none_o


Con una ricerca dell'Università di Washington, che può considerarsi la prima ad essere indirizzata sull'argomento, si è riusciti a riprodurre mediante un processo computerizzato, il movimento di fibre microplastiche nell'ambiente.  Lo studio è stato pubblicato nel numero di novembre della rivista Advances in Water Resource...

Pubblica Assistenza- Migliarino
none_a
Migliarino-Pubblica Assistenza
none_a
Metato - Pubblica Assistenza
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
. . . con il democristiano Prodi Romano e. . .
. .....
Ma non è meglio che vi facciate un vostro partitino, .....
Scrive un amico, il congresso Pd, o si fa bene o .....
Vota Renzi
Aspetta solo i vostri voti per continuare .....
FIAB-Pisa
none_a
"Nati per leggere" a San Giuliano
none_a
Piante e giardini
none_a
Teatri della Resistenza
none_a
Pisaciclabilenotizie
none_a
“IncontriAMO Marina”
none_a
IL FORTINO
none_a
Circolo Arci di Nodica,
none_a
Teatro Vittoria, Cascine di Buti
none_a
San Giuliano, 2 dicembre
none_a
LICEO ARTISTICO RUSSOLI PISA
none_a
Filettole, 1 dicembre
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Partite Pisa A.C.

    Si avvertono i Soci che il Circolo trasmetterà in chiaro tutte le  partite dell'Associazione Calcio Pisa, sia in casa che in trasferta. Prossima partita Piacenza-Pisa domenica 30 settembre. 


  • Circolo ARCI Migliarino

      Cercasi operatori

    Il  Circolo ARCI Migliarino che gestisce la Ludoteca Comunale in versione estiva presso l'Oasi Dunadonda cerca personale qualificato per il perido di luglio e di agosto. Gli interessati possono inviare una mail alla posta del Circolo   arcimigliarino@gmail.com. Vedi sotto.


Pappiana
none_a
Pappiana
none_a
Campionato provinciale di seconda categoria
none_a
Giovanissimi B girone A
none_a
Ancora dormi accanto a me
ogni sera più di dieci lustri ormai,
stringi la mia mano nella tua
vuoi essere sicura amore mio,
che ti sono accanto .....
RISOLVE :
- UMIDITA’ NELLE MURATURE
- RISANAMENTO DEL CALCESTRUZZO DEGRADATO
- IMPERMEABILIZZAZIONE DI :
. TERRAZZE E TETTI
. VASCHE IN C. A. .....
none_o
"2018"
di Robinson

7/1/2018 - 17:03

 

Addio al vecchio et horribilis 2017, ben venga il nuovo 2018.
 
 Auguri a tutti quanti, in un rito che è esiziale e irrinunciabile, anche se può apparire stanco, superficiale, perfino stucchevole banale o insincero, in definitiva inutile e ridondante….
 
Alla fine anche il terribile 2017 se ‘è andato con i suoi carichi di disgrazie, sciagure ed eventi disastrosi, attentati terroristici, tragedie epocali, eventi climatici estremi.
 
 Si fa avanti il nuovo anno, generalmente ben accolto ed invocato da tutti con beneficio di inventario e fino a prova contraria…  ma la cui unica attrattiva e grande pregio consiste nell’essere ancora vuoto e indefinito, un libro con pagine intonse, un futuro prossimo e alla concreta portata, di cui poter scrivere i capitoli, perché non ancora editi, un opportunità preziosa per non ripetere sbagli e reiterare comportamenti dimostratisi fallimentari in passato….
 
È questo che costituisce il suo appeal, la possibilità che ci è data di proseguire il nostro percorso esistenziale facendo tesoro dell’esperienza maturata,  e poter evitare non gli insuccessi imponderabili e gli errori in assoluto, ma almeno quelli conosciuti  ed emendabili che dipendono dai nostri comportamenti, sofferti sulla nostra pelle…
 
Intendiamoci!... non c’è bisogno di aspettare il nuovo anno per correggersi, non è necessario mutare gli atteggiamenti buttando il vecchio calendario, la necessità di cambiare registro non è legata a riti esoterici o particolari congiunzioni astrali,….
 
È sempre possibile adottare scelte virtuose o anche solo efficaci, quando urge la contingenza…
 
ogni momento è buono per correggere la rotta, aggiustare il tiro, o cambiare abitudini in modo radicale o anche fare il punto e convincersi che non è il caso, ma ci vuole un confine un arco temporale, un pretesto per fare bilanci ed esaminare lo stato aggiornato delle cose, rendersi conto che gli sforzi e le risorse impiegate ed il modus operandi non è stato proficuo o ha sortito  risultati non all’altezza delle aspettative..
 
…è questo il valore di questi giorni, stabilire uno spartiacque simbolico, ma potente, un confine arbitrario quanto aleatorio, artificiale e impalpabile, ma reale, un avvertimento ed un richiamo alla realtà non ignorabile, un campanello di allarme che ci scuote e sprona a provvedere.
 
come il tempo che  è arbitro e insieme misura della nostra consapevolezza vitale, dando corpo alla percezione di noi stessi e uno spessore al nostro repentino passaggio terreno, e che passa inesorabile. Ma per assurdo è presente e anche dietro l’angolo, ma inafferrabile, nessuno sa come definire o cosa sia…
 
…certo è misura e il metro di tutta la nostra esistenza e prosaicamente è la dimensione di una delle grandezze fondamentali dell’universo…
 
apprezzato sull’intervallo che si definisce nel periodo che la terra impiega nel fare una rivoluzione completa attorno al sole, con i relativi sotto multipli, ma perché proprio quello e non adottare altri termini di paragone?
 
Sarebbe legittimo anche utilizzare il periodo che separa le apparizioni  della cometa di Halley, oppure il moto delle maree, o il decadimento impiegato dal materiale fissile  per degradare  la radioattività’…
 
ma non servirebbe a nulla, perché è lo stesso concetto di tempo a sfuggirci, pur essendo un carattere   esiziale, che misura e definisce la nostra esperienza vitale.
 
Anzi il fattore principale della nostra capacità cognitiva permeando la nostra sopravvivenza. dandoci cognizione del carattere provvisorio ed evanescente della nostra coscienza identitaria e con essa, del bene più prezioso di cui disponiamo, cioè la vita—
 
il tempo definisce priorità e comportamenti, stabilisce prospettive e personalità. Induce inclinazioni, gusti e propensioni, favorisce   emozioni,,,,
 
provoca angoscia e urgenza di vivere, genera  consapevolezza della nostra finitezza e ci carica di speranze e aspettative, desideri e talenti diversi, da consumarsi nell’arco di vita concesso a ciascuno, creando santi o criminali.
 
Lo stesso concetto di bene e male, viene plasmato dalle urgenze temporali, facendo la differenza tra la vita e l’inerzia della pura materia,,,
un minerale, amorfo e non consapevole di se, inanimato e non reattivo, non interagisce e non  si adegua, semplicemente sussiste indifferente alle sue sorti, magari si trasforma e cambia il suo stato, ma certo non festeggerà o aspetterà con ansia il nuovo anno, perché la materia non si crea e non si distrugge, semplicemente esiste, al massimo si trasforma,  indifferente a tutto, esente da esecrazione o encomi, al bene e al male e al tempo per lei algido ed assente, che non passa mai..

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




8/1/2018 - 9:22

AUTORE:
Oren

Nessuno può realmente cambiare qualcosa contando soltanto sulle proprie forze, e questo è sfiancante e deprimente. Ogni cosa "matura" quando una serie di circostanze diventano favorevoli oppure quando succede qualcosa di irreparabile e assolutamente indipendente dalla singola volontà: e forse è bene così!
Speranze illusioni aspettative scemano col passare dei mesi e col passare degli anni di San Silvestro in Capodanno fino a quando il cerchio della nostra esistenza si chiude, e come quello che si forma sul pelo dell'acqua, tutto poi torna inesorabilmente piatto.
Ad ogni funerale ci troviamo involontariamente a fare il bilancio della vita del defunto comparandola un poco con la nostra, e ci ripromettiamo di "lavorarci" su alacremente, ma poi...inesorabilmente...
Cari indovini e chiromanti smettetela di dire ovvietà o semplici deduzioni, anche la vostra sfera di cristallo alla fine risulta, come sempre, opaca e illeggibile!