none_o

Mettiamola cosi: in Medio Oriente c’è stata grande confusione sotto il sole e molte forze e fazioni locali e longa manus di potenze vicine e lontane, si sono accapigliate in un contezioso complesso, per certi versi sorprendente e apparentemente incoerente. Una difficile partita a scacchi, giocata cinicamente a più mani a diversi livelli di interessi palesi e occulti, legittimi e inconfessabili e strati sovrapposti di tattiche o strategie conflittuali....

Accadde oggi
none_a
I 10 anni della Voce
none_a
Le Parole di Ieri
none_a
La pagina di Michele
none_a
Il Diario di Trilussa
none_a
Caro Riccardo informati!

il principale avversario .....
Un governo con la legge elettorale ( anche attuale) .....
Per me rimarrà sempre una naturale incapacità a capire .....
La legge elettorale a doppio turno alla francese é .....
Agrifiera di Pontasserchio, 28 apri
none_a
25 Aprile
none_a
Pontasserchio, 24 aprile
none_a
PONTEDERA
none_a
25 Aprile
none_a
Vecchiano
none_a
Vecchiano
none_a
Pappiana
none_a
San Giuliano Terme, 15 aprile
none_a
COME UN SASSO NEL FIUME


Resto in silenzio ad aspettare te,
a contemplare il tuo tenero viso,
i tuoi occhi candidi, dolcissimi,
semplici che .....
A Migliarino Pisano Viale dei Pini lato Salviati affittasi appartamento arredato di 90 mq. sviluppato su unico piano composto da Ingresso indipendente .....
Le Parole di Ieri
Da Torpedine a Trabaccare

9/4/2018 - 10:37

 

TORPEDINE
Lett: TORPEDINE. [Pesce dei fondi marini fangosi di carne non pregiata (raja torpedo)].
Specie di siluro: [specie di petardo che si adatta sott’acqua e acceso da innestatura elettrica, meccanica o fulminante mediante l’urto detona fortemente e manda in pezzi il naviglio nemico].
Forse da questa terrificante descrizione deriva l’attribuzione di questo nome a quello che noi chiamiamo “ponce alla livornese” o “ponce a vela”, formato da caffè e da una buona dose di liquori vari, anche non pregiati ma sapientemente miscelati. La sua potenza alcolica poteva farlo somigliare alla potenza esplosiva del siluro, specie se vi veniva aggiunto, come nelle ricette originali, pepe, peperoncino e addirittura polvere da sparo.
 
TORSOLO
Lett: TORSOLO. [Torso di cavolo e simili].
In dialetto torsolo è invece un termine che si riferisce a chi combina qualche guaio, chi fa una gaffe, chi non si comporta nel modo giusto.
Se’ proprio un torsolo!”  è una frase dal tono moderatamente offensivo, più un’amichevole esortazione che un vero e proprio insulto.
 
TRABACCARE
Lett: nc.
Il significato dialettale era attraversare.
Leggiamo da Umberto.


La viabilità dei tempi antichi non era così scomoda come si potrebbe pensare. L’unico punto debole di un lungo viaggio era rappresentato dall’attraversamento dei corsi d’acqua e solo le grandi strade romane consolari avevano ponti in pietra, tanto grandi e robusti da rimanere intatti fino ai nostri giorni.
La vecchia via Aurelia, che collegava il Granducato di Toscana con la Repubblica di Lucca, quindi Pisa con Viareggio, arrivava da sud in località Arbavola e si trovava interrotta dal Serchio.
Il carattere torrentizio del fiume ed il disinteresse per gli scambi fra i paesi situati sulle opposte rive, non spingevano i Comuni ad edificare un ponte che agevolasse il pur scarso transito.
Gli affari tra Pisa e Lucca si facevano per la via del Brennero di San Giuliano e quelli tra Lucca e Pietrasanta per la via Francesca di Camaiore.
Il tratto che congiungeva Migliarino a Viareggio passava attraverso una folta pineta di proprietà dei Duchi Salviati, su un evidente tratto di strada romana come dimostrano i cippi miliari che si trovano tuttora nascosti dalla vegetazione.
Il Capitanato di Pietrasanta aveva il fiume omonimo che faceva da confine con i territori della Comunità di Camaiore, questi confinavano a loro volta a sud con la Vicaria di Viareggio con la Fossa dell’Abate e la divisione di questo borgo dal Pisano era una “ampalancita di legname”, perpendicolare al mare, su una linea che prenderà poi il corso del Fosso della Bufalina.
Il 1° ottobre del 1700 fu deciso di diradare la macchia ai lati della strada romana, lasciando “in sull’orlo de i lati una fila o due di alberi per vaghezza e confine…e sarebbe più frequentata e battuta e meno esposta alle insolenze delli assassini”.
Con la formazione di una “Società Anonima per la Costruzione di un Ponte sul Fiume Serchio e di una Strada tra Viareggio e Migliarino” il Duca Scipione Salviati, il 1° settembre 1854, pose fine alla pericolosità dei viaggi e al disagio dell’attraversamento del Serchio in località “la Barca”.
Veniva così ad essere interrotto, se necessario anche con la forza pubblica e sotto pena di pesantissime contravvenzioni, il funzionamento della “barca traiettizia”, in servizio da tempi immemorabili
La messa in funzione del ponte, esattamente l’11 dicembre 1856, venticinque mesi dopo la costituzione della Società e cinque mesi prima del termine previsto nel contratto, toglieva lavoro alle famiglie dei traghettatori di merci, bestie e cristiani, ma portava soldi a palate nelle casse degli azionisti che avrebbero ceduti i diritti di passo del nuovo ponte ai Comuni solamente dopo cento anni, tanti quanto sarebbe durata la Società.
L’attraversamento con la barca è l’attrabarcamento che diventa attrabaccamento o più semplicemente trabaccamento, da cui trabaccare.

 

FOTO. Cartolina postale

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: