none_o

Può sembrare strano, ma non lo è affatto, dedicare oggi uno spazio alle parole. Non lo è perché come sempre, ma oggi più che mai, il mondo in cui viviamo è fatto di parole, se, come tutti ripetono, è il mondo della comunicazione, un mondo in cui le tecnologie della comunicazione condizionano la nostra vita non meno di quelle della produzione industriale o della chimica.

Eroi Dimenticati
none_a
Compleanno
none_a
Il Diario di Trilussa
none_a
LIBRI
none_a
Forone è la frazione meridionale del comune di Uzzano .....
Cari lettori, temo non abbiate completamente capito .....
Trovare tempo e spazio per pubblicare "Absolute biginners" .....
. . . . . . . . . . . . conosciutissimo dai lettori .....
InCantinaJazz, 19 agosto
none_a
Volterra-domenica 19 agosto
none_a
Tirrenia,14 agosto
none_a
Marina di Pisa, 10 agosto
none_a
Palaia, 10 agosto
none_a
Tirrenia, 7 agosto
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Cercasi operatori

    Il  Circolo ARCI Migliarino che gestisce la Ludoteca Comunale in versione estiva presso l'Oasi Dunadonda cerca personale qualificato per il perido di luglio e di agosto. Gli interessati possono inviare una mail alla posta del Circolo   arcimigliarino@gmail.com. Vedi sotto.


  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Io che ho spiegato le vele tutte finché la riva scompare,
esplorato ogni terra invisibile,
ogni visibile mondo, sfidato correnti, mostri marini, .....
Dopo l’ultimo consiglio comunale abbiamo finito di capire chi sono i consiglieri di minoranza. Incapaci, ignoranti egocentrici. Il tema ponte si discute .....
Forza Italia Pisa
Litorale pisano: “e’nova!”

17/1/2018 - 19:38


Litorale pisano: “e’nova!”


Ci risiamo. Basta una forte mareggiata, peraltro, annunciata dal servizio di allerta, e  Marina di Pisa si trova di nuovo in ginocchio. Strade allagate, pietraglia e sassi sul lungomare, con grave disagio e danni. Una situazione già vissuta nel recente passato, ma evidentemente ancora irrisolta, che ripropone il fenomeno erosivo della costa pisana.  Non bastano, infatti, le previsioni meteorologiche, non soccorrono le soluzioni tecniche fino ad ora prospettate e realizzate.

Il problema rimane e, in prospettiva, pone molteplici dubbi in relazione allo sviluppo del progetto Darsena Europa, presso il porto di Livorno.


Un progetto, quest’ultimo, mastodontico: si è letto che il progetto originario prevedeva un costo pari a 1,3 miliardi di Euro, poi frettolosamente ridimensionato a “soli” 650 milioni, di cui 170 a carico della Regione Toscana; di una piattaforma che nel progetto avanzerebbe verso il mare per quasi due km, creando una barriera lato Livorno, in corrispondenza della foce dello Scolmatore, scavando per quasi venti metri il fondale marino, dagli effetti ambientali del tutto incerti.
Sussistono perplessità, dunque, di natura economico-finanziaria, ma ancor prima di natura ambientale che non hanno trovato ancora oggi adeguate risposte, in assenza di studi accurati e indipendenti che valutino, da un lato, le peculiarità ambientali dell’area - soprattutto inerenti il fenomeno dell’erosione del litorale pisano e delle mareggiate a Marina di Pisa -  e, dall’altro, la significativa contrazione del tonnellaggio di merce trattato nei porti italiani negli ultimi anni.
Un binomio – erosione del litorale e darsena Europa – per il quale, a più riprese, alcuni esperti hanno già mosso perplessità, che risponde a logiche strategiche che cozzano in ogni caso con la sovrabbondante capacità attuale dei porti italiani e la mancanza di una omogenea programmazione nazionale più volte riconosciuta dal Governo. Ciononostante, il progetto procede secondo le tappe previste, noncurante delle criticità a più riprese rappresentate ed in assenza di una trasparenza e partecipazione che l’importanza del progetto meriterebbe.

Così invece non è.
 
La Regione, più volte sollecitata, non ha fornito adeguate e puntuali risposte, piuttosto riconoscendo in alcuni casi la mancanza di verifiche essenziali del progetto, astenendosi – fatto ancor più grave -dal commissionare uno studio autonomo e indipendente sugli effetti ambientali dell’intervento. Ciononostante, si diceva, il progetto procede inesorabilmente.
ll futuro del litorale pisano impone, però, una piena presa di coscienza da parte della Regione, dell’Autorità portuale e del Comune di Livorno; un’attenzione maggiore, ma ancor prima un’assunzione di responsabilità per un intervento che – in ogni caso – segnerà il litorale pisano.
 
                                   Raffaella Bonsangue
Coordinatore provinciale Forza Italia Pisa
 

 

Fonte: Raffaella Bonsangue
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: