none_o


Ho risistemato la mia vespa PX 150 a miscela. Mi porto sempre dietro l'olio in una tanichetta; vivo come un atto d'eroismo miscelare artigianalmente benzina e olio. Vedessi come i benzinai mi aiutano nel "fabbricare" il carburante. Sono solidali, romantici, tornano anche loro più giovani. Il mezzo è del1982. Un ex meccanico che sapeva dove mettere le mani l'ha rimessa al pezzo e poi è stata tirata al lucido. Ritinta rosso fuoco....

Le Parole di Ieri
none_a
Personaggi
none_a
Ricordo
none_a
I 10 anni della Voce
none_a
Tranquillo che io sono informatissimo sia sull'offerta .....
. . . sordo di chi non vuol sentire,
e non c'è .....
. . . era molto tempo che non visitavo questo forum .....
Vedi Bruno basta poco per svegliare i moribondi della .....
San Giuliano
none_a
Domenica 21 Gennaio
none_a
“Agorà

RACCONTARE
none_a
Pisa, 18 gennaio
none_a
Comitato Carnevale Vecchianese
none_a
Vecchiano
none_a
CSI Pisa
none_a
CSI
none_a
Vecchiano
none_a
Tornando vella sera dalla fiera
La mì moglie a casa mi viense a mente
Grassa pallata dice brutta gente
Linguacce malidette da galera

Certo pasta .....
IL GIORNO 18 GENNAIO DALLE ORE 16. 30 ALLE ORE 18. 30 LE INSEGNANTI ACCOGLIERANNO TUTTI I GENITORI PER VISITARE LA SCUOLA IN OCCASIONE DELLE ISCRIZIONI .....
di Renzo Moschini
La politica ambientale va corretta

1/1/2018 - 16:12

La politica ambientale va corretta
E non mi riferisco solo a quella di Galletti.
E’ anche  quella del governo e del Pd che va corretta prima del voto del 4 marzo ed anche delle varie elezioni amministrative se non vogliamo pagarci dazio come ci è accaduto già in diversi comuni toscani.
Non possiamo permetterci un nuovo parlamento che legiferi o ci provi come è avvenuto negli ultimi anni con i parchi,  il consumo del suolo e molto altro ancora.
Alla base di tutto non c’è solo il referendum che non ha riformato le istituzioni ma le ha solo penalizzate e sgangherate ulteriormente al centro come in periferia. C’è la rinuncia a considerare i beni comuni come i parchi, il territorio, le coste, il mare, i fiumi quale patrimonio del paese e non un fardello di cui lo stato e le istituzioni devono scaricarsi a vantaggio del privato con gli effetti che sono sotto gli occhi di tutti.
Da qui era partita la Prestigiacomo con i parchi e la bozza di legge fortunatamente poi naufragata. Ma la stessa sorte hanno seguito altri comparti nonostante le indimenticate battaglie dei vari Stefano Rodotà.
Ora se vogliamo uscire e alla svelta dai rafani –visto che il tempo è pochissimo-dobbiamo innanzitutto riuscire a rimettere in sintonia le forze della sinistra che in parlamento –e non solo-in questi ultimi anni hanno solo litigato. Se andremo alle elezioni politiche continuando questa solfa potremo poi solo polemizzare per affibbiarci le colpe della solita tranvata.
Vale non di meno per le elezioni comunali e regionali.
A Pisa come a Siena , sulla costa toscana come sulle Apuane. Finora l’agenda  ambiente è tutt’altro che soddisfacente. Scarsa quando non del tutto assente lo è purtroppo in varie situazioni. Eppure su questo territorio come in Versila o nel livornese –vedi Arcipelago- i guai non mancano specie dopo l’approvazione della legge Delrio. Rimandiamo tutto al dopo come a Cascina?
Renzo Moschini
 

 

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




1/1/2018 - 19:34

AUTORE:
Curioso

A Cascina, ora, cosa sta facendo Alessio Antonelli?