none_o


La quantità di anidride carbonica che quotidianamente le attività terrestri riversano nell'atmosfera ha ormai raggiunto livelli tali da cui sarà arduo, se non impossibile, tornare indietro, in mancanza di adeguate politiche economiche che prendano seriamente in considerazione questo problema, nonostante i continui appelli degli scienziati sulla salvaguardia del clima.

Migliarino
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Sistena Nazionale per la Protezione dell'Ambiente
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Siamo forti! Abbiamo vinto! Alè! Hip hip! Bravi!. .....
che c'è qualcuno che si esalta perché SWG unico istituto .....
Pensavo erroneamente che la figura alla Emilio Fede .....
. . . se Zingaretti tira a se i votanti di sinistra, .....
di Antonello Zauri‎
none_a
PD San Giuliano Terme
none_a
di GIUSEPPE TURANI
none_a
Verso le elezioni comunali
none_a
SGT verso le elezioni amministrative
none_a
Pisa, Presentazione del libro
none_a
Il Fortino,Marina di Pisa,23 marzo
none_a
Pontasserchio, 22 marzo
none_a
Vecchiano 29 marzo
Progetto Libri
none_a
Calci, 23 marzo
none_a
none_a
NICOSIA-Festa di Primavera.
none_a
Teatro Rossini, Pontasserchio
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Partite Pisa A.C.

    Si avvertono i Soci che il Circolo trasmetterà in chiaro tutte le  partite dell'Associazione Calcio Pisa, sia in casa che in trasferta. Prossima partita Piacenza-Pisa domenica 30 settembre. 


  • Circolo ARCI Migliarino

      Cercasi operatori

    Il  Circolo ARCI Migliarino che gestisce la Ludoteca Comunale in versione estiva presso l'Oasi Dunadonda cerca personale qualificato per il perido di luglio e di agosto. Gli interessati possono inviare una mail alla posta del Circolo   arcimigliarino@gmail.com. Vedi sotto.


  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Val di Serchio
none_a
2018/2019 fase interprovinciale.
none_a
Pappiana
none_a
Pisa Beach Soccer
none_a
E poi fate l’amore.
Niente sesso, solo amore.
E con questo intendo
i baci lenti sulla bocca,
sul collo,
sulla pancia,
sulla schiena,
i .....
. . . . . . . . . . . . . . un fatto accaduto quando andavo ancora alle elementari e che ricordo ancora molto bene. . . . . . Ebbene nell'ultimo banco .....
di Renzo Moschini
Una politica ambientale nazionale inclusiva

10/3/2018 - 12:45

Una politica ambientale nazionale inclusiva


Con i problemi posti dall’esito delle elezioni nessuno può sensatamente ritenere che una nuova politica ambientale di cui vi è urgenza possa ripartire dal parlamento.

Visto come erano andate le cose nella legislazione appena conclusasi non sarebbe stato consigliabile in nessun caso ora men che mai. E deve essere chiara la ragione. Certo alcune leggi per fortuna naufragate erano pessime ma quello che deve finalmente risultare chiaro è che oggi più che leggi discutibili di veramente discutibile e mancante è una politica nazionale che riguarda ovviamente innanzitutto lo stato ma anche le regioni, gli enti locali la ricerca scientifica e il mondo ambientalista nelle sue molteplici rappresentanze.
D’altronde basta affidarsi alle cronache per trovare inequivocabile conferma a partire dai parchi e dalle aree protette e proseguendo con il paesaggio, l’inquinamento marino, fluviale, lacustre, l’erosione delle coste, le frane gli allagamenti e via rovinando.

Qui altro che leggi che ‘impediscono’ ma politiche di cui si sono perse le tracce nonostante leggi vigenti da tempo e valide. Se oggi parchi storici come l’Abruzzo sono alle prese con rischi assurdi, se i più autorevoli parchi nazionali sono senza un piano e spesso anche del presidente e pure del direttore, se non hanno risorse per pagare la vigilanza è colpa della legge?.

Se i parchi della Liguria sono in più d’un caso a rischio chiusura, se Portofino è oggetto ‘sperimenti’ del cavolo, se il Delta del Po è nelle peste proprio grazie a leggi e norme fresche fresche di chi sarà la colpa? Della legge del 1991? E non parliamo delle aree protette marine che la nuova legge diceva di voler rilanciare e che prevede insomma una sua sconcertante privatizzazione. Se la nuova giunta siciliana appena insediata sbaracca il presidente del parco dei Nebrodi Antoci –quello dell’attentato di mafia-per commissariarlo dipende da una legge invecchiata? Se da anni dal ministero dell’ambiente non pervengono notizie mentre nei consigli dei parchi aumentano le rappresentanze di categoria perché i politici e i ricercatori non sarebbero affidabili?
Recentemente il sottosegretario Bressa ha firmato un accordo con le regioni Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna che prevende l’affidamento da parte dello stato nuove competenze tra cui l’ambiente. Altri accordi dovrebbero seguire. E’ certo una importante novità dopo quanto prevedeva il referendum ‘punitivo’ nei confronti delle regioni ordinarie mentre premiava quelle speciali divaricando ulteriormente il solco tra i due ambiti perché così conveniva al governo nella gestione da parte del governo nel ‘nuovo’  senato.
Ci sono come si può vedere le condizioni e la necessità di mettere insieme finalmente un appuntamento nazionale dove la politica e non le manfrine ritrovi la sua scena.
Un appuntamento che richiederà dopo tanta irresponsabile latitanza  anche la presenza dei parchi e di chi li rappresenta o meglio dovrebbe rappresentarli.
Renzo Moschini

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: