none_o

 Alcuni mesi fa, durante una assemblea dell'associazione La Voce del Serchio, fu proposta l'idea, da parte di alcuni soci cicloamatori, di fare qualcosa per la pista ciclabile Puccini, cercando di sollevarla dalle condizioni di oblio e degrado in cui versa attualmente, dopo esser stata molto decantata e utilizzata per varie inaugurazioni in tempi propizi. L'origine del progetto....

Il Diario di Trilussa
none_a
I 10 anni della Voce
none_a
Anniversario
none_a
Le Parole di Ieri
none_a
Sinceramente sono stato molto indeciso e dubbioso prima .....
Dileggiare è anche raccontare gli eventi in modo distorto .....
. . . chi dal / 94 ha dileggiato l'ex cav (il fratello .....
Come ho più volte dichiarato, sono stato prima simpatizzante .....
Esperienze di viaggio
none_a
Esperienze di viaggio
none_a
La Natura vista da Simona Tedesco
none_a
Agrifiera di Pontasserchio, 22 aprile
none_a
LUNA DI SANGUE
none_a
San Giuliano, 29giugno-1 luglio
none_a
Tirrenia, 24 giugno ore 6.30
none_a
Pisa
none_a
Pisa, 30 giugno
none_a
Concerto del Maestro Signorini
none_a
  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


  • GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA LINGUA MADRE

      Una domenica un poco strana il 25


    Anche per quest’anno la GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA LINGUA MADRE, evento che il G.U.T. (Gruppourturatoscana) porta in giro nella zona pisana, ed oltre, sarà ospite dell’ASBUC di Migliarino 


COME UN SASSO NEL FIUME


Resto in silenzio ad aspettare te,
a contemplare il tuo tenero viso,
i tuoi occhi candidi, dolcissimi,
semplici che .....
A Migliarino Pisano Viale dei Pini lato Salviati affittasi appartamento arredato di 90 mq. sviluppato su unico piano composto da Ingresso indipendente .....
none_o
Simbolismo

14/2/2018 - 9:11



E, come ogni giorno di ogni mese di ogni anno: AUGURI!
Auguri a chi ama ed è riamato/a e anche a chi non conosce amore

.
Ma, o donne che avete perso il simbolo della vostra festa che arriverà a “fiore morto”, non vi preoccupate perché  quello che vi farà sentire importanti arriverà dal cuore e non dall’astuccino o il mazzolino!


Ma, o uomini, che avete perso quel qualcosa, per voi ora c’è il simbolo dell’inverno ma anche della bellezza, della spiritualità che trovate nel fiore primo a nascere, anche se subito a testa in giù, non festeggiate il vostro va-lentino, non vale,   e pensare agli altri bei tempi del va-lestino!

Fonte: i miei bucaneve sono un ricordo della nostra presenza, come protezione civile P.A, a Cardoso nella sciagura dell'agosto 1996
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




14/2/2018 - 13:55

AUTORE:
Valè

Candore pudicizia purezza modestia discrezione sensibilità...sono doti, aspetti dell'animo umano che dovrebbero caratterizzare le persone senza distinzione di sesso.
Amare ed essere amati è l'esigenza più profonda di ogni essere umano, amare significa ascoltare capire considerare e rendere felice chi ci vive intorno, anche nei momenti più bui. Amare non è una gara, una sfida né una rincorsa allo stupore alla meraviglia al lusso, amare vuol dire apprezzare e donare qualcosa di noi stessi a qualcun altro senza necessariamente aspettarsi sempre una ricompensa, qualcosa in cambio. Amare vuol dire comprendere le esigenze e i bisogni dell'altro, e non mi riferisco ai capricci o ai volubili desideri (quelli appartengono ai bambini), riuscire a captare il malessere o il disagio profondo quando si è ancora in tempo a rimediare e a provvedere. Amare è saper rinunciare al proprio egoismo, all'orgoglio che rende sordi, all'ambizione che rende ciechi.