none_o


La quantità di anidride carbonica che quotidianamente le attività terrestri riversano nell'atmosfera ha ormai raggiunto livelli tali da cui sarà arduo, se non impossibile, tornare indietro, in mancanza di adeguate politiche economiche che prendano seriamente in considerazione questo problema, nonostante i continui appelli degli scienziati sulla salvaguardia del clima.

Migliarino
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Sistena Nazionale per la Protezione dell'Ambiente
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Siamo forti! Abbiamo vinto! Alè! Hip hip! Bravi!. .....
che c'è qualcuno che si esalta perché SWG unico istituto .....
Pensavo erroneamente che la figura alla Emilio Fede .....
. . . se Zingaretti tira a se i votanti di sinistra, .....
di Antonello Zauri‎
none_a
PD San Giuliano Terme
none_a
di GIUSEPPE TURANI
none_a
Verso le elezioni comunali
none_a
SGT verso le elezioni amministrative
none_a
Pisa, Presentazione del libro
none_a
Il Fortino,Marina di Pisa,23 marzo
none_a
Pontasserchio, 22 marzo
none_a
Vecchiano 29 marzo
Progetto Libri
none_a
Calci, 23 marzo
none_a
none_a
NICOSIA-Festa di Primavera.
none_a
Teatro Rossini, Pontasserchio
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Partite Pisa A.C.

    Si avvertono i Soci che il Circolo trasmetterà in chiaro tutte le  partite dell'Associazione Calcio Pisa, sia in casa che in trasferta. Prossima partita Piacenza-Pisa domenica 30 settembre. 


  • Circolo ARCI Migliarino

      Cercasi operatori

    Il  Circolo ARCI Migliarino che gestisce la Ludoteca Comunale in versione estiva presso l'Oasi Dunadonda cerca personale qualificato per il perido di luglio e di agosto. Gli interessati possono inviare una mail alla posta del Circolo   arcimigliarino@gmail.com. Vedi sotto.


  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Val di Serchio
none_a
2018/2019 fase interprovinciale.
none_a
Pappiana
none_a
Pisa Beach Soccer
none_a
E poi fate l’amore.
Niente sesso, solo amore.
E con questo intendo
i baci lenti sulla bocca,
sul collo,
sulla pancia,
sulla schiena,
i .....
. . . . . . . . . . . . . . un fatto accaduto quando andavo ancora alle elementari e che ricordo ancora molto bene. . . . . . Ebbene nell'ultimo banco .....
Pisa, 17 marzo
BUSKETO E IL RAGGIO DI SOLE

12/3/2018 - 18:24

 
BUSKETO: L’UOMO, LA SUA CATTEDRALE, I SUOI AMORI.
 
LO SPETTACOLO TORNA IN SCENA AL CINEMA TEATRO NUOVO IL 17 MARZO 
 
Dopo la prima rappresentazione dello scorso 2 dicembre al Teatro S. Andrea, torna in scena "Busketo e il raggio di sole", atteso da molti, compresi quelli che non riuscirono a procurarsi un biglietto di ingresso perché il teatro si riempì in un batter d’occhio, al Cinema Teatro  Nuovo il prossimo 17 marzo.

La Compagnia Teatrale «Il Gabbiano», espressione dell’omonima Associazione Culturale, ripropone a Pisa una storia tutta pisana.

 

È la parabola della vita dell’architetto noto col nome di Busketo (in realtà sembra si chiamasse Sahl) che, venuto dalla lontana Siria con l’incarico di progettare la nuova cattedrale, si trova ad affrontare la vita e la morte; conosce l’animo buono del soccorritore, l’opposizione politica di un vescovo coriaceo, la difficoltà di integrazione dello straniero guardato a volte con sospetto, ma finisce col convincere tutti del suo valore e della sua arte quando svela alla città e al popolo pisano la meraviglia del suo progetto, che anche noi oggi possiamo ammirare nella sinfonia marmorea della cattedrale di Pisa.
 
Il dramma che va dunque in scena,  è una storia umana, una parabola dell’esistenza di molti di noi, alle prese con le difficoltà da superare, il rispetto da conquistare e, perché no, gli amori da vivere: elementi della vita che Busketo dovrà imparare a sue spese, a costo di cocenti delusioni, ma anche grazie a dolci affermazioni, come varrà nel caso dell’amore della sua vita, donna Cecilia.
 
Il testo teatrale è tratto dal romanzo di Sergio Costanzo «Io, Busketo», edito da Linee Infinite, ed è un parto drammaturgico di Daniela Bertini, sostenuta dall’intervento di Stefano Doroni, che insieme hanno prodotto la riduzione teatrale dell’opera letteraria.

Altra colonna portante è la struttura musicale ideata da Antonio Gentilini, che è in realtà il primo «progettista» di quest’opera, che si snoda in una serie di canzoni che si pongono nei punti nodali del dramma a meglio sottolinearne la pregnanza e il significato.

Si uniscono all’opera musicale di Gentilini due brani musicali di Stefano Doroni e due canzoni appositamente scritte dalla poetessa Valeria Serofilli.  La regia dello spettacolo è affidata a Daniela Bertini.
 
Il dramma può fregiarsi di interpreti di tutto rilievo, a partire dal tenore Alessandro Carmignani nei panni del Console Orlandi, al soprano Jennifer Schittino in quelli di donna Cecilia; il ruolo del protagonista Busketo è affidato ad Antonio Gentilini, mentre quello della «presenza narrante» che accompagna tutto il dipanarsi dello spettacolo è interpretato da Stefano Doroni.

Seguono, niente affatto in secondo piano ma anzi fondamentali per l’economia drammaturgica, tutti gli altri interpreti.

Da Alessandro Giannerini, Antonella Cenci e Maria Chiara De Neri, nei panni del soccorritore di Busketo (Ottavio, sua moglie Altea e la figlia Sista), a Guido Martinelli, nei panni del coriaceo e serpentesco vescovo Guido da Pavia; a Matteo Martorana in quelli del giovane architetto Rainaldo, erede artistico del maestro Busketo; a Juan Martin Diantoni, che interpreta il giovane Sahl in arrivo dalla Siria, al noto attore della Brigata dei Dottori Alfonso Nardella, che incarna Fares, il padre del futuro Busketo.

Completano il cast le ballerine della scuola Art Ballet School di Navacchio, magistralmente preparate e dirette dalla maestra Laura Bascherini.
 
In supporto, Massimo ed Elia Di Paco e i figuranti della Libera Compagnia d’Arme delle Tre Fiere.
 
 Ma sopra tutto e tutti, di certo last but not least, protagonista della storia è la nostra cattedrale, il cui meraviglioso modello che perfettamente la riproduce è stato realizzato da un vero artista che è Gianfranco Pellegrini.
 
L’appuntamento, per la città potremmo dire, per iniziare i festeggiamenti del Capodanni Pisano, è dunque al Cinema Teatro Nuovo, in Piazza della Stazione a Pisa, il prossimo sabato 17 marzo sera: per scoprire qualcosa della storia di Pisa nella magica ricostruzione del teatro, che permette, con le sue luci, i suoi suoni, le voci degli attori, che ogni sogno possa prendere i panni della realtà.
 
Info: prenotazionibusketo@virgilio.it  
 
Prenotazioni presso Ottica InVista (zona Esselunga) /Libreria Blu Book
 
Tel. 3470341330 
 
Fb:  Il gabbiano Associazione Culturale

    
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: