none_o

Percorrere la via Traversagna dal monte fino a Migliarino andando lentamente e guardandosi intorno può essere molto istruttivo. La prima cosa che salta agli occhi è la maleducazione di noi cittadini. Spazzatura ovunque. La maggior quantità è ammassata sotto il ponte che spassa oltre la Barra. Un cumulo di rifiuti fra cui frigoriferi e mobili vetusti che non sono passati per la Geofor.

Il Diario di Trilussa
none_a
LIBRI
none_a
Personaggi
none_a
I 10 anni della Voce
none_a
. . . . . . . . . . . . ricordo che il virus del " .....
oggi sono stato a santa anna di Stazzema ho partecipato .....
. . . . . . . . . . . . . inorgoglisce è nella fantasia, .....
Quello che mette in difficoltà il nostro paese, creando .....
Volterra-domenica 19 agosto
none_a
Tirrenia,14 agosto
none_a
Marina di Pisa, 10 agosto
none_a
Palaia, 10 agosto
none_a
Tirrenia, 7 agosto
none_a
Calci, 12 agosto
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Cercasi operatori

    Il  Circolo ARCI Migliarino che gestisce la Ludoteca Comunale in versione estiva presso l'Oasi Dunadonda cerca personale qualificato per il perido di luglio e di agosto. Gli interessati possono inviare una mail alla posta del Circolo   arcimigliarino@gmail.com. Vedi sotto.


  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Io che ho spiegato le vele tutte finché la riva scompare,
esplorato ogni terra invisibile,
ogni visibile mondo, sfidato correnti, mostri marini, .....
Dopo l’ultimo consiglio comunale abbiamo finito di capire chi sono i consiglieri di minoranza. Incapaci, ignoranti egocentrici. Il tema ponte si discute .....
di GIUSEPPE TURANI
RENZI A PALAZZO CHIGI CON I VOTI GRILLINI

19/4/2018 - 21:09

          RENZI A PALAZZO CHIGI CON I VOTI GRILLINI


Svanito il governo con il centrodestra, rimane solo quello con il Pd. Ma ci saranno da pagare, eventualmente, prezzi altissimi.

La battuta più divertente che circola a Montecitorio è: “Il Pd potrebbe anche appoggiare un governo con i 5 stelle a patto che a presiederlo sia Matteo Renzi, e che ne facciano parte Minniti, Gentiloni e Calenda”.
I cronisti, vista esaurita la strada 5 stelle-centrodestra, adesso divagano su un governo Pd-grillini.

E si parla di un diabolico piano di Renzi per spingere i 5 stelle in pratica a autodistruggersi. L’eventuale governo dovrebbe infatti avere come base del programma il rispetto rigoroso dei vincoli europei sui conti pubblici e la salvaguardia di tutte le riforme renziane della passata legislatura. E, ovviamente, un presidente che, se non sarà proprio  Renzi, non sarà nemmeno Di Maio. Vincoli europei, no-Di Maio e salvaguardia delle riforme renziane sarebbero elementi non negoziabili in un eventuale accordo: o prendere o lasciare. Per i 5 stelle sarebbe come impiccarsi a una trave del solaio della Casaleggio & C.
Quante possibilità ci sono che questo accada? Difficile dirlo.

Quasi tutti, ormai, spingono in questa direzione e, oggettivamente, sembra non esistano alternative. Se non quella di lasciare i “vincitori” a bollire nella loro acqua stagnante: hanno fatto i gradassi fino a oggi, che facciano un governo.
In realtà, le cose sono più complesse. I grillini si sono incastrati da soli: hanno chiuso gli occhi davanti alle firme false e ai bonifici non fatti, potevano anche non montare questo cinema intorno a Berlusconi “male assoluto” e accettare i suoi voti, come li hanno accettati per eleggere Fico a presidente della Camera.
Ma la testa grillina non è come tutte le altre e gli strateghi della Casaleggio non sono così bravi come sembrerebbe. A questo punto, da come si sono messe le cose, possono cavarsela solo ingoiando uno dei due rospi: Berlusconi o Renzi. E, fra i due, Berlusconi sarebbe forse quello che si accontenterebbe di meno. In entrambi i casi, comunque, Di Maio si può scordare di passare in rassegna il picchetto d’onore di palazzo Chigi: la sua testa sarà il pegno che Berlusconi o Renzi chiederanno per fare un governo. E questo proprio perché i grillini stessi hanno trasformato la sua nomina in un simbolo: e nessuno può dargliela vinta fino a questo punto.
Ma, al di là delle divagazioni dei cronisti politici, c’è poi il problema degli elettori. Un governo Pd-5 stelle, con un Pd che mette condizioni durissime e no-Di Maio, avrebbe un effetto devastante sulla base grillina: roba da forconi e da lancio di pomodori marci. Ma anche l’effetto sulla base Pd non sarebbe molto diverso.
Anche la reazione dei mercati non sarebbe tanto buona. Il nuovo governo, al di là della  carte e dei programmi, avrebbe certamente il profilo di un governo un po’ spendaccione. Il contrario, cioè, di quello che servirebbe oggi. E sarebbe anche un governo di poche riforme liberal: i grillini sono sostanzialmente degli statalisti alla vecchia maniera e dentro il Pd la tentazione statalista non è mai morta, nonostante il tornado Renzi e le sue rottamazioni.
Insomma, caduto il governo di centrodestra-grillini, che sarebbe stata la cosa migliore (i vincitori al potere, i perdenti all’opposizione), si annuncia, forse, una stagione di pasticci con terremoti dentro il Pd e dentro i 5 stelle. Infatti, fra i possibili governi “innaturali”, questo sarebbe il più innaturale di tutti.
Ma le pressioni sono molto forti. C’è chi addirittura consiglia a Renzi di osare l’inosabile e di tentare di fare il Macron italiano con i voti grillini: tanto sono finiti in un vicolo cieco e saranno costretti a accettare tutto pur di non fare la figura degli scemi e di doversene tornare a casa senza nemmeno un ministro.
Insomma, a Renzi si consiglia il triplo salto morale, senza rete, e con chiodi sparsi sul pavimento.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




20/4/2018 - 20:14

AUTORE:
Lettore

..."decise" che l'uva era acerba, invece tutti vedevano che l'uva
era matura ma la pergola era alta e la povera volpe non disponeva neppure di una scaletta da pollaio per arrivare fin lassù...e anche una discussione su Amerigo Vespucci o Cristoforo Colombo, non conviene vero? tanto loro non potrebbero interloquire.

20/4/2018 - 19:37

AUTORE:
Lettore stanco

... io questo Turani nemmeno più lo leggo. Ci provo, ma poi non riesco ad arrivare alla fine. Qualcuno lo legge di siuro e magari pensa che sia un cervellone. Qualceh volta mi viene di rispondere ma poi lascio perde, tanto lui non mi legge e allora è inutile...

20/4/2018 - 15:22

AUTORE:
Lettore

....dar modo a chi non ha da dir niente...di dire la sua.

20/4/2018 - 14:46

AUTORE:
Dal Serchio

Siamo arrivati al " me la suono e me la canto " , il problema è che non ne azzecca una . Continua che vai forte.

20/4/2018 - 13:21

AUTORE:
GIUSEPPE TURANI

Il Governo che c'era
Presidente Casellati, vice Salvini e Di Maio. Meloni alla Difesa. Economia e Esteri scelti direttamente da Mattarella.

A metà mattinata di ieri il governo era già fatto e con tutte le caselle a posto. Maria Elisabetta Alberti Casellati (berlusconiana di ferro), presidente del Consiglio, Salvini e Di Maio, vice-presidenti, Meloni alla difesa. Economia e Esteri, due personalità scelte direttamente da Mattarella. Questo spiega l’ottimismo che si era diffuso.

Poi è saltato tutto, e non per ragioni misteriose. Semplicemente i 5 stelle hanno capito di non potersi presentare davanti ai loro elettori con una soluzione del genere: niente guida a Di Maio (anzi, a Forza Italia) e niente ministeri importanti.

Adesso, i giochi sono abbastanza fermi. Berlusconi ha ribadito che quello che vuole Di Maio, e cioè l’esclusione di Forza Italia dalle trattative, è “cosa che non esiste in natura”.

In realtà, il governo che c’era ieri mattina, e che oggi non esiste già più, era il massimo a cui poteva aspirare Di Maio. Da adesso in avanti dovrà accontentarsi di molto, ma molto, meno.

Anche perché vari poteri stanno premendo sul Quirinale perché non consenta un governo a guida dei due sovranisti-populisti.

Lo schema ideale, il governo perfetto, per i mercati e per chi ci presta il denaro con cui tirare avanti sarebbe un governo: Forza Italia-Pd-5 stelle, con un presidente diverso da Di Maio e con economia e esteri di fatto nominati da Mattarella, e con la Lega all’opposizione.

Ma si tratta di un sogno: non ci si arriverà mai. Per ora, non rimane che prendere atto del fatto che dopo quasi cinquanta giorni dalle elezioni i vincitori non sono riusciti a mettere insieme un governo. Due gli ostacoli:

1- La pretesa di Di Maio di essere comunque lui il presidente del Consiglio.

2- I molti paletti che lo stesso Di Maio ha piantato intorno a se stesso: non a Berlusconi, non a questo, non a quello.

Si sa che Di Maio, e i suoi strateghi, puntano a un governo con il Pd, e per una ragione molto semplice: sperano in questo modo di mangiarselo nel giro di pochi mesi e di cancellarlo dalla scena politica.

Ma è un’illusione. Il Pd, benché diviso e tormentato, è abbastanza navigato da non cadere in una simile trappola. Inoltre, se mai si dovesse arrivare a un accordo del genere, i prezzi chiesti ai 5 stelle sarebbero altissimi. Di fatto il programma sarebbe quello del Pd e certamente Di Maio non potrebbe fare il presidente. Roba da far schiantare i 5 stelle in mille pezzi.

A questo punto, l’unica strada veramente percorribile (al di là di tutte le giravolte a cui assisteremo) è un governo del presidente, con i voti di tutti o di chi è così responsabile da votarlo. Insomma, per essere chiari, una specie di governo Monti che guidi l’Italia in questa difficile fase congiunturale (la buona stagione dell’economia sta per finire).

Poi, l’anno prossimo, o dopo, elezioni.

Ma avendo accertato che i vincitori, forti di programmi insensati e demagogici, non sono mai riusciti a fare un governo. E nemmeno a dotarsi di un programma credibile. Di Maio continua a dire che è pronto a far firmare un contratto alla tedesca ai suoi interlocutori, ma non ha il contratto e nemmeno gli interlocutori: parla solo per se stesso e per le telecamere.

Prendere una barca di voti, insomma, non è servito a niente.

In più è sempre più evidente che qui serve una nuova stagione di riforme (grosso modo quelle stesse bocciate nel referendum). Ma, forse, non tira aria. Non ancora.