none_o


Dopo l'articolo incentrato sugli avvenimenti dell'inizio del 1800 e sugli adempimenti che Napoleone chiedeva al territorio della Comune di San Giuliano, in cui Vecchiano era stata inclusa da Pietro Leopoldo nel 1776, insieme con tutte le 31 Comunità della precedente Podesteria di Ripafratta, arriviamo ora alle vicende al tramonto dell'Impero napoleonico.Nel 1808 Vecchiano era stata separata, sempre dai francesi, dai Bagni di San Giuliano, dividendo le Comunità a destra e a sinistra del Serchio, ma la procedura fu molto ostacolata dall'amministrazione di San Giuliano. 

Ma il silenzio di un popolo …
A volte scrivere per .....
Stamattina per cause da stabilire c’è stato un incendio .....
. . . come tanti "noialtri autoctoni" a 4 (quattro) .....
Che bellezza il 2 giugno: 10. 000 auto a 10 euro/ cadauna .....
Di Mattia Feltrio
none_a
di Roberto Sbragia - Capogruppo Vecchiano Civica
none_a
Di U M (a cura di BB, red VdS)
none_a
di Fabio Poli
none_a
Di Umberto Mosso (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Libri.
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Ar vernàolo, a questa lingua antìa,
io provo a fanni ‘na radiografia.
Per noi pisani, tanto pe’ chiarì,
è la parlata ‘he si parla ‘vi
inventata .....
A me, come a tanti altri hanno rubato il vaso portafiori in bronzo al cimitero di Pontasserchio, è troppo abbandonato. Anche i defunti meritano rispetto .....
Latrofa su questione Arena
“Si è perso troppo tempo, il 19 parte l’ultimo treno. Voglio chiarezza dal PD”

16/4/2018 - 8:59

Latrofa sulla questione Arena: “Si è perso troppo tempo, il 19 parte l’ultimo treno. Voglio chiarezza dal PD”
 
Tra pochi giorni, il 19 aprile, ci sarà l’ultimo consiglio comunale utile per poter affrontare la questione stadio e inserire l’Arena Garibaldi nel piano delle alienazioni, come primo passo per far partire un iter che non è mai partito. Il calendario proposto da Pisa nel Cuore, che lo stesso Sindaco Filippeschi si era detto disponibile a seguire, avrebbe permesso al consiglio comunale di portare in fondo la vicenda in tempo, senza ridursi all’ultima data utile, col rischio di dover rimandare tutto a dopo le elezioni. Raffaele Latrofa solleva molteplici domande e informa i cittadini sulla situazione attuale.
 
IL PD PRENDE TEMPO – Sabato è stato pubblicato un articolo che fa emergere i dubbi del PD riguardo alla stima del bene da parte dell’agenzia del territorio, ponendo alla segreteria generale del Comune come quesito se il valore di stima indicato in delibera possa dar luogo a un danno erariale e alle conseguenti responsabilità in capo a coloro che esprimeranno un voto favorevole o di astensione. Ma come stanno le cose? Dice Latrofa: “Questo è l’ennesimo trucchetto da parte del PD di prendere tempo. Arrivare a paventare rischi di danno erariale è assurdo, il PD non si fida di una stima fatta dall’agenzia del territorio, quindi da parte dello stesso Stato che dovrebbe punirli se la stima fatta fosse troppo bassa. Voglio sapere i nomi di queste persone, è evidente che non siano in grado di fare i consiglieri comunali e quindi debbano smettere di fare politica e di lavorare nelle amministrazioni comunali.”
 
LA NOSTRA POSIZIONE E’ CHIARA DA ANNI – La posizione di Pisa nel Cuore e di Raffaele Latrofa è chiara da anni. Latrofa, all’epoca dell’ultima variante urbanistica, ad aprile 2017, presentò un ordine del giorno, poi bocciato dalla maggioranza, che chiedeva di spostare la destinazione urbanistica dello stadio da Ospedaletto e di portarla nel luogo in cui si trova adesso lo stadio, prevedendo una riqualificazione del quartiere molto forte. Invece, all’attuale stato dell’arte, la variante urbanistica prevede lo stadio ancora a Ospedaletto e non è stato fatto niente da parte agli amministratori del PD per cambiare le cose. Latrofa: “Abbiamo chi vuole mettere 30 milioni di euro nello stadio e bisogna metterli nelle condizioni di farlo. Se il PD non vuole lo stadio, almeno ci spieghi perché negli anni non si è fatto niente per metterlo a norma e per arginare il degrado della struttura. Tra la riduzione della capienza delle curve e dell’intera Arena, non si è mai fatto niente per migliorare la situazione. È una vergogna. Io ho abitato in via Santo Stefano, dietro la Curva Sud e so cosa vuol dire essere blindati e avere uno stadio che crolla perché gestito male dalla pubblica amministrazione. Se diventerò Sindaco, fin dalla prima settimana del mio mandato, farò preparare subito dagli uffici tutte le delibere per correre su questa vicenda, opportunità irripetibile per il quartiere e la città, perché è stato perso troppo tempo”
 

Fonte: Michele Bufalino Addetto stampa Pisa Nel Cuore
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri