none_o

La prima foto mostra l’ingresso della pista ciclabile lungo la via del Mare al podere i Leccetti. C’è uno stretto passaggio accanto al cancello chiuso e una stradina che conduce fino all’argine. Qui il ciclista che ha letto Migliarino alla sua sinistra è già in imbarazzo: portarsi sull’argine o seguire la strada a fianco sottostante? L’argine è impraticabile, solo un vialetto sconnesso centrale con erba alta ai lati.....

Le Parole di Ieri
none_a
Ricordo
none_a
Ricorrenza
none_a
Omaggio
none_a
l' altra mattina alle ore 6 ascoltavo il notiziario .....
In viaggio con il PD, dai energia al treno. Puoi .....
Legge cosa gli interessa. . . . quando e su cosa gli .....
. . . . perche? Quando comprate il Corriere della sera .....
Uno sguardo dal Serchio
none_a
di Carlo Delli
none_a
Come cambiano autovelox e multe con il decreto Minniti
none_a
Uno sguardo dal Serchio
none_a
Avane, 28 ottobre
none_a
Castello dei Vicari - Lari
none_a
Arena Metato
none_a
Viareggio.
none_a
Pontasserchio, 14 ottobre
none_a
L’INCIDENTE


Seduti su quei sedili lordati di sangue,
col capo chino, vidi
quella scena orrenda
che mi trafisse il cuore.
Giovani vite spezzate
da .....
Speedy Wash di Gambini Cinzia
Via Mazzini 6 Migliarino Pisano
Aperto dalle 08:00 alle 22:00 tutti
i giorni anche festivi
Tel. 328 4122388

Solo .....
Pisa
I 900 anni della Cattedrale

1/10/2017 - 15:21

 
900 anni e non li dimostra. Nel duomo di Pisa sono stati ricordati i nove secoli trascorsi dalla consacrazione di Papa Gelasio II nel 1118. La cattedrale dedicata a Santa Maria Assunta ieri era piena come non mai. Tutto era iniziato un quarto d’ora prima nel Battistero con le preghiere d’introduzione alla Santa Messa. Poi una lunga scia bianca formata dai sacerdoti della diocesi (era l’unica messa vespertina) ha cominciato a snodarsi verso l’entrata centrale della cattedrale.

In testa l’Arcivescovo Giovanni Paolo che raggiunto il portale bronzeo della scuola del Giambologna ( l’originale fu distrutto nel grande incendio del 1595) lo spingeva aprendo la cattedrale anche al clero e ai fedeli.

La progettazione della chiesa fu dell’architetto Buscheto e la prima pietra fu posta nel 1063 il 25 marzo, data che poi sarebbe entrata nel calendario degli eventi cittadini in quanto coincidente col giorno del “capodanno Pisano”.

Gran parte dei finanziamenti arrivarono dai proventi delle vittorie della gloriosa Repubblica Pisana che in quegli anni solcava i mari come potenza marinara.
 
In questa occasione l’Arcivescovo ha ordinato Diaconi due accoliti del seminario di Pisa Massimiliano Garibaldi della parrocchia di Cascina e Marco Teodosio Giacomino della parrocchia di Ripa in Versilia.

Come ha detto il rettore del seminario Don Francesco Bachi dopo cinque anni di studi e di rigorosa preparazione con l'aiuto di Dio li ha trovati degni di ricevere il diaconato.

L'Arcivescovo, attraverso riti esplicativi, come la vestizione con la stola diaconale e la dalmatica, la consegna del libro dei Vangeli, arrivava a conclusione del rito all'abbraccio di pace.
 
La cattedrale ha ancora all’interno le impalcature dovute ad una straordinaria manutenzione e che ne limitano la visuale.

Magari una migliore valutazione dei tempi d’intervento dei lavori avrebbe permesso, nei giorno di un così importante anniversario, di godere appieno delle linee architettoniche e del magnifico Cristo Pantocratore.

Il vangelo come nelle grandi occasioni veniva letto dal pulpito di Giovanni Pisano e nell’omelia l’arcivescovo Benotto diceva che come la cattedrale ha bisogno di una continua manutenzione anche noi, figli di Dio, abbiamo bisogno di rinnovare la nostra fede con la preghiera e azioni di solidarietà verso i più poveri e emarginati.
 
Con la celebrazione di martedì si è aperto un Anno Giubilare speciale per la chiesa madre di Pisa.

Papa Francesco ha concesso l’indulgenza plenaria a coloro che parteciperanno alle celebrazioni giubilari in programma fino al 26 settembre 2018.

L’indulgenza plenaria viene estesa anche ai fedeli impossibilitati ad intervenire in Duomo ma disposti ad offrire le proprie sofferenze a Dio Misericordioso, accompagnandole con la preghiera.
 
I fedeli dopo il 25 ottobre, potranno avere il privilegio di accogliere in alcune loro parrocchie l’icona della “Madonna di Sotto gli Organi”. La venerata immagine sarà portata  in tutta la diocesi compresa la sosta nella Val di Serchio. 


 
Marlo Puccetti

    

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: