none_o


Ho risistemato la mia vespa PX 150 a miscela. Mi porto sempre dietro l'olio in una tanichetta; vivo come un atto d'eroismo miscelare artigianalmente benzina e olio. Vedessi come i benzinai mi aiutano nel "fabbricare" il carburante. Sono solidali, romantici, tornano anche loro più giovani. Il mezzo è del1982. Un ex meccanico che sapeva dove mettere le mani l'ha rimessa al pezzo e poi è stata tirata al lucido. Ritinta rosso fuoco....

Quando nel / 72 il PCI prese nelle due sezioni migliarinesi .....
Ovviamente è una mia personalissima opinione, contestabilissima, .....
Ecco degli indizi utili: https:/ / youtu. be/ LqezUyIUngw
Li .....
Una cosa non si può dire della nuova legge elettorale .....
Serravezza, 24 gennaio
none_a
San Giuliano
none_a
Domenica 21 Gennaio
none_a
“Agorà

RACCONTARE
none_a
Pisa, 18 gennaio
none_a
Vecchiano
none_a
CSI Pisa
none_a
CSI
none_a
Vecchiano
none_a
Tornando vella sera dalla fiera
La mì moglie a casa mi viense a mente
Grassa pallata dice brutta gente
Linguacce malidette da galera

Certo pasta .....
IL GIORNO 18 GENNAIO DALLE ORE 16. 30 ALLE ORE 18. 30 LE INSEGNANTI ACCOGLIERANNO TUTTI I GENITORI PER VISITARE LA SCUOLA IN OCCASIONE DELLE ISCRIZIONI .....
Le Parole di Ieri
Da Sega a Sereno

12/10/2017 - 17:53

SEGA
Lett: SEGA. [Strumento per dividere in due un legno o sim. facendovi penetrare con moto alternato avanti e indietro una lama dentata di acciaio].
Forse da questo moto alternato deriva, in Toscana, la definizione della pratica masturbatoria.
E’ forse una delle  parole volgari più utilizzate, ritrovandosi in innumerevoli e comuni modi di dire: “m’importa una sega”, “fare una sega”, “vedere una sega”, “mangiare una sega”, può trovare posizione accanto ad ogni verbo dando a tutti una connotazione negativa, di piccola quantità, inezia, minuzia, di poco o niente.
Sai ‘na sega tu… di ciò!” era un curioso modo di dire, una specie di scioglilingua, che si usava negli anni ’70 per parafrasare e canzonare un certo modo di parlare forbito.
Dalla parola sega deriva l’aggettivo segaiolo con cui era indicata una persona minuta, forse perché abusante della pratica in oggetto, ma “’gnorante”, nel senso dialettale del termine e quindi non “ignorante” nel senso che ignora ma “’gnorante” nel senso di litigioso, piccaccino, attaccabrighe, insofferente.
Segaiolo o segantino era anche detto un bambino che cresceva poco, e quindi minuto, per mancanza d’appetito o comunque per insufficiente alimentazione.
Da sega deriva segata che ha un significato particolare in quanto unisce alla sensazione di una cosa sbagliata, fatta male, il senso della minuzia: un errore, ma di poco conto.
Significato minore che invece non assumono i sinonimi cazzata e cavolata che stanno ad indicare solamente il fatto di aver commesso un errore.
  
Aneddoto.
Un nostro concittadino di soprannome Cinzia e non ancora emigrato beccava verso San Giuliano.
Un giorno eravamo alla locale Stazione ed avevamo caricato le ragazze.
Dopo i saluti ed i convenevoli decidiamo di andare.
Cinzia allora controlla lo specchietto dell’auto ed allunga una mano, per sistemarlo meglio:
Con questa macchina di mio padre...” inizia a dire, di "spizzico" (le ragazze lo hanno sempre un po’ imbarazzato!). Tutti noi ci blocchiamo e lo guardiamo stupefatti, increduli “.…’un ci vedo ‘na sega” , si rende conto e si riprende, meno male!
 
SEMENZINA
Lett: SEMENZINA. [Sementina. Seme dell’assenzio. Seme santo].
In dialetto con il termine semenzina si voleva indicare invece un chiodo molto piccolo, un chiodino.
Forse la similitudine fra le due cose era rappresentata semplicemente dalle loro piccole dimensioni.
 
SENSO
Lett: SENSO. [Facoltà di sentire, apprendere dell’animo].
In dialetto fare senso aveva invece il significato di “fare impressione”.
Una sensazione che potremmo definire come ribrezzo, disgusto, qualcosa di soggettivamente spiacevole che poteva riguardare indifferentemente tutti i nostri sensi.                                                                                                                                                               
SERENO
Lett: SERENO. [Chiaro, puro, sgombro di nuvole].
In dialetto con sereno si intendeva anche la rugiada, l’umidità della notte.
Si dice che il vino che ha preso il sereno sia più buono di quello di frigorifero, che i lenzuoli e le coperte di lana siano più morbide mentre guai a lasciare al sereno i funghi, i pomodori e il granturco messi a seccare al sole. 

 

FOTO:

Per salvare dall'inondazione la città di Pisa viene aperta una falla sull'argine destro del fiume Serchio a Nodica, in località Coronella. E'il 19 novembre del 1952.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: