none_o


La quantità di anidride carbonica che quotidianamente le attività terrestri riversano nell'atmosfera ha ormai raggiunto livelli tali da cui sarà arduo, se non impossibile, tornare indietro, in mancanza di adeguate politiche economiche che prendano seriamente in considerazione questo problema, nonostante i continui appelli degli scienziati sulla salvaguardia del clima.

Arpat Toscana
none_a
Migliarino
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Sistena Nazionale per la Protezione dell'Ambiente
none_a
. . . . . . . . . . . nell'immediato dopoguerra a .....
Dispiace vedere che la Voce pubblichi commenti imbecilli .....
Ma il MONGOLINO D'ORO, il PD lo ha vinto a mani basse. .....
Siamo forti! Abbiamo vinto! Alè! Hip hip! Bravi!. .....
Cinema Lumiere
none_a
Pisa, Presentazione del libro
none_a
Il Fortino,Marina di Pisa,23 marzo
none_a
Pontasserchio, 22 marzo
none_a
Vecchiano 29 marzo
Progetto Libri
none_a
Calci, 23 marzo
none_a
none_a
NICOSIA-Festa di Primavera.
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Partite Pisa A.C.

    Si avvertono i Soci che il Circolo trasmetterà in chiaro tutte le  partite dell'Associazione Calcio Pisa, sia in casa che in trasferta. Prossima partita Piacenza-Pisa domenica 30 settembre. 


  • Circolo ARCI Migliarino

      Cercasi operatori

    Il  Circolo ARCI Migliarino che gestisce la Ludoteca Comunale in versione estiva presso l'Oasi Dunadonda cerca personale qualificato per il perido di luglio e di agosto. Gli interessati possono inviare una mail alla posta del Circolo   arcimigliarino@gmail.com. Vedi sotto.


  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Val di Serchio
none_a
2018/2019 fase interprovinciale.
none_a
Pappiana
none_a
Pisa Beach Soccer
none_a
Nel germoglio di un'amore
C'e' il sorriso
della vita
Ed il tremito dei sensi
Che prelude a nuovi voli

E' la
danza di una fiamma
Che accarezza .....
. . . . . . . . . . . . . . un fatto accaduto quando andavo ancora alle elementari e che ricordo ancora molto bene. . . . . . Ebbene nell'ultimo banco .....
UNICOOP FIRENZE APPLICA IL PREZZO MINIMO DI 1 CENTESIMO PER I SACCHETTI ULTRALEGGERI PER ALIMENTI SFUSI
UN CENT PER L’AMBIENTE

3/1/2018 - 17:17

                                                                      
UN CENT PER L’AMBIENTE: UNICOOP FIRENZE APPLICA IL PREZZO MINIMO DI 1 CENTESIMO PER I SACCHETTI ULTRALEGGERI PER ALIMENTI SFUSI 

 


Unicoop Firenze applica il prezzo minimo per i sacchetti per ortofrutta, macelleria e pescheria già in uso dallo scorso maggio e si accollerà più della metà del costo
 
 
Dal 1 gennaio 2018 sacchetti bio a 1 centesimo per i prodotti sfusi dell’ortofrutta, i prodotti serviti al banco carne e al banco pesce e per le richieste di soci e clienti in cassa.
Questo il prezzo fissato da Unicoop Firenze che, di fronte al nuovo obbligo di legge, ha deciso di applicare ai sacchetti cifra più bassa possibile, che copre solo una parte del costo effettivo,, per ridurre al minimo il disagio di soci e clienti, spingendo così anche catene concorrenti a praticare lo stesso prezzo.
I sacchetti per i reparti freschi non sono in realtà una novità per Unicoop Firenze che già da maggio 2017, ha provveduto alla completa eliminazione delle buste tradizionali e all’introduzione del Mater Bi di ultima generazione anche nei reparti sfusi: in anticipo rispetto agli obblighi di legge e facendosi carico dell’intero costo, la Cooperativa ha infatti introdotto i sacchi leggeri e ultraleggeri utilizzati per il trasporto di merci e prodotti di gastronomia, macelleria, pescheria, ortofrutta e panetteria, biodegradabili e compostabili, con un contenuto minimo di materia prima rinnovabile di almeno il 40%.
 
La legge
La legge entrata in vigore dal 1° gennaio del 2018 è l’articolo 9-bis della legge di conversione n. 123 del 3 agosto 2017 (il Decreto Legge Mezzogiorno) che stabilisce che «le borse di plastica non possono essere distribuite a titolo gratuito e a tal fine il prezzo di vendita per singola unità deve risultare dallo scontrino o fattura d’acquisto delle merci o dei prodotti trasportati per il loro tramite». Per gli esercizi commerciali che non applicheranno la nuova norma sono previste multe che vanno da 2.500 a 25.000 euro. Ma le sanzioni possono arrivare anche fino a 100.000 euro in caso di «ingenti quantitativi» di buste fuorilegge.
Di fronte alle richieste di soci e consumatori di portare da casa o riutilizzare buste proprie per i prodotti freschi, è di nuovo la legge a dare risposta: con una circolare il ministero dell'Ambiente ha già fatto sapere che, per motivi igienici, i sacchetti non potranno essere portati da casa o riutilizzati. Naturalmente è prevista la possibilità alla cassa di togliere il centesimo se il prodotto non è imbustato.
 
Per i consumatori
L’Osservatorio di Assobioplastiche, che ha svolto una prima ricognizione di mercato della grande distribuzione relativamente al prezzo dei sacchetti biodegradabili e compostabili, stima che il consumo di sacchi per ortofrutta e per il cosiddetto secondo imballo (quello dei prodotti che prima vengono incartati, come carne, pesce, gastronomia, panetteria) si aggiri complessivamente tra i 9 e i 10 miliardi di unità, per un consumo medio di ogni cittadino di 150 sacchi all'anno.

Secondo i dati dell'analisi Gfk-Eurisko presentati nel 2017 le famiglie italiane effettuano in media 139 spese all'anno nella Grande distribuzione. Ipotizzando che ogni spesa comporti l'utilizzo di tre sacchetti per frutta/verdura, il consumo annuo per famiglia dovrebbe attestarsi a 417 sacchetti, che al costo un centesimo applicato dalla Cooperativa, si traducono in 4,17 Euro l’anno.
 
L’impegno di Unicoop Firenze
 
Quello che per molti è una novità di oggi, per Unicoop Firenze è una scelta che risale addirittura al 2009, quando Unicoop Firenze ha scelto i sacchetti biodegradabili al posto degli shopper tradizionali alle casse. Una decisione che, in termini ambientali, in otto anni ha prodotto numeri di successo.

Oggi il 70% dei clienti Unicoop Firenze ha imparato a usare borse riutilizzabili. Inoltre, dal 2009, la Cooperativa ha di fatto prodotto e fatto produrre 4900 tonnellate in meno di rifiuti di plastica e ha emesso nell'ambiente 3000 tonnellate di anidride carbonica in meno rispetto a quanto sarebbe successo in assenza di queste scelte ecosostenibili. L’introduzione del Mater-Bi per l’ortofrutta invece è cominciata nel 2012 con la sperimentazione in alcuni punti vendita e dal 2014 hanno i sacchetti compostabili tutti i punti vendita di Unicoop Firenze.
 
 Firenze, 3 gennaio 2018                                                                                                          Ufficio Stampa
 

 
 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




5/1/2018 - 12:00

AUTORE:
Filù

Ad una riunione con Geofor ci dissero che potevamo utilizzarli.

4/1/2018 - 15:41

AUTORE:
Lucia

I sacchetti si possono utilizzare come biodegradabili anche con l'etichetta in carta da indifferenziata?

3/1/2018 - 21:21

AUTORE:
Filù

A parte il fatto che questo tipo di sacchetti sono fragili e quindi non adatti al riutilizzo , spero che il doversi comprare il sacchetto diventi un deterrente per prenderne soltanto la quantità che serve e non come ho visto fare finora che ne venivano strappati in eccedenza e poi abbandonati nei carrelli e un po' dappertutto permettendo al vento di disperderli ovunque.