none_o


Con una ricerca dell'Università di Washington, che può considerarsi la prima ad essere indirizzata sull'argomento, si è riusciti a riprodurre mediante un processo computerizzato, il movimento di fibre microplastiche nell'ambiente.  Lo studio è stato pubblicato nel numero di novembre della rivista Advances in Water Resource...

Pubblica Assistenza- Migliarino
none_a
Migliarino-Pubblica Assistenza
none_a
Metato - Pubblica Assistenza
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Vota Renzi
Aspetta solo i vostri voti per continuare .....
Ho trovato questi dati pubblicati da Salvatore Carollo, .....
Oracolo, oracolo. . . la memoria comincia a farti .....
Tanto per ricordarti che Veltroni insieme a Di Pietro .....
FIAB-Pisa
none_a
"Nati per leggere" a San Giuliano
none_a
Piante e giardini
none_a
Teatri della Resistenza
none_a
Pisaciclabilenotizie
none_a
“IncontriAMO Marina”
none_a
IL FORTINO
none_a
Circolo Arci di Nodica,
none_a
Teatro Vittoria, Cascine di Buti
none_a
San Giuliano, 2 dicembre
none_a
LICEO ARTISTICO RUSSOLI PISA
none_a
Filettole, 1 dicembre
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Partite Pisa A.C.

    Si avvertono i Soci che il Circolo trasmetterà in chiaro tutte le  partite dell'Associazione Calcio Pisa, sia in casa che in trasferta. Prossima partita Piacenza-Pisa domenica 30 settembre. 


  • Circolo ARCI Migliarino

      Cercasi operatori

    Il  Circolo ARCI Migliarino che gestisce la Ludoteca Comunale in versione estiva presso l'Oasi Dunadonda cerca personale qualificato per il perido di luglio e di agosto. Gli interessati possono inviare una mail alla posta del Circolo   arcimigliarino@gmail.com. Vedi sotto.


Pappiana
none_a
Pappiana
none_a
Campionato provinciale di seconda categoria
none_a
Giovanissimi B girone A
none_a
Io che ho spiegato le vele tutte finché la riva scompare,
esplorato ogni terra invisibile,
ogni visibile mondo, sfidato correnti, mostri marini, .....
RISOLVE :
- UMIDITA’ NELLE MURATURE
- RISANAMENTO DEL CALCESTRUZZO DEGRADATO
- IMPERMEABILIZZAZIONE DI :
. TERRAZZE E TETTI
. VASCHE IN C. A. .....
none_o
"Mai una gioia!"
di Robinson

18/2/2018 - 17:12


Dopo la solita razione di catastrofi ingurgitata nei telegiornali, insieme ad altre notizie nefaste, scorso l’elenco di malversazioni, truffe, omicidi, scontri, annunci eclatanti e dichiarazioni preoccupanti, rilasciate in libertà, da politici volponi, in campagna elettorale, sbirciato la lista delle previsioni economiche apocalittiche, sorbito le analisi pessimistiche a dir poco, sui futuri fenomeni e sviluppi sociali attesi nell’immediata futuro, sarei già stremato, pronto per andarmene a dormire….
(maccivai a letto!)

…ma al peggio non ci sono limiti, riesco   ad arrabbiarmi, financo per una profezia negativa del mio oroscopo, ed è troppo per i miei già compromessi e delicati equilibri…
 
…mollo tutto e decido di andare a dormire con quel pesante fardello psicologico, che mi opprime e sconforta, per trovare un po’ di pace, tra le braccia di Morfeo, sperando che la pausa del flusso di cattive notizie, mi regali una tregua emotiva, con qualche soddisfazione dell’umore…
 
Ormai la norma generale consueta mi vede costantemente di pessimo umore, orientato permanentemente ad attendermi il peggio ogni giorno, che supererà il livello del giorno precedente, ma rimarrà inferiore a quello previsto per il successivo, in una rincorsa e deriva epocali che lasciano sgomenti…
 
…per autodifesa e spirito di sopravvivenza, ormai resta soltanto la produzione di anticorpi, con la quale in un estrema strategia di salvezza, il cervello inonda la coscienza con sostanze psicotrope, che addormentandola quanto basta a lenire il disagio del vivere quotidiano, intontendone le capacità reattive, e ingannando l’anima, saturandola di un’indifferenza terapeutica necessaria  a non far perdere il senno di fronte ad una realtà la cui crudezza potrebbe inibire, speranza ed entusiasmo e alienare le facoltà cognitive.
 
Un po’ come succede per non intasare la mente con ridondanza di dati inutili e memoria, quando il cervello dimentica, selezionando opportunamente le fisionomie della folla, che diventeranno anonime e indistinte, mentre percorriamo il corso principale della meta vacanziera, dove pero ricorderemo bene le fattezze muliebri di chi ci ha stregato, con il suo fascino, interessato per la simpatia,  impressionato per le capacità,  oppure passato con disinvoltura il numero di telefono, in preda a un colpo di fulmine, e relativo raptus compulsivo…
 
oddio per interessarsi a me, alla fanciulla dovrebbe essere praticato semmai, un trattamento intensivo di elettrochoc, con relativa lobotomia, ma ho usato queste metafore per rendere l’idea dello stato catatonico, in cui verso, con un cranio sottovuoto pneumatico spinto, ed attività cerebrale piatta…
 
Un’atonia artificiale, indotta dalla demoralizzazione ed assuefazione alla nefasta successione di cattive notizie e conferme della peggiore sostanza del flusso di pessimi eventi, che già mi angustia ed a quello maggiore in arrivo e atteso….  
 
Per questo vedere un diciottenne, accorrere alle urla disperate della madre scioccata, quando il figlioletto di due anni, precipita dal marciapiede, e senza frapporre nessuna incertezza, togliersi lo zaino e tuffarsi sotto le ruote del convoglio fermo, ma in procinto di partire, per salvarlo da orribile morte, riuscendo nel magnifico intento, è stata per me un’autentica liberazione…
 
Un giovane sensibile e pietoso, non indifferente al drammatico contesto, che si spende liberalmente, per generosità e con coraggio, a sprezzo della propria incolumità, senza calcolare rischi e vantaggi di un gesto nobile e gratuito, e poi con indifferenza dichiara di aver agito per impulso naturale, schernendosi e ridimensionandone il valore, è un eroe, un vero autentico, paladino di giustizia e umanità, capace di ridare fiducia e speranza, nell’intrinseca bontà e qualità dell’intera specie….
 
Un termine di paragone e discrimine tra bene e male, capace di ricollocare le azioni e gli esempi nelle giuste categorie di valutazione, facendo chiarezza e fugando erronee interpretazioni del valore da assegnare a uomini e comportamenti…
 
… positivi e benemeriti, quado esprimono amore e generosità d’animo, interesse per i deboli gli indifesi, empatia e solidarietà per chi resta indietro, vicinanza sincera per chi è più sfortunato, accoglienza per diseredati e perseguitati, senso di pietà e carità per il prossimo…
 
una nobiltà d’animo contro cui stride e appare insensata e folle, la pretesa di elevare allo stesso rango, i raid di violenza, la caccia alle streghe, i rastrellamenti delle strade con armi in pugno…
 
le teorie razziali, gli slogan ultimativi, le parole d’ordine, hanno già dimostrato di essere capaci di generare solo odio e discriminazioni, tracciando solchi e steccati, dividendo la comunità fra buoni e cattivi, dimenticando l’intercambiabilità dei ruoli, le volubili fortune, l’aleatorietà dei risultati.
 
inoltre non proteggono nemmeno e non tutelano chi vi aderisce acriticamente…
sempre soggetto all’arbitrio, le insidie e le conseguenze “dell’ARMATEVI!..... E PARTITE!
 
 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




19/2/2018 - 13:36

AUTORE:
Robinson

.....bòòòòò

...a Vecchiano si direbbe..... so na sega io....


se in Italia lo "sfavamento" è ormai universale, coincidendo spesso con l'avvilimento e lo scoraggiamento più deleterio, alla luce oggettiva dei fatti, intendo però dire che che trattasi di un "sentiment", uno stato psicologico che deriva dalla percezione cognitiva, e dalla successiva elaborazione dell'interpretazione che si da' degli avvenimenti....

..-- e tutto dipende dal filtro applicato e dall'umore della platea della pubblica opinione...

... quando il bicchiere pieno a metà, sarà percepito come tale e non mezzo vuoto, anche la società italiana, emotiva e fragile per definizione, uscirà dalle attuali secche e dalla crisi....

l'uomo è e resta il principale fautore del suo destino, l'entusiasmo e la propositività, i migliori strumenti per il riscatto....

........facile a dirsi, un pò meno a farsi.....
eppure cosi van le cose....

18/2/2018 - 18:24

AUTORE:
Fox

Mi sa che siamo fatti oramai tutti con lo stampino e la parola più adatta per definire questo stato di malessere costante che va dall'incazzatura allo svilimento è "sfavato".
Perciò quando ho assoluta necessità di "disfavarmi" mi isolo da giornali telegiornali e giornali radio e ascolto con più attenzione la gente.
Non nego che una chiacchiera qua e una là mi regalano qualche risata qualche spunto imprevisto e anche qualche bell'esempio di umanità.