none_o


Dopo la solita razione di catastrofi ingurgitata nei telegiornali, insieme ad altre notizie nefaste, scorso l’elenco di malversazioni, truffe, omicidi, scontri, annunci eclatanti e dichiarazioni preoccupanti, rilasciate in libertà, da politici volponi, in campagna elettorale, sbirciato la lista delle previsioni economiche apocalittiche, sorbito le analisi pessimistiche a dir poco, sui futuri fenomeni e sviluppi sociali ....

Anniversario
none_a
I 10 anni della Voce
none_a
Il Diario di Trilussa
none_a
Le Parole di Ieri
none_a
Ha detto bene Renzi, nelle persone comuni molti sono .....
Il movimento 5*, ha perso il controllo dei suoi parlamentari, .....
. . . . . . . . . . . . che vinca centro-destra o .....
A Berlusconi e Salvini piace Trumpete….

Quando .....
Lungomonte Pisano, 20 febbraio
none_a
Verso le elezioni politiche
none_a
Verso il 4 marzo
none_a
FORZA VECCHIANO
none_a
di Mario Lavia - Dem PD
none_a
Le foto di Luigi Polito
none_a
Curiosando
none_a
Accadde Oggi
none_a
Curiosità
none_a
Pisa
none_a
Pisa, 25 febbraio
none_a
Marina di Pisa
none_a
Cascina, 17 febbraio
none_a
Pisa, 15 febbraio
none_a
Tornando vella sera dalla fiera
La mì moglie a casa mi viense a mente
Grassa pallata dice brutta gente
Linguacce malidette da galera

Certo pasta .....
Racconto
di
Michele Baglini
Viareggio via G. Verdi, 2008 VIAREGGIO (Lucca)
tel. 0584-30636

. . . . . . . . . . . dal 1915

Mi è sempre .....
Forza Italia Pisa
Litorale pisano: “e’nova!”

17/1/2018 - 19:38


Litorale pisano: “e’nova!”


Ci risiamo. Basta una forte mareggiata, peraltro, annunciata dal servizio di allerta, e  Marina di Pisa si trova di nuovo in ginocchio. Strade allagate, pietraglia e sassi sul lungomare, con grave disagio e danni. Una situazione già vissuta nel recente passato, ma evidentemente ancora irrisolta, che ripropone il fenomeno erosivo della costa pisana.  Non bastano, infatti, le previsioni meteorologiche, non soccorrono le soluzioni tecniche fino ad ora prospettate e realizzate.

Il problema rimane e, in prospettiva, pone molteplici dubbi in relazione allo sviluppo del progetto Darsena Europa, presso il porto di Livorno.


Un progetto, quest’ultimo, mastodontico: si è letto che il progetto originario prevedeva un costo pari a 1,3 miliardi di Euro, poi frettolosamente ridimensionato a “soli” 650 milioni, di cui 170 a carico della Regione Toscana; di una piattaforma che nel progetto avanzerebbe verso il mare per quasi due km, creando una barriera lato Livorno, in corrispondenza della foce dello Scolmatore, scavando per quasi venti metri il fondale marino, dagli effetti ambientali del tutto incerti.
Sussistono perplessità, dunque, di natura economico-finanziaria, ma ancor prima di natura ambientale che non hanno trovato ancora oggi adeguate risposte, in assenza di studi accurati e indipendenti che valutino, da un lato, le peculiarità ambientali dell’area - soprattutto inerenti il fenomeno dell’erosione del litorale pisano e delle mareggiate a Marina di Pisa -  e, dall’altro, la significativa contrazione del tonnellaggio di merce trattato nei porti italiani negli ultimi anni.
Un binomio – erosione del litorale e darsena Europa – per il quale, a più riprese, alcuni esperti hanno già mosso perplessità, che risponde a logiche strategiche che cozzano in ogni caso con la sovrabbondante capacità attuale dei porti italiani e la mancanza di una omogenea programmazione nazionale più volte riconosciuta dal Governo. Ciononostante, il progetto procede secondo le tappe previste, noncurante delle criticità a più riprese rappresentate ed in assenza di una trasparenza e partecipazione che l’importanza del progetto meriterebbe.

Così invece non è.
 
La Regione, più volte sollecitata, non ha fornito adeguate e puntuali risposte, piuttosto riconoscendo in alcuni casi la mancanza di verifiche essenziali del progetto, astenendosi – fatto ancor più grave -dal commissionare uno studio autonomo e indipendente sugli effetti ambientali dell’intervento. Ciononostante, si diceva, il progetto procede inesorabilmente.
ll futuro del litorale pisano impone, però, una piena presa di coscienza da parte della Regione, dell’Autorità portuale e del Comune di Livorno; un’attenzione maggiore, ma ancor prima un’assunzione di responsabilità per un intervento che – in ogni caso – segnerà il litorale pisano.
 
                                   Raffaella Bonsangue
Coordinatore provinciale Forza Italia Pisa
 

 

Fonte: Raffaella Bonsangue
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: