none_o

Una quarantina di anni fa, rientrando sporadicamente dalla residenza in nord Italia, per visite parentali e reimmergermi nelle acque locali, dove un grande Alessandro sciacquava solitamente i panni il secolo precedente, non appena valicato l’Appennino, mi rendevo conto di quanto siamo “ghiozzi”, pesanti, a volte grevi, blasfemi, volgari, bischeri e sciamannati noi toscani! Man mano che mi avvicinavo a Vecchiano, avvertivo sempre più chiaramente ....

Il Diario di Trilussa
none_a
Storia
none_a
Compleanno
none_a
I 10 anni della Voce
none_a
Ho fatto caso, è da tempo che il sig. Bertelli predilige .....
Sig. Gori si calmi , la troppa foga le può fare .....
Continuo a sentire politici “sinistroidi” (d'alema .....
Vorrei ringraziare pubblicamente i Senatori che con .....
San Giuliano Terme
none_a
ANIMALI CELESTI
none_a
Migliarino
none_a
Soci Unicoop
none_a
Primaziale Pisana, conf stampa
none_a
Tornando vella sera dalla fiera
La mì moglie a casa mi viense a mente
Grassa pallata dice brutta gente
Linguacce malidette da galera

Certo pasta .....
Causa trasferimento abitazione, vendiamo mobili usati in ottimo stato.
Visibili a Nodica, comune di Vecchiano.

cinzia. mantellassi@ virgilio. .....
none_o
Lavori al “nero”

22/11/2017 - 9:28



 
I raccoglitori di olive.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




22/11/2017 - 13:11

AUTORE:
Ganimede

Belli piumosi ingordi
cicciuti famelici tordi
che degli oliveti fate razzia,
condividere cibo in compagnia
è un'abitudine antica e moderna:
quando ce n'è in abbondanza
si rispetta volentieri l'usanza
quando scarseggia o ce n'è poco
ciascuno si attizza il suo fuoco
si siede alla chetichella al tavolino
e riempie di nascosto il suo pancino!

22/11/2017 - 11:46

AUTORE:
Lory

Dalla colorazione direi che sono "merlesse", ma siccome è poco probabile che soltanto le femmine dei merli vadano a saziarsi con le olive fresche, allora deduco che siano tordi.
Pancia mia fatti capanna! Fino a primavera avranno cibo a iosa perché quelle superstiti maturano gradatamente e nessuno ormai va più a raggranellare, cioè a ripassare gli uliveti dopo la grande raccolta.
La mia mamma faceva concorrenza agli uccelli e quando cucinava spezzatino o pietanze in umido, se le procurava di volta in volta belle polpose mature e succulente, magari amarognole ma decisamente appetitose!