none_o


Ho risistemato la mia vespa PX 150 a miscela. Mi porto sempre dietro l'olio in una tanichetta; vivo come un atto d'eroismo miscelare artigianalmente benzina e olio. Vedessi come i benzinai mi aiutano nel "fabbricare" il carburante. Sono solidali, romantici, tornano anche loro più giovani. Il mezzo è del1982. Un ex meccanico che sapeva dove mettere le mani l'ha rimessa al pezzo e poi è stata tirata al lucido. Ritinta rosso fuoco....

Le Parole di Ieri
none_a
Personaggi
none_a
Ricordo
none_a
I 10 anni della Voce
none_a
Tranquillo che io sono informatissimo sia sull'offerta .....
. . . sordo di chi non vuol sentire,
e non c'è .....
. . . era molto tempo che non visitavo questo forum .....
Vedi Bruno basta poco per svegliare i moribondi della .....
San Giuliano
none_a
Domenica 21 Gennaio
none_a
“Agorà

RACCONTARE
none_a
Pisa, 18 gennaio
none_a
Comitato Carnevale Vecchianese
none_a
Vecchiano
none_a
CSI Pisa
none_a
CSI
none_a
Vecchiano
none_a
Tornando vella sera dalla fiera
La mì moglie a casa mi viense a mente
Grassa pallata dice brutta gente
Linguacce malidette da galera

Certo pasta .....
IL GIORNO 18 GENNAIO DALLE ORE 16. 30 ALLE ORE 18. 30 LE INSEGNANTI ACCOGLIERANNO TUTTI I GENITORI PER VISITARE LA SCUOLA IN OCCASIONE DELLE ISCRIZIONI .....
none_o
"L'eterno...vecchianino"
di Robinson

11/12/2017 - 10:24

Una quarantina di anni fa, rientrando sporadicamente dalla residenza in nord Italia, per visite parentali e reimmergermi nelle acque locali, dove un grande Alessandro sciacquava solitamente i panni il secolo precedente, non appena valicato l’Appennino, mi rendevo conto di quanto siamo “ghiozzi”, pesanti, a volte grevi, blasfemi, volgari, bischeri e sciamannati noi toscani!
 
Man mano che mi avvicinavo a Vecchiano, avvertivo sempre più chiaramente l’inflessione vernacolare nella parlata dalla fonetica familiare, gli sdruccioloni grammaticali, le scivolate e le omissioni delle “c”, bandite o trascinate nei colloqui in maniera via via più netta, che approssimandomi alla mèta, mi davano conto e misura della riduzione delle distanze dalla terra natale…
 
Come il dottor Jekyll muta evolvendo nel suo alter ego mr. Hide, …. avendo però il tempo di riappropriarmi nel lento viaggio in treno, di questo patrimonio culturale e affettivo, che mi è particolarmente caro…
 
Arrivato al paesello, ero in grado di rimasticare la mia toscanità, facendo riemergere con il dialetto, le profonde radici identitarie, riaggregandomi alla realtà locale, e abusandone con gusto senza ritegno…
 
Riallineandomi agli stereotipi e ai conformismi ancestrali e di nascita, godendone come un maiale che si tuffa con voluttà nel suo truogolo… lasciandomi scappare solo pochi “ò basta là”…. “Basta parein” … ed “emmò” cisalpini….
 
La sorpresa che mi lasciava interdetto non consisteva nell’avvertire estranea ed aliena, un’eredità ed una cultura straordinarie, parte integrante e sorgiva di un modo di essere, riflesso del peculiare e straordinario carattere dei toscani, ma dal rendermi conto, riuscendo ad apprezzarne lo spessore delle discrasie e singolarità originali di quanto possano apparire tali, ad altri….
 
In altre parole di come non si rendano conto gli interessati, piegati e assorti nel loro quotidiano, di quanto sia originale ed irripetibile, unico e diverso da ogni altra fattispecie, il loro contributo ed interazione con l resto del mondo, un po’ come chi ha l’abitudine di tenere cani e gatti in casa non si rende più conto del loro odore che le impregna, se non dopo un congruo periodo di assenza….
 
Un carattere ed un modo di porsi, che sono il risultato di millenni di storia e di un nobile, quando non glorioso, drammatico, straordinario passato, in cui affondano radici salde e articolate…
 
I vecchianesi, che qui identifico semplicisticamente con tutti i corregionali, con una forzatura poco rispettosa dell’animosità campanilistica e fierezza di appartenenza, in contrapposizione fra luoghi spesso limitrofi, quale ingrediente e cifra inconfondibile e irrinunciabile della toscanità stessa, sono litigiosi, teste calde, permalosi, arroganti e fieri…
 
Ma anche insofferenti, irrispettosi, anarchici, ribelli, liberi, indipendenti---
 
Ed hanno anche il pregio di essere schietti, diretti, sarcastici più che ironici, concreti più che fumosi, sinceri invece che pietosi, irridenti e non accomodanti adulatori, negandosi al ruolo di lacchè…
 
Sebbene un’analisi antropologica  sia una cosa seria e complessa, non esauribile in poche battute, o trattabile con poche righe frettolose, mi rendo conto che come ogni argomento o indagine complessa, si possa evincere con l’individuazione di pochi tratti e propensioni caratteriali, l’anima e l’essenza intima dei popoli, con un giudizio anche approssimativo dei caratteri dominanti evidenti, che ne rivelano miserie e grandezze, ne spiegano incoerenze, ne scoprono vulnus e lacune o possibili latenze…
 
Come nelle barzellette dove un verdetto di merito assegna a ciascuno il suo rango ed il ruolo nella comunità, misurandolo con il paragone della prospettiva della sensibilità personale…
 
C’erano un americano, un inglese e un tedesco, nonché un francese e un italiano….
L’americano sarà un innovatore, un paladino delle scoperte, un novello pioniere, a caccia di nuove frontiere in ogni campo, si preoccuperà di creare le condizioni e l’ambiente ideale e fecondo alle scoperte, alle novità e al ricambio continuo del pensiero e prospettive, creando stimoli e ponendosi obbiettivi ambiziosi….
 
L’inglese sarà sensibile al nuovo, mantenendo però un piede nella tradizione, non vorrà rinunciare a sviluppare un pensiero originale e all’avanguardia, calibrandolo su esperienze e tradizioni del passato, raggiungendo spesso sintesi di rara efficacia e utilità… e precedendo gli altri in un continuo aggiustamento del tiro e adeguamento alla realtà…
 
Il tedesco sarà animato da ferrea solidarietà con la comunità, zelo e serietà di approccio con ogni situazione, determinazione e volontà, spirito di sacrificio ed abnegazione, stoicismo eroico, senso del dovere, un certo grado di ingenuità…
 
Il francese sarà nazionalista e sciovinista, devoto e fiducioso nello stato, brillante e cartesiano, sistemico e pragmatista, un po’ maniacale nelle esibizioni di temperamento e forza…
 
L’italiano, sospettoso, individualista, fatalista, emotivo, scoraggiato, ma pieno di risorse ed ingegno, spirito di adattamento e affabulatore  improvvisatore…
 
il vecchianese, sarà immediatamente distinguibile in quanto polemico, chiaccherone gratuito, ciarliero, impaccioso e curioso, ficcanaso spara sentenze, incline alla frequentazione delle panchine di piazza Garibaldi, usate come scranno e pulpito delle proprie capacità critiche e oratorie, velleità da intrattenitore ed esercizio nel pettegolezzo, che alimenta malelingue in infinite discussioni, indiscrezioni e illazioni da bar….   
 
 
Però, in fondo si critica ciò che si ama e anche un atteggiamento di interesse morboso, testimonia vicinanza e affetto, coesione  ed empatia…
 
Preferibili ad algido distacco e olimpico disinteresse…
 
Se non esistessero, i vecchianesi andrebbero inventati!!!... anche se qualcuno probabilmente li giudica simpatici come la “rena” nelle mutande del costume, in spiaggia…

 

Foto.

Neve al mare, anno 1974

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




11/12/2017 - 14:17

AUTORE:
Ultimo

........... sei un vecchianese nell'anima e la lontananza, per un certo periodo, ti è stata certamente di aiuto nel confrontare i pregi e i difetti nostri con quelli degli altri. Direi che i nostri difetti sono pregi camuffati e il sarcasmo è la nostra anima che si palesa senza ritegno. Piazza Garibaldi è un ritrovo, forse unico, per parlare a ruota libera senza scandalizzare nessuno, dove la rozzezza è di casa. E' stato piacevole leggerti .......... mi hai fatto sentire un vecchianese che se non lo fosse vorrebbe esserlo. ......... Ultimo.