none_o

 

 

Come sono andati due giorni a Bologna con mia figlia, dopo gli impegni universitari, tra una mostra che viene da Parigi, un giardino in Normandia pieno di fiori esotici, una domanda sull’arte, una passeggiata sotto i portici dove una vecchia signora pronuncia una frase che è un programma e una sosta in una storica osteria di fuori porta.

Poverannoi, è andato ormai. Lo usano sulla 7 di .....
. . . che ne capisce più di te. Fattene, anzi fatevene .....
. . . giorni sta prendendo dei punti la Raggi. . . .....
. . . . . . . . . . . . . . . . l'ha capito? La DaD .....
Greenpeace
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
San Giuliano Terme, 31 ottobre
none_a
Vecchiano
none_a
San Giuliano Terme, 23 ottobre
none_a
Marina di Pisa, 24 ottobre
none_a
Molina di Quosa, 25 ottobre
none_a
Teatro Nuovo Pisa
none_a
San Giuliano Terme, 25 ottobre
none_a
Marina di Pisa, 17 ottobre
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      BURRACO!

    Proseguono le attività del Circolo cercando di rispettare tutte le misure anti-Covid. Da venerdi 21 riprendono i tornei di Burraco con una serie di importanti misure di sicurezza tra cui la prenotazione obbligatoria per l'assegnazione del tavolo, norme severe per divertirsi in sicurezza.

    Tutte le notizie sulle attività sul sito FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


di Marlo Puccetti
none_a
la ZONE di Pisa
none_a
CSI – Centro Sportivo Italiano-
none_a
Coppa Toscana Juniores sotto la Torre
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Se non si capiva niente prima, come pretendere che si capisca qualcosa oggi?

Qualcuno dice che non intende usare i 40 miliardi del MES, perché in .....
Lucca, 29 settembre
La difesa dei confini fra Lucca e Pisa nel medioevo:
un itinerario dei sistemi di fortificazione

26/9/2017 - 16:33

 
Si terrà a Lucca nelle sale dell'Auditorium della Fondazione Banca del Monte di Lucca la conferenza dal titolo "La difesa dei confini fra Lucca e Pisa nel Medioevo: verso un itinerario dei sistemi di fortificazione".

L'iniziativa, unica nel suo genere, è organizzata dalle sezioni locali di Italia Nostra Pisa e Italia Nostra Lucca ed è patrocinata dal CISCU, dalla Provincia di Pisa e dalla Provincia di Lucca con  la collaborazione delle associazioni “Salviamo la Rocca” di Ripafratta (Pisa) e “Il Castello” di Nozzano (Lucca).

L'evento si terrà venerdì 29 settembre alle ore 17.00 presso l’Auditorium della Fondazione Banca del Monte di Lucca, in Piazza San Martino 7, Lucca.
 
La conferenza, alla quale sono invitati tutti gli interessati, sarà l’occasione per conoscere i sistemi di fortificazione delle città di Lucca e di Pisa, che si contrapponevano lungo il confine – nello specifico lungo la valle del Serchio –  all’epoca del massima potenza delle due città, nel periodo che va approssimativamente dal X al XV secolo.
Oggi queste fortificazioni di confine possono avere una nuova vocazione: dalla difesa del territorio – per fortuna non più necessaria – alla promozione del territorio posto tra le due città di Pisa e di Lucca, ponendosi in diretta continuità con i sistemi fortificati urbani.
 
Grazie all'intervento di Enrico Romiti, presidente del CISCU, Centro Internazionale per lo Studio delle Cerchia Urbane, sarà possibile riflettere e approfondire alcuni aspetti storici legati a questo territorio di confine dalla peculiare e profonda identità storica. 
 
Nel Medioevo infatti, l'area di frontiera compresa fra i castelli di Nozzano e Ripafratta fu ferocemente contesa fra lucchesi e pisani. Per questo motivo la zona fu interessata da una costante attenzione a garantire un certo grado si difesa dalle aggressioni nemiche. Castelli, fortezze e torri isolate sorsero numerose svettando dalla cima dei colli fino alla piana del fondovalle, alimentando nelle popolazioni che abitavano quella zona l'illusione di quella sicurezza che mai fu pienamente raggiunta.
 
A seguire interverranno le associazioni “Salviamo La Rocca” di Ripafratta e “Il Castello” di Nozzano, associazioni che per prime si sono accorte delle potenzialità delle fortificazioni in termini di promozione del territorio, e che da tempo hanno intrapreso una proficua collaborazione tra loro e con altre realtà dell’associazionismo quali il Gruppo Archeologico Vecchianese e l'associazione La Voce del Serchio.

Salviamo la Rocca è impegnata in una battaglia per salvare la Rocca di Ripafratta e riqualificarla, Il Castello di Nozzano è promotrice di una rievocazione di rilevanza ormai regionale all’interno del borgo castellano.

 

Uno sforzo importante quello delle associazioni, ma che deve essere sostenuto da interventi strutturali, in un’ottica strategica e di sostenibilità, per salvare dalla rovina molti di questi beni storici e metterli in connessione tra di loro in modo da sviluppare la vocazione di attrattore turistico complementare alle due città.


 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: