. "Dopo aver letto la storia di Giuseppina ho pensato che bisognava fare qualcosa per ricordare una bambina di 13 anni uccisa senza motivo". Pollero punta ad una "vera riappacificazione" sostenuto dal sindaco della cittadina del ponente ligure, medaglia d'oro della resistenza. L'associazione partigiani è insorta. "Siamo assolutamente contrari. Giuseppina Ghersi era una fascista. Protesteremo col Comune e la prefettura" dice Samuele Rago, presidente provinciale dell'Anpi. "Eravamo alla fine della guerra, è ovvio che ci fossero condizioni che oggi possono sembrare incomprensibili", sostiene.


Quindi per i Partigiani era guerra, dopo la fine della stessa.... e per i fascisti no?
A me più che guerra appare epurazione

16/9/2017 - 11:11

AUTORE:
Massi Favollo

Vi sbagliate, ho visto passare velocemente nella penombra della piazza una consigliera di opposizione, veloce come un lampo, ormai un fantasma inquieto e senza memoria, se non quella evanescente di una timeline di facebook.

14/9/2017 - 23:59

AUTORE:
Paperino

Caro Lorenzo , le bischerate che scrivi liberamente, sappi che puoi scriverle grazie a chi 80 anni fa ha dato la vita per la libertà , sua , e delle generazioni future .
Porta rispetto a quelle bandiere , sventolano anche per quelli come te .

13/9/2017 - 19:55

AUTORE:
Italiano

....chi ha dato ha dato e chi ha uto, ha uto, scordammoci o passato...
Ma non è così.
Diglielo alla Ceccardi!

13/9/2017 - 9:42

AUTORE:
lorenzo

(.....)
Smettiamola di voler tenere alte bandiere che non hanno più nessun motivo di esistere

10/9/2017 - 20:37

AUTORE:
Laura

E nemmeno uno dico uno della minoranza consiliare che ha ritenuto di partecipare alla commemorazone. Che pena.

10/9/2017 - 19:33

AUTORE:
vecchianese

Vogliamo riflettere sulla scomposta festa che ha avuto luogo nella stessa piazza, in un locale, e alla stessa ora di questa commemorazione? E di quanto giovani fossero gli ultras che hanno continuato a cantare mentre, a pochi metri, si parlava di morte e violenza, e giovani della stessa età leggevano i ricordi dei loro cari? Era necessario? La guerra, e soprattutto a Vecchiano, purtroppo è stata di tutti, destra e sinistra, ognuno ha perso qualcosa, ma sembra che qualcuno non se ne sia reso conto.
Che tristezza, alla vostra età!