none_o

Percorrere la via Traversagna dal monte fino a Migliarino andando lentamente e guardandosi intorno può essere molto istruttivo. La prima cosa che salta agli occhi è la maleducazione di noi cittadini. Spazzatura ovunque. La maggior quantità è ammassata sotto il ponte che spassa oltre la Barra. Un cumulo di rifiuti fra cui frigoriferi e mobili vetusti che non sono passati per la Geofor.

LIBRI
none_a
Personaggi
none_a
I 10 anni della Voce
none_a
Le Parole di Ieri
none_a
. . . . . . . . . . . . ricordo che il virus del " .....
oggi sono stato a santa anna di Stazzema ho partecipato .....
. . . . . . . . . . . . . inorgoglisce è nella fantasia, .....
Quello che mette in difficoltà il nostro paese, creando .....
Volterra-domenica 19 agosto
none_a
Tirrenia,14 agosto
none_a
Marina di Pisa, 10 agosto
none_a
Palaia, 10 agosto
none_a
Tirrenia, 7 agosto
none_a
Calci, 12 agosto
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Cercasi operatori

    Il  Circolo ARCI Migliarino che gestisce la Ludoteca Comunale in versione estiva presso l'Oasi Dunadonda cerca personale qualificato per il perido di luglio e di agosto. Gli interessati possono inviare una mail alla posta del Circolo   arcimigliarino@gmail.com. Vedi sotto.


  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Io che ho spiegato le vele tutte finché la riva scompare,
esplorato ogni terra invisibile,
ogni visibile mondo, sfidato correnti, mostri marini, .....
Dopo l’ultimo consiglio comunale abbiamo finito di capire chi sono i consiglieri di minoranza. Incapaci, ignoranti egocentrici. Il tema ponte si discute .....
di Renzo Moschini
Galletti

18/9/2017 - 11:12

Galletti
Dopo  Veltroni e Rutelli che hanno denunciato sull’ambiente  le gravi dimenticanze del Pd, anche il ministro dell’ambiente Galletti è opportunamente intervenuto. Lo ha fatto sottolineandone la drammaticità e gli impegni assunti per questo anche dall’Italia a Parigi sul piano internazionale e con leggi recenti come quella sugli ecoreati. Ha ricordato pure altri interventi e realizzazioni ma qui casca l’asino. Parlare, ad esempio, di interventi sul piano idrogeologico dove della legge sul suolo che prevede  piani che dopo  oltre due decenni  non hanno  visto la luce è un po’ azzardato.

Ma soprattutto colpisce il silenzio su quanto sta succedendo in parlamento sulla legge ‘sfasciaparchi’, il santuario dei cetacei di cui nessuno sa nulla neppure dopo Schettino, l’inquinamento marino, la ripresa delle costruzioni entro i 300 metri dalla costa e tante altre situazioni su cui il ministero dell’ambiente tace e latita da lungo tempo.

E si tratta spesso di questioni che non richiedono neppure risorse finanziare che in più d’un caso non siamo riusciti ad utilizzare.

Gli auspici qui non bastano specie da parte di un ministro.

 
Renzo Moschini

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




18/9/2017 - 23:08

AUTORE:
Bruno Baglini-Cittadino del Parco-

il Galletti dell'UDC e Rutelli dei Verdi Arcobaleno criticano il Partito Democratico, così come se fosse antani anche per lei soltanto in due, oppure in quattro anche scribàcchi confaldina?

Poi Veltroni non si sa, ma come altri delle due minoranze PD dediti più a criticare il loro partito e non a mio avviso per migliorarlo come faceva mio padre per meglio farmi crescere, ma solamente perchè hanno perso il congresso e le primarie aperte.
Della legge "sfasciaparchi" di cui parla Renzo Moschini sinceramente non ne sono a conoscenza e...credo sia una carta segreta del seg. nazionale PD da tirar fuori pochi giorni dalla fine naturale della legislatura per fregare in volata l'altro Matteo con il: te vuoi sfasciare dunniosa? e io di più! oh vediamo mpopò.
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

nb e vedi anche:

+++ Legge Contro gli Ecoreati +++
Terzo appuntamento per spiegare e analizzare meglio i risultati ottenuti durante i Governi del Partito Democratico.

OBIETTIVO
Tutelare l’ambiente e combattere illegalità ed ecomafie.

STRUMENTI
Inasprimento delle sanzioni e raddoppio dei termini di prescrizione.

RISULTATI
In 2 anni: -7% reati ambientali, + 20% arresti, -32% fatturato ecomafie.

INTRODOTTI I NUOVI REATI
La nuova legge ha introdotto nel Codice Penale nuovi reati particolarmente gravi. Disastro ambientale, inquinamento ambientale, impedimento al controllo ambientale, traffico e abbandono di materiali ad alta radioattività ed omessa bonifica. Una risposta positiva alle raccomandazioni dell’Ue che ci ha posto all'avanguardia in Europa con nuovi delitti, inasprimento del quadro sanzionatorio e raddoppio dei termini di prescrizione.

GIRO DI VITE AL BUSINESS MAFIOSO
Introdotta una speciale aggravante legata ai reati commessi dalla criminalità organizzata che ha l’obiettivo di colpire proprio le cosiddette ecomafie. Secondo i rapporti di Legambiente, in Italia ogni anno si registrano circa 30mila illeciti ambientali per un giro di affari stimato di circa 15 miliardi di euro e con circa 300 clan mafiosi coinvolti.

LA NOVITÀ DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO
Caposaldo della nuova legge, in linea con l’idea di una giustizia riparativa, è il ravvedimento operoso e la depenalizzazione negoziata con sanzioni amministrative per le contravvenzioni meno gravi. Previsti sconti di pena per coloro che cooperano per evitare ulteriori danni o che agiscono per bonificare e mettere in sicurezza le aree inquinate. La legge ha portato con sé anche un'azione di deterrenza.

I SUCCESSI DEI PRIMI DUE ANNI
Reati ambientali diminuiti del 7%, arresti aumentati del 20%, fatturato delle ecomafie ridotto del 32%. Questi i risultati contenuti nel rapporto di Legambiente (giugno 2017) a due anni dall'entrata in vigore.